Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Giovedì 25 APRILE 2024
Lettere al direttore
segui quotidianosanita.it

Senza finanziamenti i servizi di salute mentale rimangono al palo

di Pietro Pellegrini

29 MAR -

Gentile Direttore,
nel gennaio 2023, 91 direttori di Dipartimento di Salute Mentale hanno inviato alle massime Autorità del Paese una lettera appello per sollecitare un finanziamento della salute mentale pari almeno al 5% della spesa sanitaria (ferma a meno del 3%) e un piano straordinario di assunzioni di personale.

A distanza di oltre un anno quale è la situazione dei finanziamenti e del personale? Quanti servizi sono stati ridimensionati o chiusi? Purtroppo mancano dati nazionali e regionali. L’impressione è che grazie alla resilienza, all’impegno professionale ed etico degli operatori sia in atto, a risorse invariate o diminuite una sostanziale tenuta del sistema. Ma quanto può durare senza sostegni, ricambi e nuove risposte?

Anche la mobilitazione dei professionisti avvenuta dopo l’omicidio verificatosi a Pisa il 27 aprile 2023 della psichiatra Barbara Capovani quali risposte reali ha portato in merito alla sicurezza delle cure?

Il crescente disagio in contesti sensibili come carceri (compresi i suicidi) e centri per migranti richiedono politiche e interventi complessi e interistituzionali. Lo stesso per il completamento dei percorsi giudiziari e della legge 81/2014 che ha chiuso gli OPG.

Nel centenario della nascita di Franco Basaglia, è tempo di dare vigore alla legge 180, alla legge 18/2009 (Convenzione per i diritti delle persone con disabilità) e ad un grande progetto di deistituzionalizzazione, come indicato anche dalle Nazioni Unite.

Sarebbe utile farlo in modo unitario, trasversale perché la salute mentale è una componente essenziale della salute, è un bene comune, un interesse della collettività e fattore di sviluppo della comunità. Difendiamo un modello di salute mentale di comunità, un prodotto nazionale di cui l’Italia, nonostante tutti i limiti, può andare orgogliosa.

Pertanto, servono interventi al fine di fare fronte alla crescente domanda e per articolare risposte di salute a partire dalla casa delle persone, dai loro bisogni e risorse, tenendo conto delle loro famiglie mediante innovativi strumenti come i budget di salute e i servizi di comunità e prossimità integrati con il sociale e il Terzo settore. Occorre dare realizzazione ai Percorsi Diagnostico Terapeutici Assistenziali altamente qualificati sulla base delle migliori conoscenze scientifiche e grande sensibilità umana ed etica.

Un quadro che può realizzarsi solo con le necessarie risorse economiche, personale formato e la responsabilizzazione dell’intera comunità. I servizi di salute mentale sono un patrimonio che abbiamo creato come bene primario del Paese, smantellarlo significherebbe minare la spina dorsale delle nostre comunità, creare una condizione di abbandono e solitudine che avrebbe gravi conseguenze per le persone e l’intera società.

La promozione dei diritti e doveri di tutte le persone, comprese quelle affetti da disturbi mentali, in una società accogliente, equa e solidale può rappresentare un comune obiettivo del nostro patto sociale per il quale lavorare tutti insieme.

Pietro Pellegrini
Direttore Dipartimento Assistenziale Integrato Salute Mentale Dipendenze Patologiche Ausl di Parma



29 marzo 2024
© Riproduzione riservata

Altri articoli in Lettere al direttore

lettere al direttore
ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Sede legale:
Via Giacomo Peroni, 400
00131 - Roma

Sede operativa:
Via della Stelletta, 23
00186 - Roma
Direttore responsabile
Luciano Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Tel. (+39) 06.89.27.28.41

info@qsedizioni.it

redazione@qsedizioni.it

Coordinamento Pubblicità
commerciale@qsedizioni.it
    Joint Venture
  • SICS srl
  • Edizioni
    Health Communication
    srl
Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy