Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Giovedì 23 SETTEMBRE 2021
Lettere al direttore
segui quotidianosanita.it

Vaccinazioni. Se vince la libertà di disinformazione

di Giovanni Leoni (Omceo Venezia)

23 MAG - Gentile  Direttore,
a Rimini lo scorso venerdì 20 maggio, nel corso del suo intervento all’Assemblea Generale Fnomceo,  il Ministro Lorenzin in un suo passaggio ha fatto un accorato appello ai circa 600 medici presenti a sensibilizzare colleghi di ogni appartenenza e le famiglie con cui entrano in contatto sulla  necessità delle vaccinazioni prima infanzia, che  una volte si potevamo definire  obbligatorie, ora nel  panorama variegato dei vari  sistemi sanitari regionali sono classificate anche come  “facoltative” .
 
Ha sentito il dovere di farlo visto che  l’Organizzazione  Mondiale   della Sanità ha recentemente dedicato sull’argomento specifico alla nostra Italia un richiamo formale, dato  che il Bel Paese  è  scivolato agli ultimi posti delle nazioni  industrializzate nella classifica mondiale per tasso di  bambini vaccinati.
 
La stessa OMS che ha ritenuto strategico  promuovere  la “Settimana mondiale delle vaccinazioni “ dal 24 al 30 aprile 2016, per incentivare l’immunità di gregge, per proteggere i bambini più delicati che sono protetti solo se tutti gli altri sono vaccinati, se la malattia semplicemente non c’è.   Secondo i dati dell’Istituto Superiore di Sanità in Italia nel mese di ottobre 2014, sono stati segnalati 47 casi di morbillo, portando a 1620 i casi segnalati dall’inizio dell’anno, con un’incidenza maggiore in Liguria, seguita dal Piemonte, dalla Sardegna e dall’Emilia Romagna.

 
In Italia la copertura vaccinale è in calo anche per le vaccinazioni obbligatorie, ed è scesa nel 2014 sotto quel 95 per cento che, secondo le autorità sanitarie internazionali, garantisce l'immunità di gregge, ossia la copertura anche per chi, per ragioni immunologiche, non può essere vaccinato. La vaccinazione trivalente, contro morbillo, parotite e rosolia, è precipitata all'86 per cento«(Valeria Pini - Repubblica) . Esempi di minima per il quadro generale della situazione. 
 
Per il sottoscritto rimane quindi un mistero su come sia potuto accadere  pochi giorni fa che ad una trasmissione di RAI Due,  Virus, quindi  con l’attendibilità di una informazione che proviene da una rete televisiva nazionale sia stato invitato un esperto di musica leggera  a esprimere  giudizi su materie scientifiche  mediche. 
 
Permettere passaggi televisivi davanti a milioni di persone come  “È demenziale obbligare a vaccinare i bambini"  è secondo il sottoscritto “Libertà di Disinformazione”, l’esatto contrario della ragione di esistere di una rete RAI pagata con i soldi degli abbonati che ha come primo impegno non l’intrattenimento ma l’informazione e la relativa crescita culturale degli spettatori .
 
Da bambino mi hanno raccontato che ho imparato a leggere Topolino prima di andare a scuola seguendo  il maestro Manzi autore e protagonista  di  “Non è mai troppo tardi “ trasmissione  del pomeriggio  per analfabeti in un’Italia fine anni 50 primi anni  60. Un’Italia che cercava di uscire dalla povertà con il boom economico, con il patrimonio inestimabile di tanti valori condivisi   in cui le vaccinazioni obbligatorie per tutti erano la  guerra alla  poliomielite ed alla tubercolosi. 
 
Io sono cresciuto  nel rispetto del metodo scientifico, quello dimostrato e riproducibile, senza se e senza ma. Quindi tutta la mia solidarietà al collega Prof. Roberto Burioni, medico universitario che ha dedicato gran parte della sua vita professionale alla virologia, uno scienziato trascinato in una arena mediatica visto che  nella puntata della citata trasmissione Virus del 12 maggio scorso   doveva rappresentare “l’altra parte della verità” sui vaccini in questo assurdo confronto con un  Disk Jockey.
 
Questa sana reazione con 5.000.000 di visualizzazioni sul web  per il post di risposta sull’argomento di Burioni  può essere utile alla diffusione della verità  sulle vaccinazioni.
Concludo con una richiesta a tutti i  lettori di  chiedere  le corrette informazioni in prima istanza al loro pediatra ed al loro medico di famiglia,  che sono i primi veri e titolati interlocutori  per i pazienti ed i loro figli ed un invito  alla Commissione di Vigilanza RAI  a considerare con attenzione, nella sua sovranità ed indipendenza,  la qualità  dell’informazione e le modalità di diffusione delle notizie attraverso la televisione, tuttora il più potente e capillare mezzo mediatico.
 
Esiste un  Codice Deontologico anche per i Giornalisti, e mio padre che era uno di loro,  mi ricordava sempre da ragazzo  che  “Le notizie devono essere diffuse  rispettando il principio  di veridicità, dopo aver costituito oggetto di verifica di rigore,  e devono essere esposte, descritte e presentate con imparzialità “  come ho trovato riportato tanti anni dopo a livello Consiglio d’Europa 1/7/1993  - Etica del Giornalismo .
 
Dr. Giovanni Leoni
Presidente OMCeO Venezia

23 maggio 2016
© Riproduzione riservata


Altri articoli in Lettere al direttore

lettere al direttore
ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Via Boncompagni, 16
00187 - Roma

Via Vittore Carpaccio, 18
00147 Roma (RM)


Direttore responsabile
Cesare Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Presidente e AD
Vincenzo Coluccia

Direttore generale
Ernesto Rodriquez

Redazione
Tel (+39) 06.59.44.62.23
Tel (+39) 06.59.44.62.26
Fax (+39) 06.59.44.62.28
redazione@qsedizioni.it

Pubblicità
Tel. (+39) 06.89.27.28.41
commerciale@qsedizioni.it

Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy