Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Lunedì 28 NOVEMBRE 2022
Scienza e Farmaci
segui quotidianosanita.it

Covid. Le raccomandazione di Ema e Ecdc sui vaccini contro Omicron


Questi vaccini di recente approvati, indirizzati agli over 12, dovrebbero essere offerti in via prioritaria a over 60, immunocompromessi, altre persone vulnerabili (a partire dai 12 anni di età) con condizioni di base che li espongono a un rischio maggiore di Covid grave, nonché alle donne in gravidanza. Inoltre, i residenti e il personale delle Rsa e gli operatori sanitari possono essere presi in considerazione a causa della loro maggiore esposizione in caso di future nuove ondate.

06 SET - Il Centro Europeo per la Prevenzione e il Controllo delle Malattie (ECDC) e l'Agenzia Europea per i Medicinali (EMA) hanno rilasciato una dichiarazione che fornisce considerazioni aggiornate sulla salute pubblica in merito all'uso dei vaccini Covid adattati recentemente autorizzati, a supporto della pianificazione delle campagne di vaccinazione autunnali e invernali.

L'Unione Europea ha recentemente ampliato il proprio arsenale con due nuovi vaccini aggiornati, Comirnaty (Pfizer) Original/Omicron BA.1 e Spikevax (moderna) Bivalent Original/Omicron BA.1. Le due formulazioni bivalenti da utilizzare come dose di richiamo, di cui è stata recentemente raccomandata l'approvazione da parte dell'EMA, ampliano l'immunità nei confronti delle varianti che destano preoccupazione, in particolare l'Omicron e le sotto-linee correlate. "Esporre il sistema immunitario a versioni contemporanee del virus in modo che apprenda e riconosca le varianti successive è fondamentale per costruire una risposta immunitaria più ampia", spiegano EMA e ECDC.

Uso raccomandato dei booster adattati
Sebbene i primi due vaccini adattati siano autorizzati per l'uso in persone di età pari o superiore a 12 anni che hanno ricevuto almeno la vaccinazione primaria contro il Covid, l'ECDC e l'EMA consigliano di indirizzare questi richiami in via prioritaria alle persone che, a causa di alcuni fattori di rischio, sono più a rischio di progressione verso la malattia grave. Tra questi vi sono le persone di età pari o superiore a 60 anni, gli immunocompromessi e altre persone vulnerabili (a partire dai 12 anni di età) con condizioni di base che li espongono a un rischio maggiore di Covid grave, nonché le donne in gravidanza. Inoltre, i residenti e il personale delle case di cura a lungo termine dovrebbero essere considerati prioritari. Anche gli operatori sanitari possono essere presi in considerazione a causa della loro maggiore esposizione in caso di future nuove ondate di Sars-CoV-2 e del loro ruolo chiave per il buon funzionamento dei sistemi sanitari. 

"L'autorizzazione dei primi due vaccini adattati è un passo importante nella nostra lotta contro la pandemia - ha dichiarato Emer Cooke, direttore esecutivo dell'EMA -. Abbiamo un virus che si evolve in modo rapido e imprevedibile. È importante che l'UE disponga di un'ampia gamma di vaccini aggiornati rispetto alla loro composizione, in modo che gli Stati membri abbiano più opzioni per soddisfare le loro esigenze quando progettano le loro strategie di vaccinazione".

Il direttore dell'ECDC, Andrea Ammon, ha sottolineato l'importanza dei vaccini nella lotta contro la pandemia di Covid. "Con il nuovo Covid adattato, il vaccino è stato autorizzato per la prima volta. Con i nuovi vaccini Covid adattati autorizzati, gli Stati membri avranno ora una gamma più ampia di scelte per lanciare campagne di immunizzazione autunnali/invernali contro il Covid, volte a proteggere i gruppi più vulnerabili e a rafforzare la loro immunità contro le più recenti varianti emergenti. Poiché questi nuovi vaccini sono attualmente approvati per l'uso solo come dosi di richiamo, quelli originali rimangono essenziali per aumentare la copertura vaccinale con una serie primaria tra gli individui non vaccinati per colmare le lacune di immunizzazione", ha dichiarato Ammon..

Calendario vaccinale autunnale
La vaccinazione tempestiva e la distribuzione dei richiami prima di una potenziale ondata autunnale e invernale di casi di Covid è "essenziale per proteggere le persone e impedire che i sistemi sanitari siano sopraffatti. Le persone idonee che non hanno ancora ricevuto la vaccinazione contro la Covid o che non hanno ricevuto alcuna dose di richiamo sono invitate a sottoporsi alla vaccinazione come raccomandato nei loro Paesi", sottolineano Ema e Ecdc.

I vaccini adattati recentemente autorizzati sono approvati solo per l'uso come dosi di richiamo in individui che hanno completato almeno una serie primaria (vaccinazione iniziale), indipendentemente dai vaccini utilizzati allora. Si sottolineata comunque come i vaccini Covid originali "continuano a fornire protezione contro le malattie gravi, l'ospedalizzazione e la morte, e dovrebbero essere utilizzati per le vaccinazioni primarie e presi in considerazione per le dosi di richiamo quando i nuovi vaccini adattati non sono ancora disponibili".

Futuri vaccini adattati
Ulteriori adattamenti della composizione dei vaccini Covid sono inevitabili per affrontare le varianti circolanti esistenti e future. I dati preliminari indicano che la risposta immunitaria indotta dai vaccini adattati BA.1 approvati va al di là dei ceppi selezionati e copre altre sottovarianti di Omicron come BA.2, BA.2.75 e BA.5.

Oltre ai due vaccini adattati autorizzati per la sottovariante Omicron BA.1 e per il ceppo originale di SARS-CoV-2, l'EMA sta valutando un vaccino adattato per il ceppo originale e per le sottovarianti Omicron BA.4 e BA.5. Sono inoltre in corso revisioni per vaccini che includono il ceppo beta del virus. Se autorizzati, questi vaccini amplieranno ulteriormente le opzioni di vaccinazione.

Fattori da considerare nelle campagne di vaccinazione
Le autorità nazionali dell'UE prendono le decisioni finali sull'introduzione dei vaccini, comprese le dosi di richiamo e il tipo di vaccini, considerando fattori quali la diffusione dell'infezione, l'impatto del Covid nelle diverse popolazioni e l'emergere di nuove varianti. Questi elementi determineranno quali vaccini ricevere e quando, in base al livello di rischio e alla situazione epidemiologica.

06 settembre 2022
© Riproduzione riservata

Altri articoli in Scienza e Farmaci

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Via Giacomo Peroni, 400
00131 - Roma

Via Vittore Carpaccio, 18
00147 Roma (RM)


Direttore responsabile
Cesare Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Presidente
Ernesto Rodriquez

Redazione
Tel (+39) 06.59.44.62.23
Tel (+39) 06.59.44.62.26
Fax (+39) 06.59.44.62.28
redazione@qsedizioni.it

Pubblicità
Tel. (+39) 06.89.27.28.41
commerciale@qsedizioni.it

Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy