Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Mercoledì 01 DICEMBRE 2021
Scienza e Farmaci
segui quotidianosanita.it

Obesità. Contrordine: non è vero che smettere di fumare fa ingrassare


Anzi, le politiche per la riduzione del consumo di tabacco su lungo termine avrebbero l’effetto opposto, determinando una riduzione del peso corporeo medio della popolazione rispetto al periodo precedente all’introduzione delle misure stesse. Lo studio che lo dimostra è stato condotto da tre giovani ricercatori italiani.

31 MAG - Uno studio di ricercatori italiani potrebbe sfatare il più famoso mito sull’atto di smettere di fumare: non sarebbe vero che fa ingrassare, anzi, concorre in modo significativo alla diminuzione dell’obesità. I tre scienziati che lo sostengono – Davide Dragone dell’Università di Bologna, Francesco Manaresi della Banca d’Italia e Luca Savorelli della University of St Andrews in Scozia – sarebbero infatti partiti dall’assunto che mangiare e fumare siano scelte interdipendenti, dimostrando che la riduzione del consumo di tabacco, ottenuta attraverso tasse e divieti antifumo, potrebbe essere utile alla salute pubblica anche perché fa diminuire il numero di obesi.
 
Lo studio - finanziato da FarmaFactoring Foundation in collaborazione con l’Associazione Italiana di Economia Sanitaria - evidenzia infatti che, benché nel periodo immediatamente successivo all’introduzione di nuove politiche antifumo si osservi una diminuzione del numero di fumatori ed un aumento del peso corporeo medio della popolazione, già a distanza di due anni le persone riescono ad abituarsi al nuovo stile di vita, non solo fumando meno ma diventando anche più attente alle abitudini alimentari. Il risultato è una riduzione del peso corporeo medio della popolazione rispetto al periodo precedente all’introduzione delle politiche antifumo. “Quello che abbiamo osservato, facendo riferimento a un campione rappresentativo della popolazione statunitense nel periodo 1999-2008, è un generale miglioramento della qualità della dieta e una riduzione del contenuto calorico del cibo consumato, con un calo nell’indice di massa corporea del 2,5 per cento, in risposta ad un aumento delle accise sulle sigarette di 10 centesimi di dollaro”, ha spiegato Dragone. “Anche i bandi antifumo determinano una modifica nelle abitudini alimentari, con effetti diversi a seconda del luogo di applicazione. Se dopo l’introduzione dei divieti antifumo nei bar si tende a mangiare minori quantità di cibo, ma di peggiore qualità, nei ristoranti si tende a mangiare di più, ma meglio”.

 
La prevenzione e la correzione di comportamenti che portano all’obesità o al consumo di tabacco è diventata una priorità sia dei governi nazionali che dell’Organizzazione Mondiale della Sanità. Solo negli Stati Uniti il sistema sanitario nazionale spende circa 117 miliardi di dollari per la lotta al fumo e 190 miliardi per l’obesità. E dai dati emerge che l’intensa campagna antifumo degli ultimi quarant’anni ha inciso in modo considerevole sul consumo di tabacco: se nel 1965 il 42 per cento degli statunitensi fumava, nel 2007 i fumatori erano calati al 20 per cento della popolazione. “Nello stesso periodo, però si è osservato un importante aumento della percentuale di popolazione obesa o gravemente obesa (passata dal 15 per cento ad oltre il 30 per cento)”, ha continuato il ricercatore. “Poiché la nicotina riduce l’appetito ed accelera il metabolismo, è sempre stato spontaneo ipotizzare che le campagne antifumo potessero aver anch’esse contribuito, insieme ovviamente ad altri fattori, all’aumento del peso corporeo della popolazione. La nostra ricerca mostra invece un risultato opposto”.
 
Dragone, Manaresi e Savorelli rivelano dunque un lato delle politiche antifumo che fino ad oggi era rimasto sconosciuto: non solo questi provvedimenti portano a ridurre il numero di fumatori, ma nel medio periodo contribuiscono anche a contrastare l’obesità, spingendo le persone a modificare in meglio le proprie abitudini alimentari. Decidere di smettere di fumare diventa allora una scelta doppiamente raccomandabile: non solo riduce il rischio di malattie polmonari, cardiache e tumorali, ma spinge anche ad abitudini alimentari più sane, e provoca un generale aumento del benessere fisico.

31 maggio 2013
© Riproduzione riservata


Altri articoli in Scienza e Farmaci

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Via Boncompagni, 16
00187 - Roma

Via Vittore Carpaccio, 18
00147 Roma (RM)


Direttore responsabile
Cesare Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Presidente e AD
Vincenzo Coluccia

Direttore generale
Ernesto Rodriquez

Redazione
Tel (+39) 06.59.44.62.23
Tel (+39) 06.59.44.62.26
Fax (+39) 06.59.44.62.28
redazione@qsedizioni.it

Pubblicità
Tel. (+39) 06.89.27.28.41
commerciale@qsedizioni.it

Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy