Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Venerdì 29 SETTEMBRE 2023
Studi e Analisi
segui quotidianosanita.it

La sanità britannica è al collasso. E nessuno sembra sapere come uscirne

di Grazia Labate

Martedì 11 aprile i medici che lavorano nel servizio sanitario pubblico inglese hanno lanciato quello che è stato definito lo sciopero più dirompente della sua storia, per una giusta retribuzione e sulle condizioni di lavoro. Lo sciopero di quattro giorni, iniziato alle 7:00 di martedi, segue mesi di scioperi da parte di altri dipendenti del settore pubblico e privato mentre l'inflazione scatena la peggiore crisi del costo della vita nel Regno Unito

14 APR -

Come tutti gli inverni, i titoli dei giornali hanno avvertito che il servizio sanitario nazionale britannico (NHS) era al "punto di rottura". Ma la primavera non è da meno.

Le sirene delle ambulanze suonano in continuazione, l'attuale crisi sta facendo suonare i campanelli d'allarme sempre più forte.

Gli scioperi presenti e futuri, se non si trovano accordi e risposte immediate, minacciano tempesta in un cielo già ricco di nuvoloni. Me lo conferma un caro amico medico, da Londra venuto a Roma per le vacanze di Pasqua, Thomas Evans.

"Questa volta è diverso", lavoro nel NHS dal 1989, ma la situazione "non è mai stata così grave". Scene che fino a poco tempo fa sarebbero state impensabili ora sono all'ordine del giorno. Gli ospedali stanno funzionando ben oltre la capacità. Molti pazienti non vengono curati nei reparti, ma nel retro delle ambulanze o nei corridoi, nelle sale d'attesa o per niente. "È come una zona di guerra", ha detto alla CNN un operatore del SSN di un ospedale di Liverpool. I lavoratori delle ambulanze si trovano sul picchetto, fuori dall'Aintree University Hospital di Liverpool, altri scioperi sono previsti per le prossime settimane.

Queste storie sono confermate dai dati. Meno del 3% dei trust del NHS England ha raggiunto l'obiettivo chiave del tempo di attesa per il cancro.

L'analisi "scioccante" rivela che solo tre trust sono riusciti a curare l'85% dei pazienti entro due mesi dal rinvio urgente.

A dicembre, 54.000 persone in Inghilterra hanno dovuto attendere più di 12 ore per un ricovero d'urgenza. La cifra era praticamente zero prima della pandemia, secondo i dati del NHS England. Il tempo medio di attesa per un'ambulanza per assistere una situazione di "categoria 2" - come un ictus o un infarto - ha superato i 90 minuti.

L'obiettivo è di 18 minuti. Ci sono stati 1.474 (20%) decessi in più nella settimana terminata il 31 gennaio rispetto alla media di 5 anni precedenti senza covid.

Il personale delle ambulanze e gli infermieri hanno organizzato una serie di scioperi sulla retribuzione e sulle condizioni di lavoro, l'ultimo sciopero degli operatori delle ambulanze si è tenuto lunedì scorso. La risposta del governo è un possibile aumento del 5% dei salari e degli stipendi. Altri scioperi sono previsti per le prossime settimane. L'amministratore delegato della Confederazione NHS, che rappresenta le organizzazioni NHS in Inghilterra, ha scritto al governo il mese scorso, per avvertire delle preoccupazioni dei leader NHS che "non possono garantire la sicurezza dei pazienti". In risposta, il ministro della salute del governo ha consigliato al pubblico di evitare "attività rischiose".

Fondato poco dopo la seconda guerra mondiale, il servizio sanitario nazionale è trattato da molti con una riverenza quasi religiosa. I britannici hanno ballato per esso, durante le Olimpiadi di Londra del 2012 e hanno applaudito durante la pandemia. “Il nostro SSN” è motivo di orgoglio nazionale”.

Ora però tutto si sta bloccando. C'è stato a lungo un contratto implicito tra il popolo britannico e lo stato: pagare le tasse e i contributi della previdenza sociale in cambio di un servizio sanitario universale e gratuito al punto di utilizzo.

Ma, con il carico fiscale che sta per raggiungere il livello più alto sostenuto da quando è stato fondato il NHS, i britannici stanno pagando sempre di più, per un servizio a cui sempre più spesso non possono accedere con la rapidità di cui hanno bisogno. Ma queste situazioni si vedono anche altrove in Europa.

In Francia, in Spagna il personale indice scioperi nelle ultime settimane. Molti paesi affrontano gli stessi problemi: fornire assistenza a una popolazione sempre più anziana, con una inflazione al livello più alto da decenni e risorse scarse, umane ed economiche, dopo 2 anni pieni di pandemia. Ma per il NHS ci sono forti timori che sia in condizioni peggiori rispetto ai suoi pari internazionali, al punto che molti esperti hanno affermato di temere di assistere al "crollo" del servizio.

Come è arrivata fin qui la Gran Bretagna? Quando il Covid-19 ha colpito, l'NHS è entrato in piena modalità di lotta alle crisi, deviando personale e risorse da tutta l'organizzazione per prendersi cura dei pazienti con la malattia. Ma, per molti nel NHS, il Covid-19 rimane una crisi dalla quale si deve ancora emergere. Durante il culmine della pandemia, molte pratiche ordinarie sono state sospese. Milioni di operazioni sono state annullate. L’arretrato del SSN è aumentato a dismisura. I dati di dicembre 2022 hanno mostrato che c'erano più di 7 milioni di persone in lista d'attesa ospedaliera in Inghilterra.

Questo inverno, un "twindemic" di Covid e influenza ha continuato a mettere a dura prova la capacità di risposta del NHS. Le spiegazioni per l'attuale crisi "devono iniziare con una considerazione su Covid-19", ha detto alla CNN, Ben Zaranko, economista dell'Institute for Fiscal Studies (IFS) il cui lavoro si concentra sul sistema sanitario britannico. "C'è il semplice fatto che ci sono letti negli ospedali occupati da pazienti Covid, il che significa che quei letti non possono essere usati per altre cose".

Il Covid ha anche messo a dura prova la quantità di lavoro che il SSN può svolgere. "Se si somma tutto il tempo che il personale impiega per eseguire misure di controllo delle infezioni, indossare dispositivi di protezione e separare i reparti in persone con e senza Covid, tutto ciò ostacola la produttività complessiva del sistema", ha affermato Zaranko. Anche i tassi di malattia del personale del SSN sono considerevolmente più alti di quanto non fossero prima della pandemia , secondo l'analisi IFS.

Ma, ancora una volta, la Gran Bretagna non è stata la sola a combattere la pandemia, eppure sembra aver subito un colpo peggiore rispetto a nazioni comparabili. Questo nonostante ci siano più medici e infermieri nel NHS ora di quanti ce ne fossero prima del Covid. Secondo un rapporto IFS , anche tenendo conto delle assenze per malattia del personale, ci sono il 9% in più di consulenti, il 15% in più di medici junior e l'8% in più di infermieri rispetto al 2019. Eppure il NHS sta curando meno pazienti rispetto a prima della pandemia. "Sembra che i pezzi del sistema non combacino più", ha detto Zaranko. “Non si tratta solo di quanto personale c'è e quanti soldi ci sono”. Anche con l' aumento dei finanziamenti dalla pandemia, il Regno Unito sta ancora recuperando terreno, dopo quello che gli analisti sanitari affermano sia stato più di un decennio di sottofinanziamento del SSN.

Philippe Neville, un manager consulente economico di uno dei più grandi ospedali inglesi afferma che il 2008 fu il "migliore" anno per il NHS. In più di 30 anni di lavoro in esso, il NHS quell’anno aveva goduto di quasi un decennio di investimenti enormemente aumentati . Le liste d'attesa erano diminuite notevolmente .

“Quando il governo laburista nel 1997, aveva investito molto più denaro nel NHS, ci aveva permesso di nominare un numero adeguato di personale e di essere in testa all’eliminazione delle nostre liste di attesa", ha dichiarato Neville alla CNN.

Ma questo livello di investimento non si è più verificato. In risposta alla crisi finanziaria del 2007-2008, i conservatori eletti nel governo di coalizione nel 2010 hanno intrapreso un programma di austerità. I budget sono stati tagliati e gli stipendi del personale congelati. Per Neville, il decennio successivo ha visto una graduale "erosione" del sistema: "Lento, sottile, ma comunque in corso".

Il segretario alla salute Steve Barclay in visita al King's College University Hospital di Londra, ha dovuto prendere atto che secondo l'analisi dell'ente benefico per la salute Health Foundation, la spesa sanitaria media giornaliera nel Regno Unito tra il 2010 e il 2020 è stata di £ 3.005($ 3.715) pro capite all'anno, il 18% in meno rispetto alla media UE di £ 3.655 ($ 4.518).

Durante questo periodo, la spesa in conto capitale è stata particolarmente bassa, secondo l'analisi della Health Foundation. Il Regno Unito ha molti meno scanner MRI e CT per persona rispetto alla media dell'Organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economico (OCSE) , il che significa che il personale deve spesso attendere che le apparecchiature siano disponibili per l’uso. Negli ultimi 30 anni il numero di posti letto in Inghilterra si è più che dimezzato, passando da circa 299.000 nel 1987 a 141.000 nel 2019, secondo l'analisi del King's Fund , un think tank indipendente.I posti letto negli ospedali sono particolarmente scarsi.

Siva Anandiciva, capo analista del King's Fund, ha dichiarato alla CNN che questa diminuzione è in parte attribuibile anche al "mutevole modello di assistenza". Con il miglioramento della tecnologia e delle cure, le persone hanno trascorso meno tempo in ospedale, riducendo la necessità di posti letto. Anche l'ultimo governo laburista, in carica dal 1997 al 2010, aveva tagliato il numero di posti letto, ma aveva adottato l'aumento degli investimenti altrove.

“Puoi continuare a ridurre il tempo di permanenza dei pazienti in ospedale”, ha detto Anandaciva, alla fine però “ti avvicini al minimo. Se poi continui a ridurre il numero di posti letto è allora che inizi ad avere problemi con le prestazioni".

Durante gli anni dell'austerità, il numero di posti letto ha continuato ad essere ridotto, lasciando il Regno Unito con meno posti letto pro capite rispetto a quasi tutte le nazioni sviluppate, secondo i dati dell'OCSE.

"Per molto tempo sapevamo di non avere la capacità di posti letto", ha detto Anandaciva. Ma i tagli sono continuati in nome dell’efficienza", ha aggiunto, ed hanno lasciato il Regno Unito tristemente impreparato a uno shock come il Covid-19. Gli stessi fattori che hanno reso il NHS "efficiente" in un contesto lo hanno reso grossolanamente inefficiente quando quel contesto è cambiato. La carenza di posti letto è stata resa ancora più grave dalla carenza soprattutto di un altro settore, l’assistenza sociale territoriale.

Molti di coloro che sono ricoverati in ospedale quando sono pronti per la dimissione semplicemente non hanno nessun altro posto dove andare. "Il periodo più lungo in cui ho avuto un paziente che era pronto fisicamente e dal punto di vista medico per tornare a casa, ma era seduto in attesa della dimissione, è stato di quattro settimane", ha detto Angus Livingstone, un medico che lavora al John Radcliffe Hospital di Oxford. Il problema è rimanervi perché non possono accedere a cure più modeste in ambito domiciliare e quindi non possono essere dimessi in sicurezza.

La sanità e l'assistenza sociale territoriale sono settori separati nel sistema britannico, mentre dovrebbero essere integrati. L'assistenza sanitaria è fornita dal NHS, mentre l'assistenza sociale è fornita dai consigli di contea locali. A differenza del NHS, l'assistenza sociale non è gratuita al momento dell'uso: è razionata e fornita in base al reddito.

Da tempo si chiede di integrare i due sistemi, dal momento che una crisi in un sistema si ripercuote sull'altro. “Quando la gente mi chiede, 'dove vuoi le risorse? La mia risposta è nell’assistenza territoriale.

Con una popolazione sempre più anziana - gli ultimi dati del censimento mostrano che quasi il 19% della popolazione di Inghilterra e Galles ha ormai 65 anni o più - la domanda di assistenza sociale è in aumento. Ma il settore è in forte criticità di fronte alla carenza di personale, all'aumento dei costi e alle pressioni sui finanziamenti. Il lavoro di cura è estenuante e sottopagato. La maggior parte dei supermercati offre una paga oraria migliore , secondo l'analisi del King's Fund. Quindi, forse non sorprende che il settore abbia registrato 165.000 posti vacanti a dicembre.

Il NHS segnala anche un numero allarmante di posti vacanti, con circa 133.000 posizioni aperte a gennaio. Questo indica una crisi più profonda: il morale è sottoterra.

Jatinder Hayre, un medico che sta completando il programma di formazione in un ospedale nell'East London, ha detto alla CNN che il morale è "ai minimi storici". Il personale è "stressato, affaticato, stanco". "Non sembra esserci fine a tutto questo." "Quando entri in ospedale al mattino, ti imbatti in questa cacofonia di dolore, sgomento e insoddisfazione da parte dei pazienti, che sono in fila nel corridoio", ha detto Hayre. “Ti senti malissimo, ma non c'è niente che tu possa fare. Stai combattendo contro un sistema che sta crollando”.

Hayre ha detto che la maggior parte dei giorni ci sono "dai 40 ai 50 pazienti in fila nei corridoi" poiché non c'è più spazio nei reparti. “Non è appropriato. Non è un ambiente sicuro o dignitoso”. All'ospedale di Hayre, "il discorso quotidiano sul posto di lavoro è: “ce ne andremo”.

La Gran Bretagna non è preparata per un'altra ondata di scioperi. Una giovane dottoressa in un ospedale di Manchester, che desiderava rimanere anonima, ha detto alla CNN di aver preso la decisione di unirsi al crescente numero di medici del SSN che si stanno trasferendo all'estero. Ha in programma di trasferirsi all'estero in estate, per lavorare in un paese che offre ai medici migliori condizioni salariali e lavorative.

Degli otto medici con cui ha vissuto all'università, sei sono già partiti. “Sono andati tutti in Australia. Solo uno ha intenzione di rimanere nel Regno Unito”.

Gli studenti di medicina stanno guardando allarmati mentre il loro futuro posto di lavoro si deteriora. "Per tutti quelli che conosco, è quasi un dato di fatto che a un certo punto andranno in Australia o in Nuova Zelanda", ha detto Eilidh Garrett, che studia medicina all'Università di Newcastle. Sta pensando di sostenere gli esami per lavorare come medico in Canada.

Questa è una decisione estremamente dolorosa per molti giovani medici. “Penso ai miei amici più cari. Se vado in un altro paese e curo gli amici più cari di altre persone, mentre i miei amici fanno fatica a vedere un medico nel Regno Unito, è davvero straziante ", ha detto Garrett alla CNN. Una ricerca del think tank sulla salute del Nuffield Trust, pubblicata a novembre, rileva che la carenza di personale di lunga data nell'assistenza infermieristica e sociale "è stata esacerbata dalla Brexit".

Il quadro è "più complesso" per i medici che lavorano nel NHS, hanno scoperto i ricercatori. Mentre nel complesso "i numeri dell'UE sono rimasti relativamente stabili", afferma il rapporto, i dati suggeriscono un rallentamento nella registrazione di specialisti dei paesi dell'UE e dell'Associazione europea di libero scambio dalla Brexit, in particolare in alcune specialità come gli anestesisti.

La preoccupazione è che questi problemi peggiorino quanto più a lungo non vengono trattati. Quando finalmente i pazienti vengono visitati, i loro trattamenti richiedono più tempo, costringendo quelli dopo di loro ad aspettare ancora di più man mano che si ammalano.

"In termini di prestazioni del sistema, sembra che abbiamo superato il punto critico", ha affermato Zaranko. “Da qualche tempo il servizio sanitario nazionale sta gradualmente deteriorando le sue prestazioni. Ma negli ultimi mesi siamo precipitati in un burrone”.

Non è chiaro come il servizio sanitario nazionale riprenda piede. Alcuni paragonano questa crisi a un periodo degli anni '90 in cui i servizi si stavano rapidamente deteriorando. Il NHS era in cattive condizioni, ma ha ripristinato i suoi livelli di servizio dopo un decennio di investimenti storicamente elevati mentre il Labour era al potere.

È improbabile che le iniezioni di denaro su questa scala vengano replicate. Il budget più recente annunciato dal governo a novembre vedrà la spesa del NHS England aumentare in media solo del 2% in termini reali nei prossimi due anni.

"Riconosciamo le pressioni che il NHS sta affrontando, quindi abbiamo annunciato fino a 250 milioni di sterline come finanziamenti aggiuntivi per aiutare immediatamente a ridurre l'occupazione dei letti ospedalieri, alleviare le pressioni su A&E e sbloccare le necessarie consegne delle ambulanze", ha detto un portavoce del Dipartimento di Health and Social Care alla CNN.

"Questo si aggiunge ai 500 milioni di sterline del Fondo per le dimissioni per accelerare la dimissione sicura dei pazienti e l'implementazione di reparti virtuali per liberare letti d'ospedale e ridurre i tagli alle attese", ha proseguito.

Finora le trattative salariali tra il governo e i sindacati degli infermieri devono passare al vaglio dei lavoratori. Non sappiamo se con quel misero 5% avranno successo. I media britannici hanno riferito che il primo ministro Rishi Sunak potrebbe prendere in considerazione l'idea di offrire un pagamento una tantum di £ 1.000 per tentare di risolvere la controversia, ma molti ritengono che ciò sottovaluti la vera natura della crisi.

"Tutto quello di cui sento parlare sono cerotti", ha detto Neville. La situazione è assai critica e "Ci deprime tutti".

Martedì 11 aprile i medici che lavorano nel servizio sanitario pubblico inglese hanno lanciato quello che è stato definito lo sciopero più dirompente della sua storia, per una giusta retribuzione e sulle condizioni di lavoro. Lo sciopero di quattro giorni, iniziato alle 7:00 di martedi, segue mesi di scioperi da parte di altri dipendenti del settore pubblico e privato mentre l'inflazione scatena la peggiore crisi del costo della vita nel Regno Unito.

L'azione dei cosiddetti junior doctors – medici che non sono specialisti senior, ma che hanno comunque anni di esperienza – arriva dopo tre giorni di stop il mese scorso e diversi scioperi degli infermieri. Rischia di essere lo sciopero più grave mai visto e di portare alla cancellazione di centinaia di migliaia di appuntamenti, da parte dei pazienti. Chiedono un aumento salariale del 35%, che secondo loro è necessario per compensare più di un decennio di tagli salariali in termini reali. Sostengono inoltre che gli arretrati di pandemia associati alla carenza di personale stanno aumentando enormemente i carichi di lavoro, mettendo in pericolo i pazienti.

Il governo del conservatore Sunak è stato accusato di aver tentato di limitare i diritti dei lavoratori mentre diversi settori del Regno Unito, scioperano.

"Abbiamo avuto un massiccio taglio (di stipendio) e stiamo colmando più lacune perché le persone se ne vanno", ha detto la giovane dottoressa Katrina Forsyth, che ha aggiunto che a volte piangeva dopo i turni. "Sta diventando meno sicuro per i pazienti", ha detto da un picchetto dopo aver terminato un turno di notte al St. Thomas' Hospital di Londra.

Il governo sostiene che la richiesta della BMA, (British medical asociation) è insostenibile, poiché i ministri cercano di smorzare le richieste salariali in tutto il settore pubblico, tra una crescita stagnante e un'inflazione elevata. L’indice dei prezzi al consumo è balzato al 10,4% a febbraio, vicino ai massimi degli ultimi 40 anni e più di cinque volte l'obiettivo fissato dalla Banca d'Inghilterra.

"Speravo di avviare trattative salariali formali con la BMA il mese scorso, ma la sua richiesta di un aumento salariale del 35% è irragionevole", ha dichiarato il segretario alla salute Steve Barclay. "Se la BMA è disposta a recedere in modo significativo da questa posizione e ad annullare gli scioperi, possiamo riprendere i colloqui e trovare una via da seguire, come abbiamo fatto con altri sindacati".

Barclay ha raggiunto un accordo il mese scorso con i sindacati che rappresentano vari operatori sanitari, comprese le infermiere, per aumentare la retribuzione del 5%. I membri del sindacato stanno attualmente votando se accettarlo o meno. Tuttavia, l'accordo non copre i giovani medici, che costituiscono circa la metà di tutti i medici del SSN, secondo i dati ufficiali.

Il loro ultimo sciopero accumulerà "immense pressioni" sul servizio, ha avvertito il direttore medico del NHS England Stephen Powis. "Si tratta di una serie significativa di azioni sindacali che causeranno gravi disagi", ha detto alla BBC. Lo sciopero colpisce il SSN in Inghilterra e fino a un quarto di milione di appuntamenti potrebbero essere rinviati, secondo la Confederazione NHS, che rappresenta il sistema in Inghilterra, Galles e Irlanda del Nord. La situazione è grave e la domanda è “Che fare?”.

Grazia Labate
Ricercatrice in economia sanitaria già sottosegretaria alla sanità



14 aprile 2023
© Riproduzione riservata


Altri articoli in Studi e Analisi

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Sede legale:
Via Giacomo Peroni, 400
00131 - Roma

Sede operativa:
Via della Stelletta, 23
00186 - Roma
Direttore responsabile
Luciano Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Presidente
Ernesto Rodriquez

Tel. (+39) 06.89.27.28.41

info@qsedizioni.it

redazione@qsedizioni.it

Coordinamento Pubblicità
commerciale@qsedizioni.it
    Joint Venture
  • SICS srl
  • Edizioni
    Health Communication
    srl
Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy