Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Mercoledì 27 GENNNAIO 2021
Cronache
segui quotidianosanita.it

Ocse: la spesa per la sanità continua a crescere più velocemente del Pil


Nei 34 Paesi aderenti, nel 2009 ha raggiunto il 9,5 per cento del Pil a fronte dell‘8,8 dell’anno precedente. Irlanda e Regno Unito le nazioni in cui si sono registrati i maggiori incrementi. Tuttavia, nei prossimi anni, dopo quasi mezzo secolo di crescita ininterrotta, la spesa sanitaria dovrebbe stabilizzarsi.

01 LUG - Non si arresta la corsa della spesa sanitaria nei paesi Ocse. Secondo gli ultimi dati pubblicati ieri dall’Organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economico, nel 2009 la salute è costata in media il 9,5 per cento del Pil nei 34 Stati aderenti, a fronte dell‘8,8 per cento dell’anno precedente.Segno che la spesa marcia più velocemente del Pil, seppur anch’esso sia in risalita dopo la recessione globale.
L’aumento relativo della spesa è più accentuato nei Paesi che più hanno risentito della crisi. In Irlanda, per esempio, si è passati dal 7,7 per cento del 2008 al 9,5 del 2009; nel Regno Unito dall‘8,4 al 9,8. Più contenuto l’incremento registrato in Italia, dove si è passati dal 9 per cento del 2008 al 9,5 del 2009, mentre per il 2010 ci si dovrebbe attestare a un 9,6 per cento.
Gli Stati Uniti restano la nazione in cui la salute incide di più sul prodotto interno lordo: drena il 17,4 per cento delle risorse del Paese, pari a 7960 dollari pro capite. In Europa, le sanità più costose sono invece quelle di Olanda (12%), Francia (11,8%) e Germania (11,6%).

È la spesa pubblica quella che cresce più rapidamente: tra il 2008 e il 2009 è salita del 4,1 per cento a fronte di un aumento del 2,7 per quella privata.
Tuttavia, come sembrano suggerire i primi dati disponibili per il 2010, dopo quasi mezzo secolo di crescita, dal 2010-2011 la spesa per la salute dovrebbe stabilizzarsi come conseguenza di una ripresa più sostenuta del Pil e di politiche di contenimento della spesa sanitaria messe in atto in quasi tutti i Paesi. Politiche che, tuttavia, precisa l’Ocse in una nota, “dovrebbero dare maggior valore alle risorse impiegate nella spesa sanitaria, ma anche continuare a perseguire gli obiettivi di lungo periodo per avere sistemi sanitari più equi, adeguati alle esigenze dei cittadini ed efficienti”. 

01 luglio 2011
© Riproduzione riservata


Altri articoli in Cronache

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Via Boncompagni, 16
00187 - Roma

Via Vittore Carpaccio, 18
00147 Roma (RM)


Direttore responsabile
Cesare Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Presidente e AD
Vincenzo Coluccia

Direttore generale
Ernesto Rodriquez

Redazione
Tel (+39) 06.59.44.62.23
Tel (+39) 06.59.44.62.26
Fax (+39) 06.59.44.62.28
redazione@qsedizioni.it

Pubblicità
Tel. (+39) 06.89.27.28.41
commerciale@qsedizioni.it

Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy