Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Martedì 15 OTTOBRE 2019
Governo e Parlamento
segui quotidianosanita.it

Anche al Senato indagine su sostenibilità Ssn. La relazione di Dirindin e D'Ambrosio Lettieri

“La nostra è un’operazione culturale” ci dice Nerina Dirindin, Pd, relatrice insieme a Luigi D’Ambrosio Lettieri, Pdl, dell’Indagine conoscitiva sulla sostenibilità del Ssn che la Commissione sanità del Senato ha deciso di svolgere. Obiettivo:“mettere in luce i meriti e le pecche del Ssn”. L’elenco delle audizioni. 

20 GIU - La Commissione Igiene e Sanità del Senato ha approvato l’indagine conoscitiva sulla “sostenibilità del Servizio sanitario nazionale con particolare riferimento alla garanzia dei principi di universalità, solidarietà ed equità”. I lavori saranno articolati in una serie di audizioni in cui saranno chiamati a dare la propria testimonianza sul tema oggetto dell’indagine, tra gli altri, i ministeri della Salute, dell’Economia e del Lavoro, le Regioni, l’Agenas, la Corte Dei Conti, la Commissione Europea ma anche Ordini e collegi professionali fino a Banca d'italia, Farmindustria, Aifa, e via dicendo.
 
Un panel dunque molto ricco il cui obiettivo è “fare un’operazione culturale” dove l’accento non viene posto solo “sull’aspetto di finanza pubblica che è uno dei problemi”. Quindi - ci spiega la relatrice Nerina Dirindin, Pd, che ha illustrato alla Commissione Sanità gli scopi dell’indagine insieme al suo collega Luigi D’Ambrosio Lettieri, del Pdl – l’indagine si presenta in maniera diversa da quella iniziata alla Camera, dalle due Commissioni Bilancio e Affari Sociali, in quanto “l’approccio sarà multidimensionale per capire alla fine se il sistema è sostenibile. La nostra è un’operazione culturale per cercare di mettere in luce i meriti, ma anche le pecche del Ssn. È una sorta di operazione verità. Dove le buone esperienze che ci sono – sottolinea ancora Dirindin – devono essere individuate e messe in evidenza”.

 
Il tema della sostenibilità del Ssn – si legge nella relazione – deve essere affrontato in un’ottica multidimensionale, rigorosa e globale, non circoscritta ad aspetti parziali.
Dal punto di vista strettamente economico, il dibattito sulla sostenibilità del Ssn è affrontato normalmente con riguardo alla compatibilità della dinamica della spesa sanitaria pubblica rispetto agli obiettivi di finanza pubblica, definiti anche a livello europeo. L’analisi è normalmente svolta con un orizzonte temporale di medio-lungo periodo, sulla base di modelli previsionali che incorporano parametri soprattutto demografici”.
 
Si tratta per Dirindin e D’ambrosio di una sostenibilità circoscritta agli aspetti di finanza pubblica “sicuramente rilevanti” in questa fase ma “limitativi rispetto alle esigenze di conoscenza e valutazione delle dinamiche in atto e delle conseguenti decisioni di politica di tutela della salute da adottare”.
Il sistema – aggiungono – non può essere sostenibile dal punto di vista delle “finanze pubbliche” senza però considerare gli effetti “sui bilanci delle famiglie, sulle persone a rischio di povertà, sulle condizioni di salute della popolazione “.
 
Dunque ferma restando l’importanza della finanza pubblica “non può essere sottaciuta la necessità di integrare la visione con ulteriori e diversi punti di vista” quindi un aspetto multidimensionale che tenga conto il profilo economico in senso ampio, quello ambientale, quello culturale-politico ma anche quello sociale.
 
L’Indagine conoscitiva del Senato avrà un’ottica che non si limita “ai soli aspetti di finanza pubblica, pena una visione limitata e fuorviante, a favore di un approccio globale che tenti di indicare la direzione verso la quale un Paese che intenda confrontarsi seriamente con i temi della tutela della salute dovrebbe procedere”.
 
Dirindin e D’Ambrosio Lettieri hanno illustrato 13 aree di indagine su cui vorrebbero si concentrasse il lavoro della Commissione Sanità del Senato. Tra queste: in quale misura la programmazione sanitaria ha tenuto conto dei i bisogni di salute della popolazione;
- quanto impattano sui costi del SSN i diversi modelli organizzativi adottati dalle regioni e dalle diverse aziende sanitarie della stessa regione;
- quanto incide il diverso finanziamento tra regioni a fronte dell’obbligo di garantire gli stessi livelli essenziali di assistenza;
- quanta parte della popolazione, in questo periodo di recessione, è a rischio di non poter accedere a servizi nelle diverse regioni e per quali ragioni;
- quali tipologie di servizi sono più frequentemente ridimensionati nelle diverse regioni;
- quali sono i costi sopportati dai cittadini per accedere al sistema pubblico;
- quali strumenti sono adottati dal sistema di monitoraggio della garanzia dei livelli essenziali di assistenza e quali sono i possibili interventi di miglioramento; 
- quali sono le possibili ricadute dello sviluppo di forme assicurative, alternative o integrative, di finanziamento, in termini di oneri a carico dei cittadini. 

20 giugno 2013
© Riproduzione riservata


Altri articoli in Governo e Parlamento

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Via Boncompagni, 16
00187 - Roma

Via Vittore Carpaccio, 18
00147 Roma (RM)


Direttore responsabile
Cesare Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Direttore generale
Ernesto Rodriquez

Redazione
Tel (+39) 06.59.44.62.23
Tel (+39) 06.59.44.62.26
Fax (+39) 06.59.44.62.28
redazione@qsedizioni.it

Pubblicità
Tel. (+39) 06.89.27.28.41
commerciale@qsedizioni.it

Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy