Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Mercoledì 22 NOVEMBRE 2017
Governo e Parlamento
segui quotidianosanita.it

Ddl Lorenzin. Sui Comitati etici si profila una contrapposizione tra PD e M5S. Nodi restano ‘centralizzazione’ e numero comitati territoriali. Ecco i subemendamenti della Affari Sociali

L'emendamento del relatore punta all'istituzione presso l'Aifa di un Comitato etico nazionale. I pentastellati, concordando con questa 'centralizzazione', propongono però di istituirlo presso l'Istituto superiore di sanità. I dem puntano invece ad un coordinamento dei comitati etici a livello nazionale che faccia capo al Ministero della Salute. Questo, in sintesi, il contenuto dei subemendamenti all'articolo 1 presentati ieri. Da domani prenderanno il via le votazioni. I SUBEMENDAMENTI

05 LUG - Si profila una contrapposizione in Commissione Affari sociali alla Camera sul tema dei comitati etici, affrontato dall'emendamento all'articolo 1 del Ddl Lorenzin presentato la scorsa settimana dal relatore, Mario Marazziti. Ieri sono scaduti i termini per la presentazione dei subemendamenti e, dal loro contenuto, si evince un possibile 'scontro' tra PD e M5S a cominciare dal tema della 'centralizzazione' dei comitati.
 
Se, infatti, il relatore Marazziti con il suo emendamento proponeva di istituire presso l'Aifa il Comitato etico nazionale, nei subemendamenti presentati i pentastellati, pur concordando con questa visione 'centralistica', propongono la sua istituzione presso l'Istituto superiore di sanità. I dem, invece, puntano alla nascita di un coordinamento dei comitati etici a livello nazionale, non gerarchico rispetto ai comitati territoriali, e che faccia capo direttamente al Ministero della Salute.

 
Ma le possibili divergenze di vedute non si fermano qui. Il relatore proponeva un numero massimo di un comitato etico per ciascuna regione, con la possibilità di un ulteriore comitato etico territoriale per quelle sole regioni con popolazione residente superiore a tre milioni di abitanti. Su questo punto, invece, dal PD si richiama quanto previsto dalla legge Balduzzi, dal momento che quest'ultima risulta applicata solo 7 regioni (Lombardia, Lazio, Veneto, Emilia Romagna, Toscana, Umbria e Puglia). La riorganizzazione prevista dalla legge Balduzzi comportava una riduzione del numero dei comitati etici in base al parametro di uno ogni milione di abitanti. Qui, inoltre, si indicava come la scelta dei comitati da confermare dovesse tener conto del numero dei pareri unici per sperimentazione clinica di medicinali emessi nel corso dell'ultimo triennio.
 
Con ogni probabilità già da oggi si avrà un confronto tra Governo e maggioranza sul tema, dal momento che le votazioni in Commissioni Affari sociali sono programmate per domani. 
 
Qui l'elenco completo dei subemendamenti all'emendamento del relatore presentati in Commissione Affari Sociali.
 
Giovanni Rodriquez

05 luglio 2017
© Riproduzione riservata


Altri articoli in Governo e Parlamento

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Via Boncompagni, 16
00187 - Roma

Via Vittore Carpaccio, 18
00147 Roma (RM)


Direttore responsabile
Cesare Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Direttore generale
Ernesto Rodriquez

Redazione
Tel (+39) 06.59.44.62.23
Tel (+39) 06.59.44.62.26
Fax (+39) 06.59.44.62.28
redazione@qsedizioni.it

Pubblicità
Tel. (+39) 06.89.27.28.41
commerciale@qsedizioni.it

Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy