Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Venerdì 23 AGOSTO 2019
Governo e Parlamento
segui quotidianosanita.it

G7 Salute. Al via il meeting di Parigi. Tema cardine la riduzione delle disuguaglianze in sanità

Ha preso il via oggi nella capitale francese l’incontro tra i Ministri della Salute dei “sette grandi”. Tra gli obiettivi anche la mobilitazione per l’eliminazione entro il 2030 di Aids, tubercolosi e malaria e una più efficace condivisione delle buone pratiche di salute attraverso il lancio di una piattaforma comune per facilitare la circolazione delle conoscenze e competenze in materia di sanità.,

16 MAG - Si è aperto oggi a Parigi il G7 della Salute, il meeting in cui i ministri della Salute dei 7 "Grandi" Paesi (Germania, Canada, Stati Uniti, Francia, Italia, Giappone e Regno Unito) si confronteranno per due giorni su tre obiettivi non più rinviabili: riduzione delle iniquità attraverso il potenziamento delle cure primarie, mobilitazione per l’eliminazione entro il 2030 di Aids, tubercolosi e malaria e una più efficace condivisione delle buone pratiche di salute. L'Italia è rappresentata dal ministro della Salute, Giulia Grillo che certamente sfrutterà l’evento anche per parlare della risoluzione per la trasparenza del prezzo dei farmaci che porterà nelle prossime settimane all’Assemblea dell’Oms.
 
“Oggi più della metà della popolazione mondiale – si legge nel documento di presentazione del G7 francese - non ha accesso a tutti i servizi sanitari di cui hanno bisogno. Tuttavia, l'accesso alla prevenzione e all'assistenza sanitaria è un diritto fondamentale senza il quale stabilità e sviluppo sono minacciati. Il G7, che considera prioritaria la lotta contro le ineguaglianze, offre quindi agli Stati membri l'opportunità di farlo aumentando il loro impegno per la salute globale”.

 
Per affrontare queste sfide, la riunione della riunione dei ministri della sanità del G7, che si concluderà domani con il communiqué finale, fornirà una piattaforma per discutere quali soluzioni possono essere applicate per combattere le disuguaglianze in tema di sanità. “Una cooperazione coordinata tra Stati è necessaria per la difesa di beni comuni – si legge nel documento - . La salute è uno dei più essenziali ma anche uno dei più vulnerabili. Investire nell'assistenza sanitaria è quindi una necessità imperativa per garantire l'accesso delle persone alla prevenzione e assistenza sanitaria di qualità”.
 
Oltre ai ministri del G7, ci sarà il ministro della sanità del Burkina Faso e un rappresentante del G5 Sahel in qualità di partner privilegiati della Francia. Inoltre, ai lavori saranno presenti diversi alti rappresentanti di organizzazioni internazionali, dal Fondo globale, all'Organizzazione mondiale della sanità (OMS), fino a G avi o Unitaid, così come l'Agence française de développement (AFD) ed esperti della società civile.
 
Nell’ambito del tema della riduzione delle disuguaglianze vi sarà spazio anche a quelle di genere e in particolare in termini di accesso all'assistenza sanitaria in tutto il mondo e rappresentanza delle donne agli alti livelli nel settore sanitario. La riunione dei Ministri della sanità del G7 dovrebbe inoltre mobilitare tutte le parti interessate in preparazione della Conferenza per il finanziamento del Global Fund che sarà ospitata dalla Francia per la prima volta il 10 ottobre a Lione. Questa conferenza riunirà rappresentanti dei paesi donatori e destinatari, della società civile e del settore privato con un unico obiettivo: raccogliere almeno 14 miliardi di dollari per combattere l'AIDS, la malaria e la tubercolosi.

“La riunione dei ministri della sanità del G7 – precisa il documento - sarà un'occasione per rafforzare gli impegni assunti dagli Stati migliorare l'accesso all'assistenza sanitaria per tutti”.
 
La Francia ha definito tre priorità per raggiungere questo obiettivo:
1. Combattere l'accesso iniquo all'assistenza sanitaria
In molti paesi, i sistemi sanitari lottano per affrontare la diversità dei problemi di salute incontrati dagli individui per tutta la vita. Per questo la Francia e gli Stati membri del G7 hanno scelto di rendere l'assistenza sanitaria di base uno degli argomenti centrali della discussione.
L’assistenza sanitaria di base, o il primo soccorso, è l'assistenza di prossimità che viene fornita ai pazienti. Questa tipologia riguarda anche la prevenzione, diagnosi, trattamento e follow-up delle patologie. Poiché questo tipo di assistenza è al tempo stesso la pietra angolare dei sistemi sanitari e un prerequisito necessario per l'ambiente socio-economico sviluppo delle popolazioni, essa va potenziata proprio perché fornisce la risposta più completa alle disuguaglianze sanitarie.
 
2. Entro il 2030, poni fine a tre pandemie: AIDS, tubercolosi e malaria
L'AIDS, la tubercolosi e la malaria sono ancora responsabili di 2,7 milioni di morti ogni anno. La Francia è impegnata da tempo per combattere queste tre pandemie, avendo investito 4,5 miliardi di euro in questa causa dal 2002, che la vede come secondo contributore di lunga data al Fondo globale per la lotta all'AIDS, alla tubercolosi e alla malaria.

“Tuttavia – rileva il documento -, i fragili sistemi sanitari minacciano di rianimare le principali pandemie. Nel 2017, i dieci paesi africani più affetti da malaria hanno riportato un aumento del numero di casi rispetto al 2016. Per affrontare questo rischio, il miglioramento dell'assistenza sanitaria di base dovrebbe rafforzare anche la lotta contro queste tre pandemie: AIDS, tubercolosi e malaria”.
 
3. Migliorare l'efficacia dei sistemi sanitari condividendo la conoscenza. Obiettivo una piattaforma comune
Terzo punto del G7 Salute esso rileva come “la comunità internazionale è ora chiamata a innovare insieme alle parti interessate della società civile accordi di cooperazione efficaci. Nel contesto del G7, l'obiettivo della Francia è istituire un meccanismo concreto per facilitare la condivisione di conoscenze e competenze per l'efficacia dei sistemi sanitari”.

Per questa ragione uno degli obiettivi è quello del lancio di un'iniziativa per condividere le conoscenze sull'assistenza sanitaria di base
Al termine della riunione dei ministri della sanità del G7, le principali organizzazioni internazionali pertinenti: l’Oms, l’OCSE, il Global Fund, Gavi The Vaccine Alliance e la World Bank - saranno invitati a firmare una lettera di impegno dichiarando la loro intenzione di collaborare nel campo dell'assistenza sanitaria di base. Inoltre redigeranno un rapporto sulle disposizioni per l'attuazione di una piattaforma online partecipativa tra gli Stati membri del G7.
 
Questa piattaforma dovrebbe:
- sviluppare la condivisione di conoscenze e competenze sull'assistenza sanitaria di base tra i membri del G7;
- contribuire a migliorare l'assistenza sanitaria di base tra gli Stati membri del G7 e i paesi a basso e medio reddito, in particolare gli Stati membri del G5 Sahel;
- promuovere l'innovazione per quanto riguarda il miglioramento dell'assistenza sanitaria di base, facendo anche affidamento sulla società civile (ricercatori, professionisti, pazienti, ONG, settore privato, ecc.).

16 maggio 2019
© Riproduzione riservata


Altri articoli in Governo e Parlamento

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
iPiùLetti [7 giorni] [30 giorni]
1  
2  
3  
4  
5  
6  
7  
8  
9  
10  
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Via Boncompagni, 16
00187 - Roma

Via Vittore Carpaccio, 18
00147 Roma (RM)


Direttore responsabile
Cesare Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Direttore generale
Ernesto Rodriquez

Redazione
Tel (+39) 06.59.44.62.23
Tel (+39) 06.59.44.62.26
Fax (+39) 06.59.44.62.28
redazione@qsedizioni.it

Pubblicità
Tel. (+39) 06.89.27.28.41
commerciale@qsedizioni.it

Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy