Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Venerdì 07 AGOSTO 2020
Governo e Parlamento
segui quotidianosanita.it

Manovra. Anaao Giovani su stabilizzazione precari: “Bene emendamento ministro, ma i termini vanno prorogati al 2020”


“Ben venga estendere la possibilità per le amministrazioni di assumere a tempo indeterminato fino al 31 dicembre 2022, ma limitare al 30 giugno 2019 la possibilità per i precari di poter ottenere i criteri per essere stabilizzati è limitante. Posticipare il termine, significa allargare di tanto la platea dei beneficiari”. Così Anaao Giovani commenta l'emendamento presentato nel fine settimana da Governo e relatori.

09 DIC - Anaao Giovani accoglie con soddisfazione e plaude all’azione politica del Ministro della Salute, Roberto Speranza, che ha depositato un emendamento per estendere i termini per la stabilizzazione dei precari previsti con la cosiddetta Legge “Madia”. Una legge che si applica, tra gli altri, anche al personale medico, sanitario (anche se non espressamente esplicitato nel dispositivo di legge), tecnico-professionale ed infermieristico del Sistema Sanitario Nazionale, con l’obiettivo di garantire lavoro stabile in un settore che necessita di buona occupazione.

“Ben venga estendere la possibilità per le amministrazioni di assumere a tempo indeterminato fino al 31 dicembre 2022, ma – commentano i giovani medici Anaao - limitare al 30 giugno 2019 la possibilità per i precari di poter ottenere i criteri per essere stabilizzati è limitante. Posticipare il termine entro cui questi lavoratori devono aver maturato almeno tre anni di servizio, anche non continuativi, negli ultimi otto anni, significa allargare di tanto la platea dei beneficiari”.


“L’Anaao da anni si batte per cicatrizzare una ferita profonda del nostro Ssn rappresentata dalle sacche di precariato. In questo momento storico di frammentazione e precarizzazione nel settore pubblico del lavoro medico e di fuga verso il privato, il processo della stabilizzazione avviato con la Legge “Madia” va rafforzato e migliorato. Le nostre proposte, già esposte in più sedi, non ultima quella ministeriale, puntano al superamento di un bug contenuto nella norma, rappresentato dal termine del 31/12/2017 per il raggiungimento dei requisiti idonei alla stabilizzazione. Tale restrizione temporale per il conseguimento degli anni di servizio lascia infatti fuori dal percorso di stabilizzazione tanti, troppi colleghi. Sono circa 2000 dai primi dati parziali che abbiamo estrapolato i medici e dirigenti sanitari che oggi vivono ancora nel limbo del precariato e che, grazie a tale modifica legislativa potrebbero finalmente raggiungere una stabilizzazione che ci appare come un diritto inalienabile”.

“Auspichiamo, pertanto, che i termini vengano prorogati al dicembre 2020 e che comprendano sia i Colleghi che sono titolari di contratto subordinato che quelli (e sono tanti) che vivono ancora di contratti atipici. Certamente registriamo favorevolmente l’impegno del Ministro nel segno di un ulteriore passo in avanti verso la difesa della nostra Sanità".
 
A tal proposito, sempre nel fine settimana, è stato presentao un subemendamento del M5S che punta proprio ad estendere il termine temporale fissato al 30 giugno 2019 nel testo di Governo e relatori.

09 dicembre 2019
© Riproduzione riservata


Altri articoli in Governo e Parlamento

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Via Boncompagni, 16
00187 - Roma

Via Vittore Carpaccio, 18
00147 Roma (RM)


Direttore responsabile
Cesare Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Presidente e AD
Vincenzo Coluccia

Direttore generale
Ernesto Rodriquez

Redazione
Tel (+39) 06.59.44.62.23
Tel (+39) 06.59.44.62.26
Fax (+39) 06.59.44.62.28
redazione@qsedizioni.it

Pubblicità
Tel. (+39) 06.89.27.28.41
commerciale@qsedizioni.it

Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy