Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Mercoledì 24 APRILE 2019
Lavoro e Professioni
segui quotidianosanita.it

Lotta al fumo. Fimp: "Giusta la priorità verso i bambini. Per loro anche danni al Dna"

La Federazione dei pediatri ha commentato positivamente le misure anti fumo contenute nel Ddl Lorenzin. Per Fimp la fascia pediatrica è "troppo spesso esposta al fumo di sigaretta" che, secondo recenti studi, può arrivare a causare "potenziale danni anche al Dna".

07 AGO - La Federazione italiana medici pediatri (Fimp) auspica che il percorso parlamentare delle nuove norme contro i rischi da fumo di sigaretta conduca a maggiori tutele per la salute dei bambini e degli adolescenti. In una nota la Fimp è intervenuta sul Ddl Lorenzin, recentemente approvato dal Consiglio dei Ministri, che introduce anche un inasprimento del divieto di fumo, non consentendo di fumare anche nelle aree aperte degli istituti scolastici, oltre a confermare il divieto di utilizzo di sigarette elettroniche sempre da parte dei minori.

Nella sua versione originale il Ddl omnibus del Ministro della Salute prevedeva, insieme ad un pacchetto di misure su sperimentazione clinica, riforma degli Ordini, epidurale nei Lea, sicurezza alimentare e corretti stili di vita, anche il divieto di fumo in auto in presenza di donne in gravidanza e di minori, ma questa parte del provvedimento è stata stralciata con un rinvio per la discussione in sede parlamentare.

Secondo Fimp, la fascia pediatrica è troppo spesso esposta al fumo di sigaretta, tanto più che oggi si parla di fumo di prima, seconda e, addirittura, di terza mano per indicare non solo i danni provocati dal fumo attivo e da quello passivo, ma anche dalle sostanze che restano per anni nell’ambiente, impregnando vestiti, muri e oggetti di casa, provocando, secondo recenti studi, potenziali danni anche al Dna. Ben vengano, quindi, campagne di informazione come quella recentemente lanciata dalla Società italiana per le malattie respiratorie infantili (Simri) - Spegni la sigaretta, Proteggi il tuo bambino - perché contribuiscono ad accendere l’attenzione dell’opinione pubblica su un problema di sanità pubblica attuale, focalizzandosi sull’importanza della prevenzione e dei corretti stili di vita.


Anche la Fimp si è detta pronta a fare la sua parte per sostenere questo sforzo di sensibilizzazione contro i rischi del fumo.  

07 agosto 2013
© Riproduzione riservata


Altri articoli in Lavoro e Professioni

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Via Boncompagni, 16
00187 - Roma

Via Vittore Carpaccio, 18
00147 Roma (RM)


Direttore responsabile
Cesare Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Direttore generale
Ernesto Rodriquez

Redazione
Tel (+39) 06.59.44.62.23
Tel (+39) 06.59.44.62.26
Fax (+39) 06.59.44.62.28
redazione@qsedizioni.it

Pubblicità
Tel. (+39) 06.89.27.28.41
commerciale@qsedizioni.it

Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy