Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Sabato 23 NOVEMBRE 2019
Lavoro e Professioni
segui quotidianosanita.it

Rapporto Ocse. Silvestro (Ipasvi): “Servono più infermieri, assistenza primaria e soprattutto lavoro di squadra”

“L’Italia va lenta nell’applicare leggi che ha già, come la riforma Balduzzi, e che prevedono di potenziare prima di tutto il territorio”. E in questo quadro” la parola chiave è lavoro di squadra. La salute e l’assistenza ai pazienti non si fa continuando a ‘sopravvivere’ l’un contro l’altro armati”.

16 GEN - Investire maggiormente nella forza-lavoro infermieristica e ampliare l’assistenza primaria con un maggior accreditamento dei servizi, in testa le reti per l’assistenza territoriale e gli ospedali di comunità (dove gli infermieri rappresentano la prima risorsa per il funzionamento e la gestione, come spiega lo stesso Patto per la salute). Per l’Ipasvi è questa una delle indicazioni di rilievo della “Revisione sulla qualità dell’assistenza sanitaria in Italia”, presentata ieri a Roma al ministerro della Salute.
 
“Le indicazioni Ocse – spiega una nota della Federazione dei Collegi Ipasvi -  sono quelle di garantire che gli sforzi attuali per contenere la spesa sanitaria non intacchino la qualità, principio fondamentale di governance. E la necessità di sostenere le Regioni che hanno una infrastruttura più debole, perché eroghino servizi di qualitàcome quelle con le performance migliori, grazie a un approccio più “solido” e “ambizioso” al monitoraggio della qualitàe al miglioramento del sistema”.

 
 
“L’Italia – sottolinea Annalisa Silvestro, senatrice e presidente de’Ipasvi - va lenta nell’applicare leggi che ha già, come la riforma Balduzzi, e che prevedono di potenziare prima di tutto il territorio, considerando che la popolazione è sempre più anziana, fragile e affetta da patologie corniche. Al tempo stesso secondo l’Ocse la spesa sanitaria nelle Asl appare ancora diretta soprattutto a tipi tradizionali di servizi di cure primarie, quali medici individuali, con una piccola spesa destinata a servizi per pazienti fragili o quelli con condizioni croniche. Cambiate in fretta, sollecita l’Ocse. Soprattutto con la promozione della qualità del personale sanitario, potenziando gli indicatori relativi all’assistenza primaria e territoriale che oggi non bastano a inquadrare  l’efficacia, della sicurezza e della centralitàdel paziente”. 
 
“Oggi – continua Silvestro – non c’è nel Ssn quello che da tempo stiamo sollecitando e che l’Ocse indica come necessità: rilevazioni di indicatori di qualitào di esito a livello di singolo professionista e standard nazionali per l’assistenza primaria, ampliando il focus del nuovo programma di accreditamento nazionale ai servizi di assistenza primaria e territoriale, compreso il nuovo insieme di reti per l’assistenza territoriale e di ospedali di comunità. Si tratta di partite dove gli infermieri sono sempre in primo piano anche nelle recenti norme di programmazione nazionale. E si tratta di passi importanti da fare subito, come quello della ri-certificazione, che prevede valutazioni più rigorose come una valutazione completa tra pari e stimola i professionisti a riflettere sui propri punti di forza e debolezza”.
 
“ Ma soprattutto – conclude Silvestro – la parola chiave che l’Ocse indica all’Italia è una, in questo periodo spesso davvero poco ascoltata: lavoro di squadra. La salute e l’assistenza ai pazienti non si fa continuando a ‘sopravvivere’ l’un contro l’altro armati. E non si fa senza quelle sinergie e quella divisione di compiti e competenze che non intaccano i saperi, ma consentono di realizzare per i pazienti quella continuità nell’assistenza che va oltre la qualità dei servizi e diventa qualità della vita”. 

16 gennaio 2015
© Riproduzione riservata


Altri articoli in Lavoro e Professioni

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Via Boncompagni, 16
00187 - Roma

Via Vittore Carpaccio, 18
00147 Roma (RM)


Direttore responsabile
Cesare Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Direttore generale
Ernesto Rodriquez

Redazione
Tel (+39) 06.59.44.62.23
Tel (+39) 06.59.44.62.26
Fax (+39) 06.59.44.62.28
redazione@qsedizioni.it

Pubblicità
Tel. (+39) 06.89.27.28.41
commerciale@qsedizioni.it

Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy