Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Mercoledì 24 AGOSTO 2016
Lavoro e Professioni
segui quotidianosanita.it

Ddl concorrenza. Gullotta (Parafarmacie) scrive ai titolari di farmacie: “Problema non è fascia C ma l’ingresso dei grandi capitali”

Tutti gli studi economici realizzati sinora dimostrano che la liberalizzazione della Fascia C determinerebbe una minima, per non dire ininfluente, diminuzione di fatturato per le farmacie. Mentre lo scenario che si aprirebbe con l'ingresso del capitale non lascia spazio a dubbi: le grandi multinazionali quando avranno la possibilità di diventare proprietari delle farmacie ne determineranno il mercato, dunque il prezzo.

12 GEN - Con la legge sulla concorrenza che si avvia a concludere il suo intero percorso, il Governo Renzi sta per modificare il settore Sanità in modo, a mio avviso, non favorevole ai farmacisti. Mi chiedo: i miei colleghi titolari di farmacia hanno capito cosa sta per accadere? I fatti ci dicono, incontrovertibilmente, tre cose: 
1) Il disegno di legge darà il via libera all'ingresso del capitale nella proprietà delle farmacie;
2) le grosse multinazionali del settore entreranno con investimenti cospicui (si parla di 2000 farmacie);
3) Ancora una volta le indicazioni dell'Antitrust, a cui il governo dovrebbe ispirarsi e questo DDL conformarsi, per quel che riguarda i farmaci sono totalmente ignorate.
 
In uno scenario siffatto, la posizione ufficiale del sindacato dei titolari di Farmacia e dunque la sua unica preoccupazione evidente, resta di impedire al farmacista in parafarmacia di dispensare la fascia C contro il quale la più potente lobby esistente ha dichiarato - a tutt'oggi- una guerra spietata. 
E' come se un familiare oltremodo ricco litigasse con quello meno facoltoso per la spartizione di una pertinenza minuscola e nel frattempo arrivasse qualcuno da fuori che decide di comprare l'intera abitazione. I numeri infatti parlano chiaro. 

 
Vi è stato grande fermento tra i titolari di Farmacia per la campagna di raccolta firma lanciata da Conad e FNPI. Tuttavia i numeri dicono che:
 
Le 101 Parafarmacie Conad tutte insieme realizzano un fatturato pari a quello delle 10 più grosse farmacie Italiane. Ed ancora: delle circa 5mila Parafarmacie Italiane poco meno della metà sono di proprietà di farmacisti titolari di farmacia mentre la percentuale dei farmaci Sop/Otc (da banco, quelli che possono vendere anche le parafarmacie) per il 93% è dispensata ad oggi ancora dalle farmacie. 
 
Mentre la cosa veramente  strana è che: prima le dichiarazioni dell'AD di una nota multinazionale che intende investire pesantemente in Italia (si parla di 2000 farmacie) e poi il plauso della stessa  multinazionale alla mancata liberalizzazione della fascia C non destino nessun sospetto e non facciano riflettere, su quello che sembra un sodalizio tra il sindacato dei titolari di farmacia e i capitali che entreranno in Italia.
 
Di fronte a tali numeri  il sindacato che rappresenta le 17 Mila farmacie Italiane continua a preoccuparsi solo di impedire ai farmacisti delle parafarmacie di dispensare il farmaci di Fascia C, che poi rappresenta solo il 16% del mercato del farmaco.
Tutti gli studi economici realizzati sinora dimostrano infatti che la liberalizzazione della Fascia C determinerebbe un minimo, per non dire ininfluente, diminuzione di fatturato per le farmacie. 
 
Lo scenario che si aprirebbe con l'ingresso del capitale non lascia spazio a dubbi: le grandi multinazionali quando avranno la possibilità di diventare proprietari delle farmacie ne determineranno il mercato, dunque il prezzo, soprattutto in quei casi (numerosi) in cui le Farmacie da acquisire saranno i loro diretti clienti indebitati. 

Questo anche perché molte di queste multinazionali già sono presenti in Italia, come distributori intermedi e spesso detengono il debito di molte farmacie in crisi. Ergo saranno queste le prime ad essere fagocitate e al prezzo deciso dalla multinazionale e non dal farmacista titolare indebitato.
Il risultato? Che le farmacie non acquisite dalle multinazionali si troveranno a dover competere non più con il collega farmacista della parafarmacia vicina (che oggi dispensa solo il 12% dei farmaci e con l'eventuale Fascia C il 28%), ma con la farmacia della multinazionale di turno che ha dietro capitali, una logistica consolidata, l'intera gamma dei farmaci e tutti i servizi di una farmacia. Vale a dire, dulcis in fundo, che il prezzo di acquisto di una farmacia con l'ingresso dei capitali non aumenterà, anzi scenderà bruscamente. 
 
Ovviamente ai posteri l'ardua sentenza.
 
Davide Gullotta
Presidente Federazione Nazionale parafarmacie italiane  

12 gennaio 2016
© Riproduzione riservata


Altri articoli in Lavoro e Professioni

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Via Boncompagni, 16
00187 - Roma

Via Vittore Carpaccio, 18
00147 Roma (RM)


Direttore responsabile
Cesare Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Direttore generale
Ernesto Rodriquez

In redazione
Lucia Conti
Luciano Fassari
Ester Maragò
Giovanni Rodriquez

Collaboratori
Eva Antoniotti (Ordini e professioni)
Gennaro Barbieri (Regioni)
Ivan Cavicchi (Editorialista)
Fabrizio Gianfrate (Editorialista)
Ettore Mautone (Campania)
Maria Rita Montebelli (Scienza)
Claudio Risso (Piemonte)
Edoardo Stucchi (Lombardia)
Vincino (Vignette)

Contatti
info@qsedizioni.it


Pubblicità
Tel. (+39) 02.28.17.26.15
(numero unico nazionale)
commerciale@qsedizioni.it

Redazione
Tel (+39) 06.59.44.62.23
Tel (+39) 06.59.44.62.26
Fax (+39) 06.59.44.62.28
redazione@qsedizioni.it

Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy