Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Martedì 09 MARZO 2021
Lavoro e Professioni
segui quotidianosanita.it

Medicina convenzionata. Fimmg, Fimp e Sumai sempre ai vertici di medicina generale, pediatria e specialistica ambulatoriale. Ma cala numero complessivo iscritti

di L.F.

Pubblicate dalla Sisac le ultime rilevazioni delle deleghe sindacali (al 1° gennaio 2020). Il comparto ha perso nell’ultimo anno in totale 2.038 iscritti. Rispetto al 2014 sono oltre 6 mila in meno. Un calo che vede colpiti praticamente tutti i sindacati. Picco negativo per lo Smi che paga la scissione e che in tre anni ha perso il 40% degli iscritti. I DATI SISAC

25 GEN - Pubblicate dalla Sisac le ultime rilevazioni (al 1° gennaio 2020) sulle deleghe sindacali per il comparto della medicina convenzionata che comprende: medici di medicina generale, pediatri di libera scelta e specialisti ambulatoriali interni. In totale il comparto conta nel 2020 un totale di 54.161 deleghe. Un numero in calo di 2.038 unità (-3,6%) rispetto alle deleghe del 2019. Se si prende il dato del 2014 il calo è ancora più evidente: 6 anni fa il numero era 60.485, ben 6.324 in più.
 
Ma vediamo i numeri per singolo comparto.
 
Medicina generale. Nel 2020 il comparto conta su 36.262 deleghe. Ovvero -1.430 rispetto alle 37.692 del 2019, confermando il trend in discesa degli ultimi anni. Fimmg si conferma comunque il primo sindacato con il 63,81% (in crescita rispetto al 63,1% dell’anno precedente) di rappresentatività e un totale di 23.137 deleghe, con un calo di 674 deleghe rispetto alle 32.811 del 2019.
 
In seconda posizione si conferma lo Snami con 6.897 deleghe (-285 rispetto al 2018) e il 19,02% di rappresentatività. Sul terzo gradino del podio si conferma Intesa Sindacale (Cisl medici, FpCgil medici, Simet, Sumai) con 3.358 deleghe (+24 rispetto al 2019) e il 9,26% di rappresentatività. Paga ancora la scissione lo Smi che si attesta al quarto posto con 2.601 deleghe (-492 rispetto al 2019) e il 7,17% di rappresentatività proseguendo il trend che da tre anni lo ha visto perdere oltre il 40% degli iscritti.

 
Specialistica ambulatoriale. Nel 2020 il comparto ha fatto segnare numero di deleghe pari a 11.348, in calo di 190 unità rispetto alle 11.538 del 2018. Il primo sindacato dell’Area si conferma il Sumai-Assoprof con 8.605 unità ed il 75,8% di rappresentatività, numeri in calo di 141 unità rispetto alle 8.746 deleghe del 2019. 
In seconda posizione c’è la Federazione Cisl medici con 1.031 deleghe, in discesa rispetto alle 1.056 del 2018, e con una rappresentatività pari al 9,09%. In terza posizione troviamo poi Fespa con 786 deleghe (-99 rispetto al 2019) e il 6,93% della rappresentatività.
 
Pediatria di libera scelta. Le deleghe qui sono state in totale 6.551 (418 in meno rispetto al 2019). Il primo sindacato si conferma la Fimp con 5.032 deleghe (-98 rispetto al 2019) e il 76,81% di rappresentatività. Al secondo posto c’è la Simpef con 937 deleghe (14,3%), numeri in calo rispetto alle 969 deleghe del 2019. Sul terzo gradino del podio c’è la Federazione Cipe-Sispe-Sinspe con 546 deleghe (-195 rispetto al 2019) deleghe pari al 8,33%.
 
L.F.

25 gennaio 2021
© Riproduzione riservata


Allegati:

spacer I dati Sisac

Altri articoli in Lavoro e Professioni

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Via Boncompagni, 16
00187 - Roma

Via Vittore Carpaccio, 18
00147 Roma (RM)


Direttore responsabile
Cesare Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Presidente e AD
Vincenzo Coluccia

Direttore generale
Ernesto Rodriquez

Redazione
Tel (+39) 06.59.44.62.23
Tel (+39) 06.59.44.62.26
Fax (+39) 06.59.44.62.28
redazione@qsedizioni.it

Pubblicità
Tel. (+39) 06.89.27.28.41
commerciale@qsedizioni.it

Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy