Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Sabato 24 OTTOBRE 2020
Lettere al direttore
segui quotidianosanita.it

Diagnosi dal medico di famiglia. Un grande investimento o solo una grande spesa?

02 NOV - Gentile Direttore,
la bozza della manovra prevede uno stanziamento di 235 mln per apparecchiature diagnostiche negli studi dei medici di famiglia. Un grande investimento e una grande opportunità se collegata ad un progetto. Una inutile spesa se scollegata dalla riorganizzazione del sistema delle cure primarie e dei servizi territoriali.
 
Leggendo l’articolato del ddl viene naturale domandarsi:
• Quali sono le tecnologie e le attrezzature in questione?
• Quali riscontri di efficacia ed efficienza? (tempo lavoro macchina / die)
• Quali professionisti saranno autorizzati ad utilizzare tali tecnologie ed attrezzature?
• Se l’utilizzo sarà cura e responsabilità del MMG/PLS … siamo certi del miglioramento del servizio e della diminuzione delle liste di attesa?
• Quali saperi richiesti (abilitazione all’esercizio professionale) e quali competenze necessarie?
• L’obsolescenza delle attrezzature, nonché le innovazioni collegate alle evoluzioni scientifiche, tecnologiche e metodologiche, come verranno adeguate e/o compensate?

 
Comunque, a prescindere da quanto detto, è certamente una grande opportunità (ed occasione) per ripensare il sistema delle cure primarie e dei servizi territoriali. Alcuni dati possono essere di aiuto per stimolare riflessioni ed idee:
a. Nel recente passato (2012 – Balduzzi) sono state disciplinate – con norma – le AFT (Aggregazioni Funzionali Territoriali) e le UCCP (Unità Complesse Cure Primarie);
b. A seguire sono state finanziate e strutturate le “Case della Salute”.
 
Queste innovazioni hanno avuto seguito senza particolare riorganizzazioni nel sistema. I costi sostenuti sono stati importanti … con risultati ed esiti spesso ridotti rispetto alle attese, e comunque in maniera molto differenziata sul territorio nazionale.
 
La vera innovazione potrebbe essere il completo ripensamento dei servizi territoriali (Distretti Sanitari, Poliambulatori, Case della Salute) e del sistema delle cure primarie, per un sistema sanitario davvero universalistico e sostenibile.
 
Ai servizi territoriali:
• Il compito di assicurare la risposta di I livello ai bisogni della popolazione e di garantire la continuità Territorio - Ospedale / Ospedale – Territorio (definizioni e condivisioni tra MMG/PLS e Medici Specialisti Ospedalieri);
• Attivazione dei PDTA di maggiore peso e significatività (Scompenso, BPCO, Diabete, Demenze,), con il coinvolgimento diretto di MMG/PLS, con chiara distinzione di compiti tra i livelli ospedalieri e territoriali, nel rispetto di progetti, percorsi e processi definiti e condivisi (anche con compensazioni di risorse tra i livelli sopra citati, tenuto conto sei servizi attivati e dei volumi di attività);
• Acquisizione / potenziamento e concentrazione di tecnologie ed attrezzature diagnostiche di I livello nelle Case della Salute (comprendenti anche poliambulatori, con accessi diretti / privilegiati agli utenti con prescrizioni dei MMG/PLS) e sistemi di relazione ed integrazione definiti e condivisi con gli attori interessati (anche per un utilizzo più corretto e razionale delle risorse e delle tecnologie/attrezzature);
 
Al sistema delle cure primarie (sempre più complicato e complesso, stante l’aumento delle fragilità e delle disabilità, tale da mettere in discussione i massimali al momento in essere a carico dei MMG/PLS):
• riorganizzazione del sistema dei MCC (parte integrante delle équipe delle AFT/UCCP), con conseguenze positive anche relativamente alla diminuzione degli accessi e dei ricoveri nei momenti di presenza dei Medici di Continuità Assistenziali (vedi dati annuario statistico 2019);
• attivazione dell’Infermiere di Famiglia per la presa in carico delle persone affette da patologie croniche e degenerative e/o a rischio fragilità e disabilità (il 3,7% della popolazione da 65 a 74 aa, pari a 246.000 unità e il 7% della popolazione di età superiore a 75 aa, pari a 490.000 unità, per un totale di 740.000 persone), nell’ambito di progetti definiti e condivisi con i MMG/PLS (anche con il fine di generare una migliore condizione operativa agli stessi ed ottimizzare la relazione con gli utenti;
• Potenziamento dei servizi di assistenza domiciliare e riabilitativi per consentire l’appropriatezza, l’adeguatezza e la continuità degli interventi, nel rispetto dei setting assistenziali e riabilitativi specifici per ogni assistito (definiti e condivisi anche con MMG/PLS, spesso in continuità con i percorsi di cura ospedalieri);
• Programmazione di continui momenti di audit (organizzativi e clinico-assistenziali-riabilitativi) per l’analisi degli esiti e l’eventuale revisione dei percorsi e dei processi, nel rispetto dei principi fissati dai manuali di autorizzazione ed accreditamento (ove presenti ed applicati) e dei contenuti della l. 24/2017 (Gelli / Bianco), anche per una migliore valutazione dell’adesione alla terapia da parte dei pazienti;
• Programmazione di continui incontri con i pazienti inseriti nei singoli percorsi PDTA (e con le famiglie), con il coinvolgimento e la partecipazione anche dei MM/PLS, per favore la comunicazione tra persone affette da medesime problematiche e sviluppare eventuali momenti di auto-mutuo-aiuto;
 
In conclusione:
• un finanziamento importante per l’acquisizione / potenziamento di attrezzature e tecnologie diagnostiche di I livello, sicuramente di grande utilità per migliorare il servizio agli utenti e per valorizzare il lavoro dei professionisti;
• qualche dubbio circa l’assegnazione delle stesse (con il rischio di non raggiungere livelli adeguati di efficacia ed efficienza, e di non utilizzare in maniera corretta e razionale le risorse);
• l’importanza di pensare alla riorganizzazione del sistema, senza limitarsi al capitolo “acquisizione tecnologie ed attrezzature per migliorare i processi ed i percorsi della diagnosi di I livello” (guardare “al nuovo” modificando “il vecchio”).
 
Marcello Bozzi
Segretario ANDPROSAN

02 novembre 2019
© Riproduzione riservata


Altri articoli in Lettere al direttore

lettere al direttore
ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Via Boncompagni, 16
00187 - Roma

Via Vittore Carpaccio, 18
00147 Roma (RM)


Direttore responsabile
Cesare Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Presidente e AD
Vincenzo Coluccia

Direttore generale
Ernesto Rodriquez

Redazione
Tel (+39) 06.59.44.62.23
Tel (+39) 06.59.44.62.26
Fax (+39) 06.59.44.62.28
redazione@qsedizioni.it

Pubblicità
Tel. (+39) 06.89.27.28.41
commerciale@qsedizioni.it

Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy