toggle menu
QS Edizioni - domenica 23 settembre 2018

Governo e Parlamento

Cose mai viste. Luigi Di Maio affida a un prof il compito di trovare le differenze e le convergenze con i programmi di Lega e PD. Avrà tempo fino al 30 aprile

immagine 12 aprile - Il professore in questione è Giacinto Della Cananea, Ordinario di diritto amministrativo a Tor Vergata e componente dal 2014 del consiglio di presidenza della Corte dei conti, che oggi è stato formalmente incaricato dal capo politico del M5S di esaminare i programmi ufficiali elettorali che sono stati presentati da Lega e PD, "al fine di vagliare sia gli aspetti comuni, sia gli aspetti distintivi, segnalando le differenze di contenuto ritenute superabili e quelle – invece - insuperabili, per valutare la compatibilità dei relativi programmi politici". 
Che questa legislatura sia diversa da tutte le altre sembra ormai evidente almeno nelle forme e nelle prassi. L'ultima novità viene oggi dai Cinque Stelle con un inedito contratto di consulenza da parte dei Cinque Stelle ad un professore universitario per trovare analogie, differenze, punti di contatto e punti di rottura insormontabili tra i programmi elettorali di M5S, Lega e PD.
 
Scopo dichiarato quello di spianare la strada a quel famoso "contratto di governo" che il M5S ha proposto sia all'uno che all'altro. Ma come fare un contratto se i programmi sono diversi? Un quesito che in queste settimane in molti hanno rivolto ai Cinque Stelle e al quale il Movimento ha deciso di rispondere a modo suo.
 
Sarà un esperto "terzo" a scandagliare idee e promesse elettorali delle tre forze politiche e a verificare quanti e quali, se ci sono, i punti di convergenza sui quali teoricamente stilare un contratto di governo.
 
Il prof in questione è Giacinto Della Cananea, professore ordinario di diritto amministrativo all'università di Roma Tor Vergata e componente dal 2014 del consiglio di presidenza della Corte dei conti, al quale il capo politico del MoVimento 5 Stelle, Luigi Di Maio, ha oggi affidato l'incarico di esaminare "i programmi ufficiali elettorali che sono stati presentati dalle forze politiche Lega e Partito Democratico al fine di vagliare sia gli aspetti comuni, sia gli aspetti distintivi, segnalando le differenze di contenuto ritenute superabili e quelle – invece - insuperabili, al fine di valutare la compatibilità dei relativi programmi politici e, così, di avviare il percorso necessario a offrire un Governo stabile e utile al Paese".
 
A darne notizia è lo stesso Di Maio in un post pubblicato sul blog delle stelle
. Il professore costituirà e coordinerà, d’intesa con lo stesso Di Maio, un "Comitato scientifico per l’analisi dei programmi, composto da esperti indipendenti e di elevata professionalità. Il Comitato, che svolgerà la propria attività a titolo gratuito e in assenza di conflitti d’interesse con le forze politiche anzidette - si legge nel blog - ha compiti istruttori, in vista dell’esame e del confronto dei programmi elettorali che sono stati presentati dal MoVimento 5 Stelle, dalla Lega e dal Partito Democratico".
 
Della Cananea si impegnerà a consegnare una relazione finale,non oltre il 30 aprile 2018, "avendo cura di segnalare in essa i temi comuni alle rispettive forze politiche, evidenziando anche obiettivi di intervento che, se pure non indicati esplicitamente nei rispettivi programmi elettorali, sono presupposti o che comunque tornano utili per migliorare le condizioni di vita dei cittadini e la competitività delle imprese". Tutto questo, dovrà avvenire nel più stretto riserbo. Nell'accordo firmato si spiega infatti che "i risultati potranno essere resi pubblici soltanto dopo che siano stati presentati a Luigi Di Maio e vi sia il consenso alla loro divulgazione".
 
G.R.
12 aprile 2018
© QS Edizioni - Riproduzione riservata