Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Martedì 29 SETTEMBRE 2020
Scienza e Farmaci
segui quotidianosanita.it

Lavorare nelle piscine al chiuso aumenta rischio asma e irritazioni

di Shereen Lehman

I responsabili sarebbero i composti che si formano dalla reazione tra cloro libero e materia organica. I più a rischio sarebbero i bagnini che lavorano per più di 500 ore l'anno. Lo studio sull'International Journal of Environmental Health Research

21 LUG - (Reuters Health) – I bagnini che lavorano più di 500 ore l'anno in piscine coperte sarebbero da due a sei volte più a rischio di soffrire di tosse, asma e irritazione a gola e occhi, rispetto a chi lavora all'aria aperta. E la causa potrebbero essere le sostanze chimiche che si sviluppano all'interno, visto che la maggior parte dei sintomi migliora quando si sospende il lavoro. A dimostrarlo è stato uno studio pubblicato sull'International Journal of Environmental Health Research. La ricerca è stata guidata da Gabrielle Bureau, del Department of Social and Preventive Medicine della Laval University di Quebec City.

Lo studio
Per lo studio, i ricercatori canadesi hanno fatto un'indagine attraverso un questionario online, coinvolgendo bagnini ed ex-bagnini, per valutare l'esposizione all'ambiente della piscina e alcuni sintomi come tosse, produzione di espettorato, respiro affannoso, congestione a livello polmonare, starnuti, irritazione di occhi e gola, raucedine, naso chiuso e dolore all'orecchio. Inoltre, a tutti è stato chiesto se avevano avuto una diagnosi di asma o se assumevano antiasmatici. Delle 870 persone intervistate, 601 lavoravano ancora come bagnini.


Circa il 78% avrebbe riportato almeno un sintomo respiratorio nell'anno precedente e il 23% avrebbe riferito di avere avuto una diagnosi di asma. I bagnini esposti per più di 500 ore nell'anno precedente avevano una probabilità di circa due volte e mezzo superiore di avere tosse e mal di gola rispetto a quelli esposti per meno di 50 ore. Inoltre, i primi avevano una probabilità quattro volte superiore di avere irritazione agli occhi. Mentre tra i bagnini che avevano avuto una diagnosi di asma, quelli esposti per più di 500 ore a piscine chiuse avevano sei volte in più di probabilità di avere attacchi.

Reazione tra cloro libero e materia organica
“La gran parte delle piscine viene trattata con disinfettanti a base di cloro”, osserva Bureau. La reazione tra cloro libero e materia organica, come cellule cutanee, urina e sudore, genera un elevato numero di contaminanti noti come disinfection-by-products  (DBP). Uno di questi è la tricloramina, “un contaminante altamente volatile che conferisce alle piscine coperte il loro caratteristico odore”, come ha spiegato la ricercatrice canadese, secondo la quale sarebbe quello che più probabilmente provoca i sintomi dell'irritazione.

Per limitare questi effetti, “è importante limitare l'ingresso di materia organica nell'acqua, per diminuire la quantità di questi prodotti di reazione”, afferma Bureau. Per questo è importante “prendere determinate misure di igiene come usare la doccia con il sapone prima di nuotare, usare le cuffie e utilizzare pannolini per i bambini appositamente studiati per il nuoto”. Inoltre, potrebbero essere utili un adeguato sistema di filtraggio, una buona ventilazione e un controllo dei parametri della clorazione “per impedire la comparsa di sintomi irritanti”, conclude l'esperta.

Fonte: International Journal of Environmental Health Research

Shereen Lehman

(Versione italiana Quotidiano Sanità/ Popular Science)

21 luglio 2017
© Riproduzione riservata


Altri articoli in Scienza e Farmaci

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Via Boncompagni, 16
00187 - Roma

Via Vittore Carpaccio, 18
00147 Roma (RM)


Direttore responsabile
Cesare Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Presidente e AD
Vincenzo Coluccia

Direttore generale
Ernesto Rodriquez

Redazione
Tel (+39) 06.59.44.62.23
Tel (+39) 06.59.44.62.26
Fax (+39) 06.59.44.62.28
redazione@qsedizioni.it

Pubblicità
Tel. (+39) 06.89.27.28.41
commerciale@qsedizioni.it

Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy