Quotidiano on line
di informazione sanitaria
08 DICEMBRE 2019
Scienza e Farmaci
segui quotidianosanita.it

Europa libera dalla malaria e gli ultimi 10 paesi endemici firmano la dichiarazione di Ashgabat. Nel Vecchio Continente, dai 90.712 casi nel 1995 ai zero nel 2015. Il successo della strategia Oms

Armenia, Azerbaigian, Georgia, Kazakistan, Kirghizistan, Federazione russa, Tagikistan, Turchia, Turkmenistan e Uzbekistan hanno firmato il 4 settembre a Mosca la dichiarazione sul loro impegno a prevenire la reintroduzione della malattia. LA DICHIARAZIONEQUADRO REGIONALE PER LA PREVENZIONE REINTRODUZIONE MALARIA E PER CERTIFICAZIONE ELIMINAZIONE MALATTIA NEL 2014-2020QUADRO PER ELIMINAZIONE MALARIA NEL 2017RAPPORTO MONDIALE MALARIA 2016STRATEGIA TECNICA GLOBALE PER LA MALARIA 2016-2030. LA STRATEGIA REGIONALE 2014-2020

05 SET - La malaria sta per essere definitivamente sconfitta in Europa. il 4 settembre i 10 paesi dell'Asia centrale e del Caucaso, ultima fortezza della malaria nella regione dell’Oms hanno confermato il loro impegno a prevenire la malattia con il lancio della dichiarazione Ashgabat, presentata a Mosca.

La malaria è una malattia pericolosa per la vita causata dai parassiti che vengono trasmessi alle persone attraverso le punture delle zanzare infette Anopheles. Nel 2015, 91 paesi e aree hanno continuato a registrare la trasmissione di malaria. La malaria è prevenibile e curabile e gli sforzi aumentati riducono drasticamente l'onere della malaria in molti luoghi. Tra il 2010 e il 2015, l'incidenza della malaria tra le popolazioni a rischio (tasso di nuovi casi) è diminuita del 21% a livello mondiale. Nello stesso periodo, i tassi di mortalità della malaria tra le popolazioni a rischio sono diminuite del 29% a livello mondiale tra tutte le fasce d'età e del 35% tra i bambini al di sotto dei 5 anni.
La regione africana dell'Oms ha una quota sproporzionatamente elevata dell'onere globale della malaria. Nel 2015, la regione ospitava il 90% dei casi di malaria e il 92% delle morti della malaria.





"Applaudo l'impegno di questi paesi e dei loro governanti", ha detto Nedret Emiroglu, Direttore della Divisione di emergenze e malattie trasmissibili dell’Oms/Europa. "Proteggere i cittadini europei dal ritorno della malaria richiede un forte sostegno politico da parte dei governi, investimenti finanziari sostanziali e una volontà collettiva di lavorare insieme in partenariato".

Questo risultato è stato reso possibile grazie a una combinazione di impegno politico, rilevazione e sorveglianza dei casi di malaria, strategie integrate per il controllo della zanzara con coinvolgimento della comunità, collaborazione transfrontaliera e comunicazione efficace alle persone a rischio.

Basandosi su questa pietra miliare, i 10 paesi dell'Asia centrale e del Caucaso, ultima fortezza della malaria nella regione - Armenia, Azerbaigian, Georgia, Kazakistan, Kirghizistan, Federazione russa, Tagikistan, Turchia, Turkmenistan e Uzbekistan - hanno confermato il loro impegno impedendo la reintroduzione della malaria firmando la dichiarazione di Ashgabat.

La dichiarazione integra e si spinge oltre quella di Tashkent del 2005 firmata dallo stesso gruppo di paesi.

La dichiarazione di Tashkent rappresenta un punto di svolta negli sforzi per raggiungere un'Europa libera dalla malaria, in quanto ha aperto la strada alla strategia regionale: dal controllo della malaria all'eliminazione nella regione europea dell'Oms per il periodo 2006-2015, fornendo le linee guida che hanno aiutato i paesi europei interessati a ridurre il numero di casi di malaria indigena da 90.712 casi nel 1995 a zero nel 2015.

La dichiarazione di Ashgabat descrive l'impegno a controllare l'importazione di malaria, impedire il ripristino della trasmissione locale e contenere rapidamente qualsiasi rinascita della malattia. Fintanto che la malaria continua a circolare globalmente, le persone che viaggiano da e verso paesi endemici della malaria possono importare la malattia in Europa.

Il quadro regionale per la prevenzione della reintroduzione della malaria e la certificazione di eliminazione della malaria dal 2014-2020 fornisce orientamenti per sostenere i paesi europei che lavorano per mantenere lo status di malaria-free nella regione. Descrive come evitare una ripresa della malaria, impedire la sua reintroduzione e aderire al processo di certificazione senza malaria.

I rappresentanti dei 10 paesi riuniti a Mosca il 4-5 settembre 2017 hanno illustrato un percorso su come lavorare insieme per mantenere la regione priva di malaria. "È significativo che questo incontro si svolga nella Federazione Russa, un paese che ha svolto un ruolo importante nel sostenere la lotta contro la malaria sia in Europa che a livello mondiale", ha dichiarato Melita Vujnovic, rappresentante dell'Oms nella Federazione Russa.
Eliminando la malaria, la Regione ha contribuito notevolmente a promuovere la visione delineata dalla Strategia Tecnica Globale per la Malaria 2016-2030 - ovvero un mondo libero da malaria. "La Federazione Russa è stata un partner importante per l'Oms nel proseguire questa visione", ha dichiarato Pedro Alonso, direttore del programma globale malaria di Oms. "Ha fornito la sua competenza tecnica, la sua leadership e il suo sostegno finanziario per rafforzare le competenze di coloro che combattono la malaria nei paesi endemici dell'Asia centrale e dell'Africa".
A seguito dei contributi tecnici e finanziari della Federazione Russa, quasi 800 dirigenti nazionali per il controllo della malaria e senior health professionals provenienti da 79 paesi sono stati addestrati nel controllo e nell'eliminazione della malattia.

La dichiarazione di Ashgabat si impegna a:
1.  riconoscere la necessità di sostenere l'impegno politico, un adeguato livello di finanziamento e di investimenti nei sistemi sanitari rafforzando il mantenimento dello status di malaria da parte dei paesi della regione;
2. impegnarsi nello sviluppo e nell'attuazione di strategie nazionali tecnicamente valide per la prevenzione del ritorno della trasmissione della malaria, anche attraverso un elevato grado di vigilanza e di potenziamento delle capacità;
3. riaffermare di voler continuare a fornire all'Organizzazione una informazione completa su base annuale che conferma lo status di malaria da parte dei paesi della regione;
4. sottolinea la necessità di rafforzare ulteriormente la collaborazione transfrontaliera tra i paesi sulla prevenzione della riorganizzazione della malaria che chiedono all'Ufficio Regionale dell'Oms per l'Europa di continuare a facilitare il coordinamento intercontrollato e interregionale su questo aspetto;
5. incoraggiare tutti gli Stati membri nella regione europea dell'Oms a certificare l'eliminazione della malaria, riconoscendo che rimane la prerogativa dei governi nazionali decidere se richiedere tale certificazione;
6. invita l'Ufficio regionale dell'Oms per l'Europa a continuare ad assistere i paesi della regione nel rafforzare gli sforzi nazionali e nel sostenere un'Europa senza malaria;
7. chiede che l'Ufficio regionale dell'Oms per l'Europa coordini il sostegno dei partner agli sforzi del singolo paese per impedire il ripristino della trasmissione di malaria;
8. i paesi accettano il principio di essenzialità della trasmissione e applicazione delle strategie apprese nel percorso verso un'Europa libera dalla malaria per affrontare la re-emergenza di altre malattie trasmesse dalle zanzare.

La strategia tecnica globale dell'Oms per la malaria 2016-2030 è stata adottata dall'Assemblea mondiale della sanità nel maggio 2015 con la Risoluzione WHA68.2: Strategia tecnica globale e obiettivi per la malaria 2016-2030.

Il documento è stato sviluppato attraverso un processo inclusivo sotto la guida di un comitato direttivo composto da esperti tecnici di malaria, scienziati e rappresentanti del paese. Il comitato consultivo per la malaria ha fornito il controllo.
Durante il processo di sviluppo della strategia, l'Oms ha consultato tutti i paesi interessati attraverso una serie di 7 consultazioni regionali. Nel luglio-agosto 2014, l'Oms ha tenuto una consultazione pubblica sul web, durante la quale i membri della comunità globale di salute, tra cui le organizzazioni non governative nelle relazioni ufficiali con l'Oms, hanno avuto l'opportunità di commentare il progetto.

Il  quadro regionale per la prevenzione della reintroduzione della malaria e la certificazione dell'eliminazione della malaria 2014-2020 mette in evidenza i modi fondamentali per evitare la ripresa della malaria nei paesi in cui è stata eliminata, gli obiettivi e i programmi per eliminare la malaria e prevenire la sua reintroduzione, e gli aspetti scientifici, operativi, organizzativi e metodologici del processo di certificazione dei paesi liberi dalla malaria. È destinato a guidare i responsabili politici della salute, i responsabili dei programmi nazionali di controllo della malaria in Asia centrale, Caucaso meridionale, Turchia e alcuni altri paesi europei in cui la malaria è o potrebbe essere una minaccia.

05 settembre 2017
© Riproduzione riservata


Altri articoli in Scienza e Farmaci

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
iPiùLetti [7 giorni] [30 giorni]
1  
2  
3  
4  
5  
6  
7  
8  
9  
10  
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Via Boncompagni, 16
00187 - Roma

Via Vittore Carpaccio, 18
00147 Roma (RM)


Direttore responsabile
Cesare Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Direttore generale
Ernesto Rodriquez

Redazione
Tel (+39) 06.59.44.62.23
Tel (+39) 06.59.44.62.26
Fax (+39) 06.59.44.62.28
redazione@qsedizioni.it

Pubblicità
Tel. (+39) 06.89.27.28.41
commerciale@qsedizioni.it

Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy