Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Mercoledì 23 SETTEMBRE 2020
Scienza e Farmaci
segui quotidianosanita.it

Epatite C. Iss: “In Italia ancora 250/300mila infezioni sommerse. Per stanarle, screening nelle fasce a rischio e per i nati tra il ’48 e l’87” 


Brusaferro: “Ad oggi l’Italia può essere orgogliosa dei risultati raggiunti nella lotta contro l’HCV avendo trattato oltre 200mila persone, ma per eliminare la malattia dobbiamo agire attraverso lo screening sulle key population e su altri gruppi di popolazione generale dove l’Epatite C ha una prevalenza superiore”.

21 MAG - “Lo screening dell'epatite C mirato a quei gruppi di popolazione, dove, conoscendo la storia naturale della malattia, si presume ci sia la maggior parte delle infezioni non diagnosticate, si rivela, sulla base di modelli matematici, la strategia migliore per l'Italia sotto il profilo costo-efficacia. Testare cioè in modo sistematico, le key population (tossicodipendenti, carcerati, migranti provenienti da Paesi a rischio, omosessuali, sex workers etc) e, con una strategia graduata, indipendentemente dai fattori di rischio, le coorti di nascita nella popolazione generale comprese tra gli anni 1948-1987, dove si colloca la maggior parte degli individui con infezione non nota, porterà a far emergere il “sommerso”, avviarlo alle cure e raggiungere gli obiettivi dell'OMS per l'eliminazione dell’HCV entro il 2030, con un beneficio a lungo termine sia di salute che economico per il nostro SSN”.
 
A questa conclusione sono giunti i ricercatori dell'ISS, in uno studio condotto in collaborazione con la Facoltà di Economia dell’Università di Roma Tor Vergata e con esperti internazionali di stime globali dell'infezione HCV del Polaris Observatory USA, e pubblicato sulla rivista Liver International, che mirava a valutare il rapporto costo-efficacia di cinque potenziali strategie di screening dell'HCV nel nostro Paese.

 
“Ad oggi l’Italia può essere orgogliosa dei risultati raggiunti nella lotta contro l’HCV avendo trattato oltre 200mila persone, ma per eliminare la malattia dobbiamo agire attraverso lo screening sulle key population e su altri gruppi di popolazione generale dove l’Epatite C ha una prevalenza superiore - dichiara Silvio Brusaferro, presidente dell'ISS - La strategia mirata di screening, delineata dal nostro studio, va in questa direzione. Auspichiamo che, così facendo, i target dell’OMS per l’eliminazione dell’infezione da virus dell’epatite C possano essere realizzabili in Italia portando a una netta riduzione dei portatori di epatite C, con un impatto importantissimo sulla morbilità e mortalità per malattie del fegato, sulla salute in generale, sulla spesa sanitaria e sulla richiesta di trapianto di fegato. Investire in prevenzione è una delle principali sfide del nostro Paese”.
 
“La strategia basata sullo screening graduato, che identifica prima le popolazioni giovani (coorti di nascita 1968-1987) a rischio di trasmissione dell’HCV, per poi espandersi a quelle più anziane (coorti di nascita 1948-1967) prima che la malattia progredisca, ha prodotto il profilo di costo-efficacia più favorevole per l'Italia - spiega Loreta Kondili, ricercatrice del Centro Nazionale per la Salute Globale dell'ISS, responsabile scientifico dello studio - ed è risultata dai modelli matematici la più efficace e sostenibile al fine di aumentare le diagnosi ad un costo nettamente inferiore rispetto allo screening universale. E proprio grazie a questo studio, oltre che al lavoro di società scientifiche e associazioni di pazienti e all’impegno della politica, è stato approvato nel decreto Milleproroghe un emendamento che stanzia 71,5 milioni di euro per lo screening gratuito di particolari gruppi di popolazione in Italia per il biennio 2020-2021”.
 
Nell'ambito delle coorti suddette, un discorso a parte va fatto per le “key population”.“In questi casi, deve essere applicata la strategia “testare e trattare” piuttosto che quella del testare per coorti di nascita – va avanti l'esperta – Infatti, senza includere questi gruppi in primis in specifiche politiche di screening, ci si aspetta che il carico di infezione e di malattia continui ad aumentare. Si calcola che vi siano circa 150.000 infezioni tra i tossicodipendenti e circa 80.000 tra chi ha fatto trattamenti estetici prima del 2000, per un totale di circa 250-300.000 infezioni 'sommerse' includendo anche chi ha contratto l'infezione dal dentista o da interventi chirurgici senza, tuttora, saperlo”.
 
L'HCV nel mondo e in Italia
Il virus dell'epatite C è una delle principali cause di morbilità e mortalità epatica, causando circa 71 milioni di infezioni a livello globale e circa 400 mila morti l'anno. Nel 2016, l'Assemblea Mondiale della Sanità ha approvato una risoluzione per eliminare l'infezione da epatite entro il 2030 e l'OMS ha introdotto obiettivi globali per la cura e la gestione dell'infezione da HCV, noti come obiettivi della Strategia globale del settore sanitario (GHSS) per l'epatite. La mancanza di pazienti da trattare, perché non coperti da screening e quindi senza diagnosi, è il principale ostacolo per diversi paesi ai fini dell'eliminazione dell'HCV.
 
Nel nostro Paese il numero esatto di infezioni non è noto, perché molte non sono diagnosticate. Tuttavia, l'Italia è il Paese europeo con il più alto tasso di mortalità per epatite C (nel 2016 l’Eurostat ha calcolato 38 decessi per milione di abitanti contro i 13 della media UE) e con uno dei maggiori oneri (con oltre 200 mila pazienti trattati dal 2015 ad oggi).
 
La prevalenza dell'HCV nel nostro Paese è di circa l'1%, anche se studi precedenti hanno stimato tassi fino al 7% nei nati tra il 1935 e il 1944, mentre quelli di 30 anni e più giovani sono meno a rischio di contrarre l'HCV, con differenze geografiche nella distribuzione della prevalenza e con tassi più elevati nel Sud Italia. Un gran numero di infezioni, infine, si è verificato tra gli anni '50 e gli anni '60 a causa dell'uso di materiali non sterilizzati e tra gli anni '80 e '90 causa dello scambi di siringhe tra i tossicodipendenti. Dopo gli anni '90 i trattamenti estetici in condizioni igieniche non adeguate e le infezioni ospedaliere, soprattutto in seguito ad interventi chirurgici, hanno avuto un importante ruolo nella trasmissione dell’infezione secondo i dati del Sistema Epidemiologico Integrato dell’epatite virale acuta (SEIEVA) .

21 maggio 2020
© Riproduzione riservata


Altri articoli in Scienza e Farmaci

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Via Boncompagni, 16
00187 - Roma

Via Vittore Carpaccio, 18
00147 Roma (RM)


Direttore responsabile
Cesare Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Presidente e AD
Vincenzo Coluccia

Direttore generale
Ernesto Rodriquez

Redazione
Tel (+39) 06.59.44.62.23
Tel (+39) 06.59.44.62.26
Fax (+39) 06.59.44.62.28
redazione@qsedizioni.it

Pubblicità
Tel. (+39) 06.89.27.28.41
commerciale@qsedizioni.it

Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy