Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Martedì 16 OTTOBRE 2018
Studi e Analisi
segui quotidianosanita.it

Un confronto tra un esitante e un ricercatore. Ecco il saggio Dialogo sui Vaccini

11 OTT - Tutte le ricerche fatte sulle persone che rifiutano le vaccinazioni o ne contestano l’obbligo dimostrano che quelli che lo fanno irremovibilmente, i cosiddetti no-vax tout court, sono una esigua minoranza, meno dell’1% della popolazione e non incidono quindi sull’ampia copertura vaccinale richiesta per assicurare la protezione della comunità.
 
C’è però un’altra, ed assai più numerosa percentuale di soggetti, (fra il 20 ed il 40% nei diversi Paesi), che pur magari abituati in passato a vaccinare se stessi ed i propri figli, lo fa ora con difficoltà, tra dubbi, insicurezza e perplessità di vario genere, influenzati dalle fake news che leggono sui social media ma anche da parenti ed amici, circa i possibili danni da vaccinazione.
 
Tentennano, e ritardano i previsti richiami vaccinali e quando vengono offerti nuovi vaccini per i loro figli adolescenti, li evitano. Si tratta dei cosiddetti “vaccine hesitants” che chiamerò semplicemente gli esitanti. ‘E questa esitanza che abbassa la copertura vaccinale e costringe le autorità sanitarie ad introdurre nuovi obblighi vaccinali, in particolare in presenza di epidemie di gravi malattie, come il morbillo, totalmente prevenibili con la vaccinazione.

 
Maurizio è il personaggio principale di Dialogo sui vaccini, un saggio scritto da Antonio Cassone, già Direttore del Dipartimento di Malattie Infettive dell’ISS e professore Straordinario di Microbiologia presso la Facoltà di Medicina dell’Università di Perugia, che lo ha firmato con lo pseudonimo di Giovanni Libero.
 
Maurizio è tipicamente un esitante, divenuto nel tempo assai critico sulla sicurezza di alcuni vaccini. Pensa che i danni delle vaccinazioni siano assai più numerosi e gravi di quanto dicano le autorità sanitarie, che essi siano nascosti dalle multinazionali del farmaco, che sottoporre bambini a tante vaccinazioni nei primi due anni di vita ne possa alterare il sistema immunitario, che l’autismo e le allergie siano causati dai vaccini. ‘E’ particolarmente contrario all’ obbligo vaccinale, vuole essere libero di scegliere. Tuttavia, come tantissimi esitanti, non è un rude oppositore alla discussione ed al dialogo, anzi è pronto a valutare criticamente risposte basate su ragionamento e prove scientifiche.
 
Giovanni è un noto ricercatore, attivo nel campo dei vaccini ed amico di lunga data di Maurizio. Crede sia possibile convincerlo che i suoi timori sui danni causati dalle vaccinazioni sono largamente infondati e che ci sono tutte le ragioni per accettare liberamente la pratica vaccinale con i suoi enormi benefici. Non pretende di impone la verità dello scienziato sulla vera o presunta ignoranza dell’interlocutore. Parla di come son fatti i vaccini e di come proteggono la comunità direttamente ed attraverso l’immunità di gregge. Pungolato insistentemente da Maurizio, affronta di petto il tema della sicurezza dei vaccini, come viene studiata e garantita al meglio delle attuali conoscenze scientifiche, senza nascondere, tuttavia, quali siano gli effetti, talvolta anche gravi, sia pur molto rari, e neppure i limiti di efficacia, di alcuni di essi,
 
Fra le tante cose  discusse, Maurizio viene così a sapere che malattie che lui credeva scomparse come la difterite e la poliomielite non lo sono affatto; che di morbillo ci si può ammalare gravemente (encefalite, 1 su 100) e morire (1 su 1000-1550; che queste percentuali si alzano inesorabilmente se il virus colpisce un bambino affetto da malattie o trattamenti immunodepressivi e che può fare  affidamento solo sulle vaccinazioni degli altri; che il rischio di un evento grave dopo vaccinazione contro morbillo e varicella è enormemente più basso (da 100 a 1000 volte)  che dopo l’assunzione di alcune dosi di farmaci come gli antipiretici e gli antidolorifici che milioni di persone prendono tranquillamente ogni giorno. 
 
Che una persona non vaccinata ed infetta  dal batterio della pertosse può infettare fino a venti persone che gli stanno attorno e se uno di questi è un neonato può morirne soffocato; che il sistema immune di un bambino ogni santo giorno risponde efficacemente a  stimoli microbici assai più numerosi dei vaccini; che l’autismo è un ventaglio di patologie neuro-psichiatriche, probabilmente con tante cause diverse ma i vaccini non c’entrano nulla;  che le tanto bistrattate industrie che producono vaccini non fanno soldi con questi ma con altri farmaci.
 
Che per i vaccini che prevengono nel mondo duecento decessi ogni ora il nostro Servizio Sanitario spende  qualche centinaio di milioni  contro una spesa sanitaria che supera i 100 miliardi  di euro annui;  ed, infine, che il punto nodale per convincere gli esitanti non siano i documenti dei siti istituzionali o le sparate televisive o giornalistiche di veri o presunti esperti ma l’informazione ampia, corretta ed empatica fornita all’esitante dai pediatri, dai medici di famiglia e dal personale esperto dei servizi sanitari , da chi questo personale guida e forma e da chi sui vaccini ci lavora e ne studia pregi e limiti: che l’aggiornamento e la formazione continua sui vaccini e le politiche vaccinali di questi professionisti siano quindi lo strumento indispensabile per l’accettazione libera e convinta delle vaccinazioni.
 
Giovanni Libero
Dialogo sui Vaccini
Edizioni Altravista

(Giovanni Libero è lo pseudonimo di Antonio Cassone, già Direttore del Dipartimento di Malattie Infettive dell’ISS e professore Straordinario di Microbiologia presso la Facoltà di Medicina dell’Università di Perugia).
 

11 ottobre 2018
© Riproduzione riservata

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Via Boncompagni, 16
00187 - Roma

Via Vittore Carpaccio, 18
00147 Roma (RM)


Direttore responsabile
Cesare Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Direttore generale
Ernesto Rodriquez

Redazione
Tel (+39) 06.59.44.62.23
Tel (+39) 06.59.44.62.26
Fax (+39) 06.59.44.62.28
redazione@qsedizioni.it

Pubblicità
Tel. (+39) 06.89.27.28.41
commerciale@qsedizioni.it

Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy