Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Venerdì 26 AGOSTO 2016
Studi e Analisi
segui quotidianosanita.it

Professioni sanitarie. Perdono appeal tra i giovani: -11,5% le domande all’Università. Il Rapporto

Resta però stabile il numero dei posti a bando e il rapporto tra domande e posti a disposizione scende da 4,4 a 3,9. Ma cresce la disoccupazione e il fabbisogno va rivisto. Il Rapporto di Angelo Mastrillo, segretario della Conferenza Nazionale Corsi di Laurea delle Professioni Sanitarie.

16 DIC - Prosegue il trend negativo delle professioni sanitarie. Rispetto allo scorso anno (-3,1%) calano ancora (-11,5%) le domande di ammissione ai corsi di Lauree dei 22 profili sanitari. In numeri, il passaggio è stato da 119.654 domande per l’anno accademico 2012-2013 a 105.901 per il 2013-2014, con uno scarto di 13.753 domande. Tuttavia resta quasi stabile a 27.338 il numero dei posti a bando, il che si traduce in maggiori chance di frequentare il corso. Il rapporto domande su posto (D/P) è infatti sceso da 4,4 a 3,9.

E’ quanto emerge dai dati rilevati dalla Conferenza nazionale dei Corsi di Laurea delle Professioni sanitarie, grazie alla collaborazione delle segreterie delle Università sedi di Facoltà/Scuole di Medicina e Chirurgia, e riassunti nel rapporto che Angelo Mastrillo, segretario della Conferenza Nazionale Corsi di Laurea delle Professioni Sanitarie e Coordinatore Tecnico del Corso di Laurea in Tecniche di Neurofisiopatologia, Università di Bologna, ha presentato l’11 dicembre scorso all’ Osservatorio Professioni Sanitarie del Ministero dell’Università.

La riduzione più consistente si è registrata tra gli ortottisti (-30,5% di domande), seguiti agli assistenti sanitari (-27,1%) e dai tecnici di riabilitazione pediatrica (-21,9%). Ma perde appeal anche la professione di infermiere (-16,4%) e quella di infermiere pediatrico (-15,5%). Ma c’è anche un professione che vede crescere il suo appeal. Si tratta del terapista neuropsicomotorio in età evolutiva, le cui domande nell’ultimo anno sono cresciute del 2,8%.


Meno richieste, più chance per i candidati
Come accennato, si è ridotto il rapporto Domande su Posti per tutte le 22 professioni, seppure con valori diversi. A un’estremità della “classifica” troviamo il Fisioterapista con un rapporto D/P che passa da 14,9 a 13,8; al secondo il Logopedista da 12,7 a 11,1; seguito dal Dietista da 8,7 a 7,1. Per l’Infermiere il rapporto è passato da 2,7 a 2,2. All’altro lato della “classifica” il Terapista Occupazionale, che va da 1,2 a 1,1, e l’Assistente Sanitario che scende da 1,3 dello scorso anno a 0,9, unica professione dove il rapporto Domande/Posti a disposizione è sotto la soglia di 1.

Le domande Regione per Regione
La diminuzione delle domande del -11,5% riguarda in misura simile quasi tutte le Regioni, con i seguenti valori: Piemonte -18,2%, Lombardia -10,5%, Liguria -11%, Friuli -12,1%, Veneto -8,1%, Emilia R.-15,8%, Toscana -12,9%, Marche -17,5%, Umbria -16,7%, Lazio -12,9%, Abruzzo e Molise -10,8%, Campania -15,2%, Puglia -11,2 e Sicilia -8,3%.
Al contrario, aumenta solo per Calabria +2% e Sardegna +0,8%. “Questo – spiega Mastrillo - dipende dal fatto che Cagliari ha riattivato il corso per Fisioterapista con 679 nuove domande e con un aumento totale da 2.933 a 3.195. Mentre per la Calabria dipende dall’incremento dei Corsi di Laurea a Catanzaro, da 6 dello scorso anno a 17, e dei posti da 700 a 825”.
Per quanto riguarda le singole Università la differenza va dal -28% di Messina e Milano S. Raffaele, al -25% di Salerno, -23% di Siena, -19% di Roma Cattolica e Brescia, -17% di Torino, Bologna, Ferrara, Ancona, Perugia e Chieti, per citarne alcune. Solo 5 le Università in cui si è registrato un aumento di domande: Catania +13%, Cagliari con il +9%, Pavia +6% e Catanzaro con +2% e il Campus di Roma con il +3,8%..

Programmazione regionale dei posti
Se la Regione Sicilia ha ridotto il fabbisogno del –63%, da 5.470 a 2.000, al contrario il Lazio l’ha aumentato del 26%, dai 4.165 a 5.244, con ben 1.079 in più, in particolare riferito al profilo del Tecnico di Radiologia (da 120 a 210, cioè +75%), del Tecnico di Laboratorio (da 120 a 210, cioè +83%) e del Tecnico di Prevenzione (da 120 a 180, cioè +50%). Con percentuale simile (28%), ma con valori inferiori (da 383 a 492), l’aumento riguarda anche la Basilicata.

"Crisi occupazionale" anche per le professioni sanitarie
Anche se l’area sanitaria si conferma tra le migliori per accesso al lavoro, la percentuale di occupati è scesa di 17 punti dal 2007 al 2011, passando dall’84,4% al 67,8%, con una riduzione particolarmente accentuata negli ultimi 2 anni. Insomma, ora la disoccupazione tocca anche le professioni sanitarie e anche gli infermieri, “profilo rispetto a cui fino a 3 anni fa si lamentava la carenza”, osserva Mastrillo. Per gli infermieri l’occupazione è scesa dal 94% del 2007 a 74% del 2011, mentre era 83% nel 2010, quindi ben 9 punti in meno in un solo anno.
La perdita di “occupazionalità” è maggiore per l’Infermiere Pediatrico, che in punti percentuali passa dal 92% del 2007 al 55% del 2011. Ma ancora più alto è il calo per il Tecnico di Radiologia che scende dal 93% del 2007 al 48% del 2011, con differenza di ben 45 punti percentuali, di cui 9 sull’anno 2010, e che resta la riduzione maggiore in assoluto fra i 22 profili.
 
Calcolo del fabbisogno. Tutto da rivedere
“Ad oggi ci sono numerosi disoccupati a 3 anni di laurea e come immediata conseguenza si rileva un calo totale di circa 12 mila domande di ammissione ai 22 corsi”, commenta Mastrillo. Tutto questo, secondo Mastrillo, “porta a dover riflettere sulla opportunità che già dal prossimo AA 2014-15 si valutino con attenzione i criteri finora considerati per il fabbisogno formativo. Fra questi il tasso di turnover, che da oltre 15 anni viene stimato al 5-6%, perché legato alla compensazione dell’alta mortalità scolastica che in alcuni casi arrivava al 40% a causa della mancata selezione in alcuni Corsi, specie per Infermieristica al Nord dove il numero delle domande presentate era addirittura inferiore rispetto ai posti a bando. Ma negli ultimi 6 anni – evidenzia Mastrillo - l’aumento progressivo delle domande ha permesso una maggiore selezione, che da 3 anni è favorita anche dalla introduzione di graduatorie generali di merito; questo porta a ipotizzare un maggiore rendimento degli studenti iscritti e relativo aumento dei laureati. Di conseguenza, a parte alcune eccezioni come ad es. Audioprotesista, Igienista Dentale e Podologo, per i quali occorre un turnover di almeno il 10%, in tutti gli altri casi si rileva un fabbisogno formativo sul turnover al 5% con tendenza verso il 4% e con ipotesi di riduzione al 3% per il 2014-15”, conclude Mastrillo, evidenziando che “per le altre professioni di area sanitaria i valori di turnover per l’offerta formativa risultano da anni più bassi e al di sotto del 3%, ovvero Medicina al 2,7%, Odontoiatria all’ 1,7% e Veterinaria al 2,9%”.

16 dicembre 2013
© Riproduzione riservata


Altri articoli in Studi e Analisi

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Via Boncompagni, 16
00187 - Roma

Via Vittore Carpaccio, 18
00147 Roma (RM)


Direttore responsabile
Cesare Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Direttore generale
Ernesto Rodriquez

In redazione
Lucia Conti
Luciano Fassari
Ester Maragò
Giovanni Rodriquez

Collaboratori
Eva Antoniotti (Ordini e professioni)
Gennaro Barbieri (Regioni)
Ivan Cavicchi (Editorialista)
Fabrizio Gianfrate (Editorialista)
Ettore Mautone (Campania)
Maria Rita Montebelli (Scienza)
Claudio Risso (Piemonte)
Edoardo Stucchi (Lombardia)
Vincino (Vignette)

Contatti
info@qsedizioni.it


Pubblicità
Tel. (+39) 02.28.17.26.15
(numero unico nazionale)
commerciale@qsedizioni.it

Redazione
Tel (+39) 06.59.44.62.23
Tel (+39) 06.59.44.62.26
Fax (+39) 06.59.44.62.28
redazione@qsedizioni.it

Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy