Quotidiano on line
di informazione sanitaria
26 GIUGNO 2016
Studi e Analisi
segui quotidianosanita.it

Il Ssn ormai pronto al necrologio?

Serve una risposta decisa da parte di tutte le forze che credono ancora nei sistemi di protezione pubblici e non si riconoscono in un modello mercantista di sanità. Ma la partita non è persa e può ancora essere giocata e la condizione preliminare è la  piena consapevolezza  della gravità della situazione attuale

11 GEN - Per certificare lo stato di morte imminente del Ssn a poco serve il referto necroscopico redatto dalle regioni per protesta contro la legge di stabilità.
Dello stato di sofferenza estrema del nostro principale sistema di welfare sono in somma parte responsabili le regioni medesime, che ora, con lacrime di coccodrillo, si scagliano contro il governo. La loro protesta, simbolica perché priva di qualsiasi effetto, non aggiunge nulla, anzi suscita il fastidio che si avverte quando una posizione giusta viene sostenuta da chi  è manifestamente corresponsabile  della  colpa che, con mal celata astuzia,  cerca  di scaricare sull’altro.
 
Molto più utile riflettere sulle due lettere inviate al Direttore e firmate da Luca Sinibaldi (infermiere di medicina generale di Pisa) e da Elisa Buffone (Direttore della UOC di neonatologia del San Camillo di Roma)

Le due testimonianze provengono da due mondi diversi;  da una regione come la Toscana costantemente in equilibrio finanziario e con ottime performances in termini di risultati di salute e da un'altra, il Lazio, costantemente in affanno su entrambi i fronti  nonostante le rassicurazioni del presidente Zingaretti
 
Eppure in entrambe le lettere, seppure diverse per stile e contenuti,  emerge un sentimento comune; un misto di rabbia e sofferenza  da parte  di operatori che, pur rivestendo ruoli diversi,  non accettano di restare muti davanti al drammatico peggioramento delle condizioni di lavoro e alla spaventosa  compressione  della qualità del servizio che accomuna regioni virtuose e regioni commissariate e sotto piano di rientro. 
 
E del resto il peggioramento della qualità del nostro SSN  e della condizioni generali di salute della popolazionesono talmente evidenti che ci si domanda come possano fare il Ministro Lorenzin e il Presidente del Consiglio a non mostrare la ben  che minima preoccupazione al riguardo
 
Il nostro SSN è al 21° posto nella classifica  dell’indice europeo health consumer (EHCI) sulla performances dei sistemi sanitari  di 37 paesi sottoposti a monitoraggio, mentre la  spesa sanitaria tocca un nuovo record negativo essendo pari al 6,6% del PIL (il livello più basso del decennio) mentre  per il 2017 le regioni, invece di ridurre gli sprechi a partire dalla soppressione  delle  8.000 partecipate ancora in vita,  hanno già preannunciato tagli ulteriori dei servizi.
 
Preoccupano certamente poi, anche se ancora non definitivi, i dati sull’andamento della mortalità dei primi 8 mesi del 2015. Se fosse confermato l’incremento è chiaro che ci troveremmo dinanzi a un trend che alcuni già hanno paragonato a quello straordinario verificatosi in coincidenza con le ultime due guerre mondiali.
 
Ugualmente non ci può tranquillizzare il dato sull’aspettativa di vita in buona salute a 65 anni che vede l’Italia (che resta in ogni caso tra i paesi più longevi del mondo) collocata al 19° posto nella classifica Ocse.
 
Tralascio poi di ricordare la percentuale di persone provenienti da famiglie a basso reddito che hanno rinunciato a curarsi per motivi economici (il 67% ne ha avuto almeno un membro) e il peso della corruzione su cui si è scagliato anche il Presidente Mattarella nel suo primo discorso alla nazione.
 
Assistiamo al fallimento di un progetto che era iniziato con la grande riforma del 1978e che il cinismo  della politica sta portando   al macero per spianare la strada  alle grandi corporates del complesso sanitario privato,  portando finalmente a  rendimento stabile gli oltre 30 miliardi che già i cittadini pagano di tasca loro per la sanità provata.
 
Per quanto riguarda le condizioni di lavoro degli operatori  non aggiungo altro a quanto illustrato nelle due lettere e nelle altri numerosi interventi  che quasi ogni giorno denunciano lo stato di grave disagio di quanti operano negli ospedali e nelle altre strutture sanitarie del nostro paese.  
 
Sbaglia chi crede che quanto sta avvenendo  sia frutto della insipienza; esso è al contrario un atto di strategia politica; di una politica che non crede più alla centralità dello stato e che punta a introdurre quella sussidiarietà che è stato il cavallo di battaglia delle grandi lobbies  private e confessionali.
 
In tale visione non c’è dunque più cittadinanza per una politica sanitaria che metta al primo posto la lotta ai veri fattori di nocivitàda cui dipende in maniera preponderante il livello di salute dei singoli e della popolazione. I pochi soldi spesi vengono impiegati solo ed esclusivamente per la cura ex post dei danni prodotti da un ambiente di vita e di lavoro malsano e da abitudini di vita sbagliate che non vengono  adeguatamente scoraggiate o contrastate. Ed infatti  è solo ed esclusivamente nel momento della cura che è possibile ridistribuire  le risorse impiegate e remunerare così  il rischio d’impresa e il plusvalore del complesso  sanitario e farmaceutico privato
 
Non si spende nulla per la prevenzione primariae ancora meno per l’istruzione che sappiamo rappresentare uno dei  principali fattori protettivi vero la premorienza e la disabilità. Di questo si dovrebbe occupare il governo e il Ministro della salutematali temi sono totalmente assenti nell’agenda del governo e, quel che è triste, anche in quella dei partiti di opposizione.
 
Qual è dunque la situazione dei diversi attori istituzionali e quali sono le effettive possibilità di rilanciare una politica che consideri prioritaria la salute dei cittadini? Dei partiti abbiamo già detto; sempre di più con la fine delle ideologie queste organizzazioni si sono trasformate  in lobby in cui le diverse correnti si contendono la premiership senza riguardo alcuno per i propri iscritti. Siamo infatti passati dalla fase della video-crazia in cui era nel talk show che si discuteva al linea del partito a  quella della iphone-crazia in cui la discussione viene considerata una perdita di tempo e viene egregiamente sostituita dai tweet, meglio se correlati con selfie del premier o del presidente di turno.
 
I sindacati non godono di migliore fortuna; a partire dalle difficoltà generate dal brunettismo cuii successivi ministri della PA hanno aggiunto del loro: la lontananza dalla base, la mancanza di un valido progetto professionale che coniughi difesa del Ssn e crescita professionale  ed infine  la creazione di oligarchie che da 30 anni gestiscono con ostinazione il potere residuo senza consentire e favorire il necessario ricambio generazionale.
 
Non diversa la condizione degli ordini professionali o dei collegi. Negli anni delle vacche grasse le migliori energie sono state spese per oliare  la politica e consentire ai loro leader di  aggiungere ai numerosi meriti conquistati sul campo anche quello di senatori della repubblica.  Una opportunità in più per le professioni si diceva; un valore aggiunto per il Ssn  veniva ripetuto come un mantra per tacitare i contrari e gli invidiosi. Le condizioni attuali del nostro sistema sanitario ci dicono invece che nulla di questo si è avverato e che la presenza di ex presidenti delle due principali organizzazioni professionali non ha impedito il naufragio del nostro welfare state.
 
Che fare dunque?I sindacati medici hanno indetto nuove giornate di sciopero. Una misura necessaria ma non sufficiente. Nelle attuali condizioni e a legislazione vigente lo sciopero, specie in sanità è un arma spuntata e soprattutto a doppio taglio per i disagi che crea nella parte più debole e sofferente della popolazione. Il “politico” ha una sua autonomia che nessun movimento, seppure di dimensioni generazionali, è riuscita a scalfire e questa dimensione non potrà essere certo violata dallo sciopero della sanità.
 
Rimane come unica  via possibile  quella di aprire una vertenza a livello nazionale in cui gli operatori  sanitari  e le loro rappresentanze facciano fronte con i cittadini, ancora totalmente privi di rappresentazione,  per denunciare a tutti gli attori istituzionali,  dal premier ai Presidenti delle regioni, al Presidente della Repubblica  i danni prodotti dalla mancanza di una politica sanitaria sulla salute dei cittadini e dell’ambiente. La Fnomceo può riscattare gli anni persi   nei salotti della politica  e farsi artefice di questo movimento di medici, operatori  sanitari e cittadini elaborando una piattaforma condivisa di pochi punti chiari e coerenti e chiedendo con ostinazione e senza arretrare alla politica e a quel che resta dei partiti risposte certe e trasparenti. E informare di questo i cittadini  perché se ne ricordino quando saranno chiamati a votare per i diversi schieramenti. 
 
Il nostro welfare state è a rischio; di questo dobbiamo essere pienamente consapevoli e il peso di tale responsabilità è anche della attuale classe politica al governo che ha preferito rinunciare a 3 miliardi di  introiti (l’Ex IMU) piuttosto che  finanziare in misura decorosa il nostro SSN. 
 
Serve dunque una risposta decisa da parte di tutte le forze che credono ancora nei sistemi di protezione pubblici e non si riconoscono in un modello mercantista di sanità. La partita non è persa e può ancora essere giocata ma la condizione preliminare è la  piena consapevolezza  della gravità della situazione attuale.
 
Roberto Polillo

11 gennaio 2016
© Riproduzione riservata


Altri articoli in Studi e Analisi

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Via Boncompagni, 16
00187 - Roma

Via Vittore Carpaccio, 18
00147 Roma (RM)


Direttore responsabile
Cesare Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Direttore generale
Ernesto Rodriquez

In redazione
Lucia Conti
Luciano Fassari
Ester Maragò
Giovanni Rodriquez

Collaboratori
Eva Antoniotti (Ordini e professioni)
Gennaro Barbieri (Regioni)
Ivan Cavicchi (Editorialista)
Fabrizio Gianfrate (Editorialista)
Ettore Mautone (Campania)
Maria Rita Montebelli (Scienza)
Claudio Risso (Piemonte)
Viola Rita (Scienza)
Edoardo Stucchi (Lombardia)
Vincino (Vignette)

Contatti
info@qsedizioni.it


Pubblicità
Tel. (+39) 02.28.17.26.15
(numero unico nazionale)
commerciale@qsedizioni.it

Redazione
Tel (+39) 06.59.44.62.23
Tel (+39) 06.59.44.62.26
Fax (+39) 06.59.44.62.28
redazione@qsedizioni.it

Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy