Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Mercoledì 24 APRILE 2019
Studi e Analisi
segui quotidianosanita.it

Malattie non trasmissibili. “Pochi progressi su riduzione fumo, alcol e inattività fisica”. Oms Europa lancia nuovo piano d'azione

Il piano delinea le azioni congiunte da mettere in campo per ridurre il carico delle malattie non trasmissibili, migliorare la qualità della vita e rendere la speranza di vita in buona salute più equa. “Continente rischia di fallire obiettivi Oms 2030. Serve maggiore contrasto a fumo, alcol e inattività fisica. Fondamentale anche la diagnosi precoce. In Europa orientale 30-40% tumori diagnosticati quando sono già diffusi”. IL PIANO D’AZIONE

06 SET - La Sezione Europea dell'OMS ha compiuto progressi in settori chiave per il controllo delle malattie non trasmissibili (NCD): il tasso di mortalità per malattie cardiovascolari (CVD) continua a diminuire, la netta tendenza negativa del fumo continua, e l'assunzione di alcol è in costante diminuzione. Tuttavia, emergono molte differenze nel quadro europeo. Ecco perché Oms Europa stima che la Regione rischia di non raggiungere gli obiettivi di riduzione del consumo di tabacco e l'inattività fisica e la diminuzione dell'obesità, a meno che  non venga data un’accelerata alle azioni di contrasto. E per questo motivo l’Oms Europa informa che lancerà un nuovo piano d'azione per le malattie non trasmissibili alla riunione del Comitato regionale a Copenaghen nel settembre 2016.
 
“Sappiamo che la gestione di malattie e condizioni non trasmissibili può sbloccare guadagni di salute inimmaginabili. Le azioni intraprese oggi da tutti i governi determineranno se i paesi riusciranno a raggiungere gli obiettivi di sviluppo sostenibile (OSS). Le persone che moriranno nella mezza età nel 2030 per cause prevenibili sono i giovani adulti di oggi. Non ci poteva essere un maggiore senso di urgenza, se vogliamo prolungare la vita” ha detto il direttore regionale per l'Europa, il dottor Zsuzsanna Jakab.


“Affrontare le malattie cardiovascolari (CVD) è un esempio della necessità di un'azione politica congiunta. Esse sono la principale causa di mortalità prematura all'interno della regione europea. La riduzione di questo carico richiede di concentrarsi sulla popolazione a livello di approcci mirati attraverso una vasta gamma di questioni: controllo del tabacco, controllo di alcol, riducendo il consumo di sale e di grassi saturi e trans, e il controllo di ipertensione", ha continuato il dottor Jakab.
 
Necessità di una maggiore attenzione alla gestione delle malattie non trasmissibili. Anche se gli interventi a livello di popolazione e  i miglioramenti nella sanità contribuiscono notevolmente al declino dei tassi di mortalità in molti paesi, per l’Oms “vi è ampio margine di miglioramento in entrambe le aree. Ad esempio, una migliore rilevazione e controllo dell’aumento della pressione sanguigna e colesterolo alto a livello di popolazione potrebbero avere effetto immediato. Inoltre, programmi di riabilitazione cardiaca aiutare nel recupero da attacchi di cuore e ictus, possono migliorare la qualità della vita e ridurre la probabilità di ulteriori malattie, la riabilitazione cardiaca e la prevenzione secondaria sono tra gli interventi più sotto-utilizzati”.

Accelerare benefici per la salute attraverso un approccio con fattori di rischio condivisi. La Regione Europea dell'OMS lancerà un nuovo piano d'azione per le malattie non trasmissibili alla riunione del Comitato regionale a Copenaghen nel settembre 2016. Il piano delinea le azioni per ridurre considerevolmente il carico delle malattie non trasmissibili, migliorare la qualità della vita e rendere la speranza di vita in buona salute più equa. “Per esempio – rileva l’Oms - , molte condizioni non vengono rilevate abbastanza presto per un trattamento efficace: 30-40% dei tumori in Europa orientale si sono già diffusi nel momento in cui vengono diagnosticati. Alcuni tipi di cancro possono essere diagnosticati presto aumentando la consapevolezza del pubblico in generale e professionisti dei primi segni e sintomi. Oltre alla diagnosi precoce delle malattie non trasmissibili, il piano d'azione sostiene l'uso di politiche fiscali e le restrizioni di commercializzazione per promuovere un'alimentazione sana, riformulando i prodotti alimentari in modo che i grassi trans vengano eliminati e i grassi saturi siano sostituiti da grassi insaturi, riducendo sale e zucchero senza aggiungere dannose alternative e aumentando l'attività fisica e riducendo il comportamento sedentario attraverso il sistema di salute e modificazioni ambientali”.

06 settembre 2016
© Riproduzione riservata


Altri articoli in Studi e Analisi

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Via Boncompagni, 16
00187 - Roma

Via Vittore Carpaccio, 18
00147 Roma (RM)


Direttore responsabile
Cesare Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Direttore generale
Ernesto Rodriquez

Redazione
Tel (+39) 06.59.44.62.23
Tel (+39) 06.59.44.62.26
Fax (+39) 06.59.44.62.28
redazione@qsedizioni.it

Pubblicità
Tel. (+39) 06.89.27.28.41
commerciale@qsedizioni.it

Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy