Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Sabato 15 AGOSTO 2020
Studi e Analisi
segui quotidianosanita.it

“Dalla danza ai musei, l’arte fa bene alla Salute”. Un Report dell’Oms prova il legame


Il rapporto esamina le attività artistiche che mirano a promuovere la salute e prevenire le malattie, nonché a gestire e curare le malattie fisiche e mentali e a supportare l'assistenza di fine vita. “Portare l'arte nella vita delle persone attraverso attività come la danza, il canto e andare a musei e concerti offre una dimensione aggiuntiva a come possiamo migliorare la salute fisica e mentale”. IL RAPPORTO

11 NOV - “Impegnarsi in attività artistiche può essere benefico sia per la salute mentale che fisica”. Questa è la conclusione cui è arrivato un nuovo rapporto dell'Ufficio Regionale OMS per l'Europa che analizza le prove su oltre 900 pubblicazioni globali - la revisione più completa delle prove su arte e salute fino ad oggi.
 
“Portare l'arte nella vita delle persone attraverso attività come la danza, il canto e andare a musei e concerti offre una dimensione aggiuntiva a come possiamo migliorare la salute fisica e mentale", afferma la dott.ssa Piroska Östlin, direttore regionale per l'Europa dell'OMS.

“Gli esempi citati in questo rivoluzionario rapporto dell'OMS mostra i modi attraverso cui le arti possono affrontare le sfide sanitarie complesse come diabete, obesità e malattie mentali. Si considerano la salute e il benessere in un più ampio contesto sociale e comunitario e si offrono soluzioni che la pratica medica comune non è stata finora in grado di affrontare efficacemente ", spiega il dott. Östlin.

 
Il rapporto esamina le attività artistiche che mirano a promuovere la salute e prevenire le malattie, nonché a gestire e curare le malattie fisiche e mentali e a supportare l'assistenza di fine vita. 
 
Arte e salute per tutta la vita
Da prima della nascita fino alla fine della vita, le arti possono influenzare positivamente la salute. Ad esempio, i bambini i cui genitori leggono prima di dormire hanno un sonno notturno più lungo e una maggiore concentrazione a scuola. Tra gli adolescenti che vivono nelle aree urbane, l'educazione tra pari basata sul dramma può supportare un processo decisionale responsabile, migliorare il benessere e ridurre l'esposizione alla violenza. Più avanti nella vita, la musica può supportare la cognizione nelle persone con demenza - il canto in particolare è stato trovato per migliorare l'attenzione, la memoria episodica e la funzione esecutiva.
 
Arte nella sanità
Nelle strutture sanitarie, le attività artistiche possono essere utilizzate per integrare o migliorare i protocolli di trattamento. Per esempio:
- è stato scoperto che ascoltare musica o fare arte riduce gli effetti collaterali del trattamento del cancro, tra cui sonnolenza, mancanza di appetito, mancanza di respiro e nausea;
- è stato scoperto che le attività artistiche in contesti di emergenza, tra cui musica, artigianato e clown, riducono l'ansia, il dolore e la pressione sanguigna, in particolare per i bambini ma anche per i loro genitori; e
- la danza è stata trovata ripetutamente per fornire miglioramenti clinicamente significativi nei punteggi motori per le persone con malattia di Parkinson.
 
Il rapporto evidenzia che alcuni interventi artistici non solo producono buoni risultati, ma possono anche essere più convenienti rispetto ai trattamenti biomedici più standard. Possono combinare contemporaneamente più fattori di promozione della salute (come l'attività fisica e il supporto della salute mentale) e hanno un basso rischio di esiti negativi. Poiché gli interventi artistici possono essere personalizzati in modo da avere rilevanza per le persone di diversa estrazione culturale, possono anche offrire un percorso per coinvolgere gruppi minoritari o difficili da raggiungere.
 
Diversi paesi stanno ora cercando schemi di prescrizione artistica e sociale, in base ai quali i medici di base possono indirizzare i loro pazienti ad attività artistiche.
 
Suggerimenti per la politica
La relazione delinea le considerazioni politiche per i responsabili delle decisioni nel settore sanitario e oltre, come:
- assicurare la disponibilità e l'accessibilità dei programmi artistici per la salute all'interno delle comunità;
- sostenere le organizzazioni artistiche e culturali nel rendere la salute e il benessere parte del loro lavoro;
- promuovere la consapevolezza pubblica dei potenziali benefici per la salute derivanti dall'impegno artistico;
- includere le arti nella formazione degli operatori sanitari;
- introdurre o rafforzare meccanismi di riferimento da strutture sanitarie o di assistenza sociale a programmi o attività artistici; e
- investire in ulteriori ricerche, in particolare nel potenziamento degli interventi nel campo delle arti e della salute e nella valutazione della loro attuazione.
 
Definizione di “arti”
Il rapporto ha esaminato i benefici per la salute (attraverso la partecipazione attiva o passiva) in cinque grandi categorie di arti: arti dello spettacolo (musica, danza, canto, teatro, cinema); arti visive (artigianato, design, pittura, fotografia); letteratura (scrittura, lettura, partecipazione a festival letterari); cultura (andare a musei, gallerie, concerti, teatro); e arti online (animazioni, arti digitali, ecc.).
 

11 novembre 2019
© Riproduzione riservata

Allegati:

spacer Il Rapporto

Altri articoli in Studi e Analisi

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Via Boncompagni, 16
00187 - Roma

Via Vittore Carpaccio, 18
00147 Roma (RM)


Direttore responsabile
Cesare Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Presidente e AD
Vincenzo Coluccia

Direttore generale
Ernesto Rodriquez

Redazione
Tel (+39) 06.59.44.62.23
Tel (+39) 06.59.44.62.26
Fax (+39) 06.59.44.62.28
redazione@qsedizioni.it

Pubblicità
Tel. (+39) 06.89.27.28.41
commerciale@qsedizioni.it

Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy