Quotidiano on line
di informazione sanitaria
17 GENNNAIO 2021
Studi e Analisi
segui quotidianosanita.it

Assunzioni, stipendi e vaccinazione Covid. Tre passaggi interconnessi

di Marcello Bozzi

Riprendendo le dichiarazione del Ministro Speranza (QS 1 gennaio), certamente va riconosciuto l’impegno per l’implementazione del Fondo Sanitario Nazionale e del fondo per l’edilizia sanitaria; di contro si evidenzia la necessità di approfondimenti riguardanti le argomentazioni “assunzioni e stipendi personale sanitario”, cui va aggiunta, collegata alla prima, la questione “vaccinazioni”
 

11 GEN - Prima di tutto va apprezzato lo sforzo del Governo per rispondere alla grave epidemia COVID-19, spesso rincorrendo le emergenze. Forse è il momento di fermarsi e riflettere sui dati e comparare gli investimenti ai risultati raggiunti (considerando “valore aggiunto” anche gli errori, al fine di evitare il ripetersi degli stessi).
 
Riprendendo le dichiarazione del Ministro Speranza (QS 1 gennaio), certamente va riconosciuto l’impegno per l’implementazione del Fondo Sanitario Nazionale e del fondo per l’edilizia sanitaria; di contro si evidenzia la necessità di approfondimenti riguardanti le argomentazioni “assunzioni e stipendi personale sanitario”, cui va aggiunta, collegata alla prima, la questione “vaccinazioni”.
 
1. Assunzioni personale sanitario:
a. potrebbe essere interessante conoscere nei dettagli i numeri relativi ai neo-assunti “veri” ed ai neo assunti “stabilizzati”. Nel secondo caso si tratta di professionisti che hanno ricoperto un posto già occupato a “tempo determinato”, pertanto non sono risorse aggiuntive);
 
b. relativamente agli infermieri, mantenendo comunque valido il punto precedente, è opportuno ricordare che per l’applicazione degli artt. 1 e 2 del DL 34/2020 (implementazione dei pl di T.I., riqualificazione dei pl di S.I. e attivazione dell’Infermiere di Comunità e Famiglia) era stata stimata una necessità di oltre 23.000 infermieri, pertanto, ipotizzando il mantenimento del trend delle uscite del 2018 (dati MEF), quantificate in circa 12.000 infermieri/anno, le risorse assunte (circa 25.000), rispetto alle nuove esigenze di funzionamento delle strutture e alla garanzia del turnover, risultano comunque carenti di circa 10.000 unità (senza contare l’inadeguatezza delle dotazioni organiche conseguenti ai tagli lineali delle recenti “spending-review”);
 
Considerazioni:
• interventi “spot” senza toccare le organizzazioni e le strutturazioni esistenti non portano ad alcun risultato;
 
• l’analisi relativa alla rigorosa applicazione del DM 70/2015 potrebbe essere un importante punto di riferimento per la riorganizzazione del sistema (comparazione tra reale e atteso) con possibili ripercussioni importanti anche per il territorio, stante le probabili eccedenze ospedaliere;
 
• è necessario rivedere le organizzazioni e gli staffing assistenziali per un reale miglioramento della qualità dell’assistenza, tenuto conto delle evoluzioni normative e formative che hanno interessato tutte le professioni sanitarie;
 
• i cambiamenti devono riguardare i modelli organizzativi ed i sistemi di cura/assistenza/riabilitazione, unitamente al ripensamento dei ruoli e delle responsabilità.
 
2. Stipendi personale sanitario:
a. 500.000.000 di aumento stabile per i medici e per la dirigenza sanitaria (+ 27% indennità di esclusività) che significa una indennità annuale lorda variabile da 2.169€ (medici con meno di 5 aa di servizio), a 7.347€ (medici da 5 a 15 aa di servizio), a 17.104€ (medici con > 15 aa di servizio).
 
b. 335.000.000 di aumento stabile per gli infermieri (ripristino di una indennità) quantificata in circa 1.200€/anno;
 
c. 100.000.000 per le altre professioni sanitarie, per gli assistenti sociali e per gli operatori socio sanitari (quantificata in meno di 1.000€/anno);
 
Considerazioni:
• Viene evidenziata una “disattenzione” relativamente all’esclusione della dirigenza delle professioni sanitarie da tale riconoscimento … e non è la prima volta ! … (unica dirigenza esclusa … che, con le 4 aree, rappresenta il 70% dei dipendenti di una azienda. Chissà se si tratta di una “disattenzione” … o di una “precisa volontà”?);
 
• viene mantenuta l’indennità di “specificità” medica quantificata in 8.477€/anno (quando è indubbio che tutte le professioni sanitarie hanno una loro “specificità” … e non si capisce perché solo una è riconosciuta!);
 
• probabilmente è il momento di superare definizioni anacronistiche e riferimenti normativi non più attuali e ridefinire (e unificare nella logica di pari diritti e pari dignità) una nuova indennità, a superamento delle precedenti, per tutta la dirigenza sanitaria, per il riconoscimento di una progettualità e di una responsabilità non comparabili con il passato;
 
• la valorizzazione delle professioni sanitarie non può essere solo “a parole” ma serve anche “equilibrare” i riconoscimenti economici, certamente nel rispetto dei ruoli e delle responsabilità individuali … ma certe “disattenzioni” e discrepanze sono sicuramente stridenti.
 
3. Aumenti personale sanitario:
a. 35.000.000 per l’indennità del personale infermieristico negli studi dei MMG/PLS – Stante il fatto della partecipazione di denaro pubblico nel finanziamento di tali risorse (una parte è a carico degli studi dei MMG/PLS), potrebbe essere interessante conoscere, relativamente a tali professionisti, il rispetto di tutti i requisiti per l’esercizio professionale, la tipologia ed i volumi delle attività svolte, per una trasparenza e correttezza nei confronti di tutti (sistema - professionisti - contribuenti);
 
b. 40.000.000 (fondo Camera dei Deputati) incentivi economici del personale sanitario impiegato nell’emergenza Covid-19 – con l’auspicio di una destinazione esclusiva ai professionisti realmente operanti in ambito Covid-19, senza differenziazioni tra famiglie professionali, stante l’invarianza del rischio.
 
4. Vaccinazioni
Quotidiano Sanità lancia l'allarme per i pochi infermieri che hanno risposto al bando del Commissario Arcuri (QS 7 gennaio). Ma probabilmente gli infermieri “non disertano” … semplicemente non ci sono!!! (vedi tabella).
 

 
Sicuramente apprezzabile il posizionamento FNOPI relativamente alla possibilità dell’utilizzo degli infermieri libero-professionisti. Ma serve anche altro, in particolare:
a. la vaccinazione degli operatori sanitari e degli ospiti delle residenze (circa 2.000.000 di persone) può essere considerata “di facile soluzione” (interna alle aziende con il coinvolgimento dei dipendenti);
 
b. pur lasciando “fuori” la popolazione under 16 … il vero problema è vaccinare gli altri 51.000.000 di persone e forse servono nuovi progetti regionali ed aziendali, forti integrazioni multi-professionali (a partire dall’utilizzo corretto degli infermieri assunti per il nuovo ruolo di infermiere di famiglia e comunità, magari utilizzando gli stessi in questa fase per la campagna vaccinale), grande attenzione alla sicurezza, meno parole e più fatti;
 
c. è il momento di un progetto serio, con il coinvolgimento di tutti gli stake-holder interessati, per la risposta che il Paese si aspetta.
 
Marcello Bozzi
Segretario ANDPROSAN – associata COSMED

11 gennaio 2021
© Riproduzione riservata

Allegati:

spacer Tabella

Altri articoli in Studi e Analisi

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Via Boncompagni, 16
00187 - Roma

Via Vittore Carpaccio, 18
00147 Roma (RM)


Direttore responsabile
Cesare Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Presidente e AD
Vincenzo Coluccia

Direttore generale
Ernesto Rodriquez

Redazione
Tel (+39) 06.59.44.62.23
Tel (+39) 06.59.44.62.26
Fax (+39) 06.59.44.62.28
redazione@qsedizioni.it

Pubblicità
Tel. (+39) 06.89.27.28.41
commerciale@qsedizioni.it

Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy