Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Sabato 22 GIUGNO 2024
Lettere al direttore
segui quotidianosanita.it

Malattia mentale e disagio psicologico richiedono risposte specifiche e diverse

di David Lazzari

24 OTT -

Gentile Direttore,
quanti sono i problemi di salute? Le situazioni per le quali il cittadino si rivolge ai servizi sanitari o si ricovera in ospedale? Quante di queste chiamano in causa l’intera persona e non solo il suo corpo? Quante di queste hanno aspetti psicologici rilevanti o richiedono una risposta psicologica?

Facciamo qualche esempio. Una coppia che ha problemi di sterilità o infertilità, che magari deve ricorrere alla procreazione assistita. Oppure che vuol fare un percorso di affido. Una donna che ha bisogno di aiuto psicologico nella gravidanza, dopo il parto o nei primi mesi o anni di vita del bambino, i famosi mille giorni così fondamentali per il futuro del bambino. L’accompagnamento nelle situazioni in cui il bambino ha una condizione particolare o difficile. Una donna che intende interrompere la gravidanza o che è costretta a farlo per motivi sanitari. Una donna che deve affrontare i problemi della menopausa. Una famiglia che si trova in condizioni di disagio, magari nel rapporto di coppia o nella relazione con i figli, un adolescente che vuole confrontarsi coi suoi problemi. Le diverse situazioni di disagio psicologico in cui una persona ancora non è malata ma non sta più bene.

Ma ancora, il campo delle malattie fisiche, l’intervento nella comunicazione di diagnosi gravi, il supporto e la preparazione negli inter diagnostici e terapeutici particolarmente invasivi, nella gestione delle nuove tecnologie, il supporto alle persone con malattie ad elevato impatto stressante e psicologico, come quelle oncologiche o molte cardiovascolari solo per fare un esempio, che richiedono importanti risorse soggettive per essere affrontate, ma anche dei familiari e dei caregiver. Il supporto alle persone malate, ai familiari e caregiver per la gestione delle situazioni, spesso croniche, nelle quali gli aspetti psicologici sono fondamentali per la gestione della malattia. La cura degli aspetti psicologici nelle terapie del dolore e nelle cure palliative.

L’esperienza recente della pandemia ci ha mostrato che nelle intensive, nei luoghi di cura, nelle RSA, a casa delle persone, gli interventi psicologici integrati con quelli medici e infermieristici, hanno costituito una parte importante della risposta sanitaria, ampliandola alla persona e ai suoi vissuti.

E dell’assistenza fa parte anche la prevenzione, la promozione di comportamenti e stili di vita, la psicoconsulenza ed educazione per migliorare l’aderenza e l’alleanza terapeutica, la riabilitazione sempre più diffusa grazie ai progressi nelle cure e che non è solo fisica.

I dati delle evidenze sono eclatanti: gli aspetti soggettivi e relazionali, ovvero ciò di cui si occupano gli psicologi, fanno la differenza in termini di successo delle cure, andamento delle malattie, qualità di vita e costi economici per i cittadini e per il sistema. L’impatto della psiche sul corpo e sul modo di affrontare le situazioni è spesso cruciale.

Infine, la gestione dei fondamentali aspetti psicologici nel personale sanitario, nel processo di cura, nella qualità delle relazioni, nell’umanizzazione, nella gestione delle emozioni, dello stress, delle criticità e delle emergenze. Avere un contesto di cure e operatori human oriented è ormai indispensabile, anche perché la sempre maggiore tecnologia richiede più psicologia.

Questo lungo ma non esaustivo elenco di problemi e situazioni non è scelto a caso: è’ solo una parte delle risposte psicologiche che il nostro SSN deve dare ai cittadini in base alle leggi vigenti.

Questo chiarisce, semmai ce ne fosse bisogno, la portata e la trasversalità delle attività psicologiche nel SSN. Una situazione che, soprattutto a risorse limitate, richiede una “cabina di regia” a livello di ciascuna azienda sanitaria ed ospedaliera per organizzare, distribuire, ottimizzare le risorse nei diversi dipartimenti, servizi e strutture che compongono l’azienda.

La mancanza di questo coordinamento nella maggior parte delle realtà ha penalizzato seriamente i cittadini e le stesse aziende. Ora finalmente c’è una legge che prevede una unica “funzione aziendale di Psicologia” per ciascuna azienda e c’è una linea di indirizzo frutto di una commissione del Ministero della Salute che ha visto la partecipazione di ISS, Regioni, Agenas e società scientifiche oltre che del CNOP.

Ogni Regione, nella sua autonomia, potrà dare la veste più adeguata a questa realtà, l’essenziale è che una lacuna organizzativa venga colmata facendo tesoro di molte altre iniziative simili, come quelle per le attività farmaceutiche, gli anestesisti negli ospedali, le professioni infermieristiche, tecniche e della riabilitazione. Il punto essenziale è mettere questa funzione al servizio dell’intera azienda, senza “sacrificarla” o comprimerla in un dipartimento settoriale. Basta leggere l’elenco dal quale siamo partiti per capire che in un ospedale o in una ASL non c’è un settore clinico che possa, da solo, fosse anche quello per la cura delle malattie mentali, coprire l’insieme.

Nei CSM/DSM gli psicologi ci devono essere e in numero adeguato perché anche le malattie mentali richiedono psicologia e psicoterapia e non solo farmaci. Ma ricondurre tutta la psicologia alla psichiatria e tutte le tematiche psicologiche ai servizi di salute mentale è un errore che non tiene conto della realtà. Non è un caso che meno del 40% degli psicologi del SSN lavora nei servizi di salute mentale. Gli stessi cittadini hanno oramai chiara la differenza.

Ci saranno resistenze perché spesso l’organizzazione dei servizi è guidata da logiche di potere ma se chi li organizza guarda alla realtà oggettiva questa legge, finalmente, troverà la sua applicazione.

David Lazzari

Presidente CNOP



24 ottobre 2022
© Riproduzione riservata

Altri articoli in Lettere al direttore

lettere al direttore
ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Sede legale:
Via Giacomo Peroni, 400
00131 - Roma

Sede operativa:
Via della Stelletta, 23
00186 - Roma
Direttore responsabile
Luciano Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Tel. (+39) 06.89.27.28.41

info@qsedizioni.it

redazione@qsedizioni.it

Coordinamento Pubblicità
commerciale@qsedizioni.it
    Joint Venture
  • SICS srl
  • Edizioni
    Health Communication
    srl
Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy