Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Lunedì 03 OTTOBRE 2022
Scienza e Farmaci
segui quotidianosanita.it

Dall’Oms una nuova guida per la profilassi pre-esposizione all’HIV (PrEP): “Attenzione anche alle altre malattie sessualmente trasmissibili”


Le persone che trarrebbero beneficio dalla PrEP per l'infezione da HIV sono spesso anche ad alto rischio di altre malattie sessualmente trasmissibili. A livello globale, a 1 persona su 4 che trarrebbero beneficio dalla PrEP per l'HIV è stata precedentemente diagnosticata almeno 1 IST - vale a dire gonorrea, sifilide o clamidia prima di iniziare la PrEP. LA GUIDA.

06 SET -

Al 23° Congresso Mondiale dell'Unione Internazionale contro le Infezioni Sessualmente Trasmesse (IUSTI) l'OMS ha rilasciato un nuovo modulo del suo strumento di implementazione per la profilassi pre-esposizione all'HIV (PrEP) per supportare i paesi che implementano e potenziano i servizi IST integrati per le persone che usano la PrEP. 

Il modulo fornisce un quadro e una guida pratica per i decisori, i responsabili dei programmi e delle strutture e gli operatori sanitari per l'integrazione graduale dei servizi di infezione a trasmissione sessuale (IST) considerando il contesto locale e le modalità dei servizi di erogazione della PrEP.

Le persone che trarrebbero beneficio dalla PrEP per l'infezione da HIV sono spesso anche ad alto rischio di altre malattie sessualmente trasmissibili. A livello globale, a 1 persona su 4 che trarrebbero beneficio dalla PrEP per l'HIV è stata precedentemente diagnosticata almeno 1 IST - vale a dire gonorrea, sifilide o clamidia prima di iniziare la PrEP.

Poiché le malattie sessualmente trasmissibili sono asintomatiche, molte di queste infezioni sarebbero state perse e la catena di trasmissione sarebbe continuata se non si fossero verificati i test. 

Considerando che molte malattie sessualmente trasmissibili sono facilmente curabili, offrire servizi di IST per le persone in PrEP è un'opportunità da non perdere. Di recente, l'OMS ha condotto una revisione dei documenti di orientamento nazionali per la PrEP dell'HIV e ha scoperto che un terzo non ha menzionato le malattie sessualmente trasmissibili come parte delle raccomandazioni relative alla PrEP.

"L'offerta di servizi per le malattie sessualmente trasmissibili alle persone che usano la PrEP crea un'opportunità per raggiungere le persone a più alto rischio di infezione che altrimenti potrebbero non essere diagnosticate, in particolare perché la maggior parte delle malattie sessualmente trasmissibili non presenta segni o sintomi", ha affermato Teodora Wi, responsabile del Programma globale delle malattie sessualmente trasmissibili dell'OMS. "Questo approccio è vantaggioso per la persona con una IST, i suoi partner sessuali e anche per la risposta alle IST", ha aggiunto.

"L'integrazione dei servizi al livello primario dell'assistenza crea efficienze e sinergie per il sistema sanitario e promuove un approccio incentrato sulle persone per migliorare la salute sessuale delle persone e la loro qualità delle cure ", ha affermato Meg Doherty, Direttore dei programmi globali dell'OMS per HIV, epatite e malattie sessualmente trasmissibili . "Ci auguriamo che questa nuova guida contribuisca a questi obiettivi".

 



06 settembre 2022
© Riproduzione riservata

Allegati:

spacer Il documento

Altri articoli in Scienza e Farmaci

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Via Giacomo Peroni, 400
00131 - Roma

Via Vittore Carpaccio, 18
00147 Roma (RM)


Direttore responsabile
Cesare Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Presidente
Ernesto Rodriquez

Redazione
Tel (+39) 06.59.44.62.23
Tel (+39) 06.59.44.62.26
Fax (+39) 06.59.44.62.28
redazione@qsedizioni.it

Pubblicità
Tel. (+39) 06.89.27.28.41
commerciale@qsedizioni.it

Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy