Quotidiano on line
di informazione sanitaria
21 LUGLIO 2024
Studi e Analisi
segui quotidianosanita.it

Gli scienziati del NHS scoprono un nuovo sistema di gruppi sanguigni


La scoperta di un nuovo sistema di gruppi sanguigni, chiamato Er, risolve un mistero di 30 anni. Il team britannico ha studiato tre antigeni noti del gruppo sanguigno - molecole sulla superficie dei globuli rossi che possono innescare un attacco da parte del sistema immunitario - che non si adattavano a nessun sistema noto del gruppo sanguigno.

11 OTT -

Gli scienziati dell'NHS Blood and Transplant (NHSBT) e dell'Università di Bristol hanno scoperto un nuovo sistema di gruppi sanguigni, chiamato Er, che risolve un mistero di 30 anni. (1)

Il team ha studiato tre antigeni noti del gruppo sanguigno - molecole sulla superficie dei globuli rossi che possono innescare un attacco da parte del sistema immunitario - che non si adattavano a nessun sistema noto del gruppo sanguigno.

Sono stati in grado di mostrare il background genetico di questi 3 antigeni (Era, Erb ed Er3), insieme all'identificazione di due nuovi antigeni (Er4 ed Er5), stabilendo un nuovo sistema di gruppi sanguigni. 2)(3)

La ricerca è stata condotta dall'International Blood Group Reference Laboratory (IBGRL) dell'NHSBT , in collaborazione con esperti dell'Università di Bristol, insieme a un team di collaboratori internazionali.

Il lavoro è stato sostenuto in parte dai ricercatori dell'Istituto nazionale per la ricerca sulla salute dell'Unità di ricerca sul sangue e sui trapianti (NIHR BTRU).

Le variazioni recentemente scoperte all'interno del sistema del gruppo sanguigno, Er4 ed Er5, sono estremamente rare, ma sono state implicate in casi di malattia emolitica del feto e del neonato, quando il sistema immunitario della madre attacca il sangue del nascituro. Due pazienti la cui storia è stata studiata avevano purtroppo perso i loro bambini a causa di questa malattia.

Nicole Thornton, Head of Red Cell Reference presso l'International Blood Group Reference Laboratory dell'NHSBT, ha dichiarato: "La maggior parte delle persone avrà quella che consideriamo la forma 'normale' di Er, ma un piccolo numero di individui rari ha forme alterate, comprese quelle nuove abbiamo identificato in questo studio.

“Scoprire le basi genetiche dei gruppi sanguigni - ha proseguito - ci consente di sviluppare nuovi test per identificare quelli con gruppi sanguigni non comuni, con l'obiettivo di fornire la migliore assistenza possibile anche ai pazienti più rari. Questa scoperta risolve il mistero di oltre 30 anni sul background genetico di questo sistema di gruppi sanguigni, ma la considerazione più importante per noi, nell'indagare su questi casi, è stata quella di poter fornire risposte a due madri che hanno tragicamente perso i loro bambini. Più sappiamo di tali rare variazioni del gruppo sanguigno, insieme alla capacità di essere in grado di testarle e identificarle, migliore sarà la cura che saremo in grado di offrire a tali pazienti in futuro".

La dott.ssa Vicki Chalker, Chief Scientific Officer di NHSBT, ha dichiarato: “Il team dell'International Blood Reference Laboratory è composto da incredibili specialisti di 'detective del sangue' che lavorano su sistemi complessi per aiutare i pazienti. Hanno scoperto un nuovo sistema di gruppi sanguigni e hanno aiutato le famiglie a capire il motivo di tale tragica perdita del loro bambino”.

La maggior parte delle persone ha familiarità con i due principali sistemi di gruppi sanguigni, che sono il sistema ABO e il sistema Rh. Tuttavia ci sono molti più sistemi di gruppi sanguigni, con diversi rischi di reazione. Er è il 44° sistema di gruppi sanguigni da scoprire. All'interno di ogni sistema di gruppo sanguigno, ci sono vari antigeni del gruppo sanguigno. Sebbene la maggior parte delle persone possa non essere a conoscenza della maggior parte dei sistemi dei gruppi sanguigni (oltre l'ABO), ciò non significa che non siano rilevanti e piccoli cambiamenti possono avere conseguenze cliniche per le donne in gravidanza e le persone che necessitano di una trasfusione.

Sono trascorsi quasi 40 anni da quando il globulo rosso ad alta incidenza Er a è stato descritto per la prima volta e per tutto questo periodo la sua base molecolare è rimasta sfuggente.

La molecola vettore di questo sistema di gruppi sanguigni è Piezo1, una proteina che svolge un ruolo importante in molti processi biologici.

Fonte: Nhs

11 ottobre 2022
© Riproduzione riservata


Altri articoli in Studi e Analisi

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Sede legale:
Via Giacomo Peroni, 400
00131 - Roma

Sede operativa:
Via della Stelletta, 23
00186 - Roma
Direttore responsabile
Luciano Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Tel. (+39) 06.89.27.28.41

info@qsedizioni.it

redazione@qsedizioni.it

Coordinamento Pubblicità
commerciale@qsedizioni.it
    Joint Venture
  • SICS srl
  • Edizioni
    Health Communication
    srl
Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy