Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Giovedì 30 MAGGIO 2024
Studi e Analisi
segui quotidianosanita.it

La strage silenziosa e dimenticata. Onu: “59 milioni di bambini e giovani moriranno prima del 2030 per carenza di assistenza e quasi 16 milioni di bambini moriranno alla nascita”


È quanto avverrà se non si intraprenderà un'azione rapida per migliorare i servizi sanitari, soprattutto nell'Africa subsahariana e nell'Asia meridionale.  “Una tragedia così diffusa e prevenibile – ha detto Vidhya Ganesh, Direttore della Divisione di analisi, pianificazione e monitoraggio dei dati dell'UNICEF - non dovrebbe mai essere accettata come inevitabile. Il progresso è possibile con una volontà politica più forte e investimenti mirati nell'accesso equo all'assistenza sanitaria di base per ogni donna e bambino”.

11 GEN -

Si stima che 5 milioni di bambini siano morti prima del loro quinto compleanno e altri 2,1 milioni di bambini e giovani di età compresa tra i 5 e i 24 anni abbiano perso la vita nel 2021, secondo le ultime stime pubblicate dal Gruppo inter-agenzia delle Nazioni Unite per la stima della mortalità infantile (UN IGME).

In un altro apporto, anch'esso pubblicato in questi giorni, il gruppo ha poi segnalato che 1,9 milioni di bambini sono nati morti durante lo stesso periodo. Tragicamente, molte di queste morti avrebbero potuto essere evitate con un accesso equo e un'assistenza sanitaria materna, neonatale, infantile e adolescenziale di alta qualità.

"Ogni giorno, troppi genitori affrontano il trauma di perdere i propri figli, a volte anche prima del loro primo respiro", ha affermato Vidhya Ganesh, Direttore della Divisione di analisi, pianificazione e monitoraggio dei dati dell'UNICEF. “Una tragedia così diffusa e prevenibile – prosegue - non dovrebbe mai essere accettata come inevitabile. Il progresso è possibile con una volontà politica più forte e investimenti mirati nell'accesso equo all'assistenza sanitaria di base per ogni donna e bambino”.

I rapporti mostrano tuttavia alcuni risultati positivi con un minor rischio di morte in tutte le età a livello globale dal 2000. Il tasso di mortalità globale sotto i 5 anni è infatti diminuito del 50% dall'inizio del secolo, mentre i tassi di mortalità nei bambini più grandi e nei giovani sono diminuiti del 36%. e il tasso di nati morti è diminuito del 35%.

Ciò, spiegano i rapporti, può essere attribuito a maggiori investimenti nel rafforzamento dei sistemi sanitari primari a beneficio di donne, bambini e giovani.

Tuttavia, questi miglioramenti si sono ridotti in modo significativo dal 2010 e 54 paesi non raggiungeranno l'obiettivo di sviluppo sostenibile per la mortalità sotto i 5 anni. Se non si intraprende un'azione rapida per migliorare i servizi sanitari, avvertono le agenzie, quasi 59 milioni di bambini e giovani moriranno prima del 2030 e quasi 16 milioni di bambini moriranno per natimortalità.

"È gravemente ingiusto che le possibilità di sopravvivenza di un bambino possano essere modellate solo dal suo luogo di nascita e che ci siano disuguaglianze così vaste nel loro accesso ai servizi sanitari salvavita", ha affermato il Dr. Anshu Banerjee, Direttore per la salute e l'invecchiamento materno, neonatale, infantile e adolescenziale presso l'Organizzazione mondiale della sanità. “Ovunque – ha aggiunto - i bambini hanno bisogno di sistemi di assistenza sanitaria di base solidi che soddisfino i loro bisogni e quelli delle loro famiglie, in modo che, indipendentemente da dove siano nati, abbiano il miglior inizio e una speranza per il futuro”.

I bambini continuano ad affrontare possibilità di sopravvivenza estremamente differenziate in base al luogo in cui sono nati, con l'Africa subsahariana e l'Asia meridionale che si accollano il fardello più pesante. Sebbene l'Africa subsahariana abbia avuto solo il 29% dei nati vivi globali, la regione ha rappresentato il 56% di tutti i decessi sotto i 5 anni nel 2021 e l'Asia meridionale il 26% del totale.

I bambini nati nell'Africa sub-sahariana sono soggetti al più alto rischio di morte infantile al mondo, 15 volte superiore al rischio per i bambini in Europa e Nord America.

Le madri in queste 2 regioni sopportano anche la dolorosa perdita di bambini a causa di nati morti a un ritmo eccezionale, con il 77% di tutti i nati morti nel 2021 che si verificano nell'Africa subsahariana e nell'Asia meridionale. Quasi la metà di tutti i nati morti è avvenuta nell'Africa subsahariana. Il rischio che una donna abbia un bambino nato morto nell'Africa sub-sahariana è 7 volte più probabile che in Europa e Nord America.

"Dietro a questi numeri ci sono milioni di bambini e famiglie a cui sono negati i diritti fondamentali alla salute", ha affermato Juan Pablo Uribe, direttore globale per la salute, la nutrizione e la popolazione, Banca mondiale e direttore del Global Financing Facility. "Abbiamo bisogno di volontà politica e leadership per finanziamenti sostenuti per l'assistenza sanitaria di base, che è uno dei migliori investimenti che i paesi e i partner per lo sviluppo possono fare", ha aggiunto.

L'accesso e la disponibilità di un'assistenza sanitaria di qualità continua a essere una questione di vita o di morte per i bambini di tutto il mondo. La maggior parte dei decessi infantili si verifica nei primi cinque anni, di cui la metà entro il primo mese di vita.

Per questi bambini più piccoli, il parto prematuro e le complicazioni durante il travaglio sono le principali cause di morte.

Allo stesso modo, oltre il 40% dei nati morti si verifica durante il travaglio, la maggior parte dei quali è prevenibile quando le donne hanno accesso a cure di qualità durante la gravidanza e il parto. Per i bambini che sopravvivono oltre i primi 28 giorni, le malattie infettive come la polmonite, la diarrea e la malaria rappresentano la più grande minaccia.

Sebbene il COVID-19 non abbia aumentato direttamente la mortalità infantile - con i bambini che affrontano una minore probabilità di morire a causa della malattia rispetto agli adulti - la pandemia potrebbe aver aumentato i rischi futuri per la loro sopravvivenza. In particolare, i rapporti evidenziano preoccupazioni per le interruzioni delle campagne di vaccinazione, dei servizi nutrizionali e dell'accesso all'assistenza sanitaria di base, che potrebbero mettere a repentaglio la loro salute e il loro benessere per molti anni a venire. Inoltre, la pandemia ha alimentato il più grande declino continuo delle vaccinazioni in tre decenni, esponendo i neonati e i bambini più vulnerabili a un rischio maggiore di morire a causa di malattie prevenibili.

I rapporti rilevano anche lacune nei dati, che potrebbero minare in modo critico l'impatto delle politiche e dei programmi progettati per migliorare la sopravvivenza e il benessere dell'infanzia.

"Le nuove stime evidenziano il notevole progresso globale dal 2000 nella riduzione della mortalità tra i bambini sotto i 5 anni", ha affermato John Wilmoth, Direttore, UN DESA Population Division. “Nonostante questo successo – ha aggiunto - è necessario più lavoro per affrontare le grandi differenze persistenti nella sopravvivenza dei bambini tra paesi e regioni, specialmente nell'Africa subsahariana. Solo migliorando l'accesso a un'assistenza sanitaria di qualità, soprattutto durante il periodo del parto, saremo in grado di ridurre queste disuguaglianze e porre fine alle morti prevenibili di neonati e bambini in tutto il mondo".



11 gennaio 2023
© Riproduzione riservata


Altri articoli in Studi e Analisi

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Sede legale:
Via Giacomo Peroni, 400
00131 - Roma

Sede operativa:
Via della Stelletta, 23
00186 - Roma
Direttore responsabile
Luciano Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Tel. (+39) 06.89.27.28.41

info@qsedizioni.it

redazione@qsedizioni.it

Coordinamento Pubblicità
commerciale@qsedizioni.it
    Joint Venture
  • SICS srl
  • Edizioni
    Health Communication
    srl
Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy