Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Sabato 31 LUGLIO 2021
Studi e Analisi
segui quotidianosanita.it

Oms lancia allarme per i suicidi: “Oltre 700mila casi nel 2019 e resta tra le principali cause di morte, più di Hiv, malaria o cancro al seno”. In Italia 4.042 casi


L’Oms ha pubblicato il suo rapporto mondiale sui suicidi che, pur se in diminuzione rispetto a venti anni fa, restano in cima alle cause di morte globali. Tra i giovani di età compresa tra 15 e 29 anni, il suicidio è stata la quarta causa di morte dopo gli incidenti stradali, la tubercolosi e la violenza interpersonale. Più casi tra gli uomini e c’è poca differenza tra Paesi ricchi e poveri. Pubblicata anche una guida per la prevenzione. IL RAPPORTO, LA GUIDA “LIVE LIFE”.

22 GIU - Il suicidio rimane una delle principali cause di morte nel mondo, secondo le ultime stime dell'OMS, pubblicate su “Suicide worldwide in 2019”. 
 
Ogni anno muoiono più persone a causa del suicidio rispetto all'HIV, alla malaria o al cancro al seno o alla guerra e agli omicidi. Nel 2019, più di 700.000 persone sono morte per suicidio: una ogni 100 morti, spingendo l'OMS a produrre nuove linee guida per aiutare i paesi a migliorare la prevenzione e la cura del suicidio.
 
"Non possiamo - e non dobbiamo - ignorare il suicidio", ha affermato Tedros Adhanom Ghebreyesus, direttore generale dell'Organizzazione mondiale della sanità. “Ognuno è una tragedia. La nostra attenzione alla prevenzione del suicidio è ancora più importante ora, dopo molti mesi passati con la pandemia di COVID-19, con molti dei fattori di rischio per il suicidio - perdita del lavoro, stress finanziario e isolamento sociale - ancora molto presenti. La nuova guida dell'OMS ‘LIVE LIFE’ fornisce un chiaro percorso per intensificare gli sforzi di prevenzione del suicidio".

 
Tra i giovani di età compresa tra 15 e 29 anni, il suicidio è stata la quarta causa di morte dopo gli incidenti stradali, la tubercolosi e la violenza interpersonale.
 
Più del doppio dei maschi muoiono per suicidio rispetto alle femmine (12,6 per 100.000 maschi rispetto a 5,4 per 100.000 femmine). I tassi di suicidio tra gli uomini sono generalmente più alti nei paesi ad alto reddito (16,5 per 100.000). Per le donne, i tassi di suicidio più alti si riscontrano invece nei paesi a reddito medio-basso (7,1 per 100.000).
 
I tassi di suicidi dell'OMS nelle regioni dell'Africa (11,2 per 100 000), europea (10,5 per 100 000) e del sud-est asiatico (10,2 per 100 000) erano superiori alla media globale (9,0 per 100 000) nel 2019. Il tasso di suicidio più basso tasso si registra nella regione del Mediterraneo orientale (6,4 per 100 000).
 
A livello globale, il tasso di suicidi sta diminuendo; nelle Americhe sta salendo
I tassi di suicidio sono diminuiti nei 20 anni tra il 2000 e il 2019, con un tasso globale in calo del 36%, con diminuzioni che vanno dal 17% nella regione del Mediterraneo orientale al 47% nella regione europea e al 49% nel Pacifico occidentale.
 
Tassi molto alti si registrano nella regione delle Americhe, dove sono aumentati del 17% nello stesso periodo di tempo.
 
 
In Italia il rapporto dell’Oms segnala 4.042 suicidi nel 2019 con un tasso di 6.7 casi ogni 100.000 abitanti. Netta prevalenza di suicidi tra gli uomini dove i suicidi sono stati 2.965 con un tasso che raggiunge i 10,1 casi ogni 100.000 mentre nelle donne il fenomeno è meno marcato con 1.077 casi pari a un tasso del 3,5 ogni 100.000.
 
 
Attualmente solo 38 paesi hanno adottato una strategia nazionale di prevenzione del suicidio e per l’Oms è necessaria un'accelerazione significativa nella riduzione dei suicidi per raggiungere l'obiettivo di una riduzione di un terzo del tasso di suicidi globale entro il 2030.
 
Per supportare i paesi nei loro sforzi, l'OMS ha messo a punto una guida completa per l'implementazione del suo approccio alla prevenzione del suicidio. 
 
Quattro le strategie individuate:
- limitare l'accesso ai mezzi di suicidio, come pesticidi altamente pericolosi e armi da fuoco;
 
- educare i media alla denuncia responsabile del suicidio;
 
- promuovere le abilità di vita socio-emotive negli adolescenti;
 
- identificazione precoce, valutazione, gestione e follow-up di chiunque sia affetto da pensieri e comportamenti suicidari.
 
Divieto dei pesticidi più pericolosi: un intervento ad alto impatto
Dato che si stima che l'avvelenamento da pesticidi causi il 20% di tutti i suicidi e che i divieti nazionali di pesticidi altamente tossici e altamente pericolosi si siano dimostrati efficaci in termini di costi, tali divieti sono raccomandati dall'OMS. Altre misure includono la limitazione dell'accesso alle armi da fuoco, la riduzione delle dimensioni dei pacchetti di medicinali e l'installazione di barriere nei siti di lancio.
 
Segnalazione responsabile da parte dei media
La guida mette in evidenza il ruolo dei media in relazione al suicidio. I resoconti dei media sui suicidi possono portare a un aumento dei suicidi a causa dell'imitazione (o dei suicidi imitativi), specialmente se il rapporto riguarda una celebrità o descrive il metodo del suicidio.
 
La nuova guida consiglia il monitoraggio delle segnalazioni di suicidio e suggerisce che i media contrastino le segnalazioni di suicidio con storie di recupero riuscito da problemi di salute mentale o pensieri suicidi. Raccomanda inoltre di collaborare con le società di social media per aumentare la loro consapevolezza e migliorare i loro protocolli per l'identificazione e la rimozione di contenuti dannosi.
 
Sostegno agli adolescenti
L'adolescenza (10-19 anni) è un periodo critico per l'acquisizione di abilità socio-emotive, soprattutto perché la metà delle condizioni di salute mentale si manifesta prima dei 14 anni. La guida dell’Oms incoraggia azioni tra cui programmi di promozione della salute mentale e antibullismo, collegamenti a servizi di supporto e protocolli chiari per le persone che lavorano nelle scuole e nelle università quando viene identificato il rischio di suicidio.
 
Identificazione precoce e follow-up delle persone a rischio
L'identificazione precoce, la valutazione, la gestione e il follow-up si applicano alle persone che hanno tentato il suicidio o sono percepite come a rischio. Un precedente tentativo di suicidio è uno dei fattori di rischio più importanti per un suicidio futuro.
Gli operatori sanitari dovrebbero essere formati per l'identificazione precoce, la valutazione, la gestione e il follow-up. I gruppi di persone sopravvissute in lutto a causa del suicidio possono integrare il supporto fornito dai servizi sanitari. Dovrebbero essere disponibili anche servizi di crisi per fornire un supporto immediato alle persone in difficoltà acuta.
La nuova guida, che include esempi di interventi di prevenzione del suicidio che sono stati implementati in tutto il mondo, in paesi come Australia, Ghana, Guyana, India, Iraq, Repubblica di Corea, Svezia e Stati Uniti, può essere utilizzata da chiunque sia interessati a implementare attività di prevenzione del suicidio, sia a livello nazionale che locale, e sia nei settori governativi che non governativi.
 
"Mentre una strategia nazionale completa di prevenzione del suicidio dovrebbe essere l'obiettivo finale per tutti i governi", ha affermato Alexandra Fleischmann, esperta di prevenzione del suicidio presso l'Organizzazione mondiale della sanità, "iniziare la prevenzione del suicidio con gli interventi LIVE LIFE può salvare vite umane e prevenire il crepacuore che segue per quelli rimasti indietro”.

22 giugno 2021
© Riproduzione riservata


Altri articoli in Studi e Analisi

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Via Boncompagni, 16
00187 - Roma

Via Vittore Carpaccio, 18
00147 Roma (RM)


Direttore responsabile
Cesare Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Presidente e AD
Vincenzo Coluccia

Direttore generale
Ernesto Rodriquez

Redazione
Tel (+39) 06.59.44.62.23
Tel (+39) 06.59.44.62.26
Fax (+39) 06.59.44.62.28
redazione@qsedizioni.it

Pubblicità
Tel. (+39) 06.89.27.28.41
commerciale@qsedizioni.it

Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy