Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Giovedì 22 OTTOBRE 2020
Cronache
segui quotidianosanita.it

Francia. Maxi protesta dei medici: 600 primari si ‘dimettono’ dalle funzioni amministrative contro i tagli agli ospedali pubblici


Mille  medici transalpini, di cui 600 primari hanno inviato una lettera al Ministro Buzyn in cui annunciano di volersi dimettere dalle loro funzioni amministrative: “Il deterioramento delle condizioni di lavoro dei professionisti è tale da mettere in discussione la qualità delle cure e minacciare la sicurezza dei pazienti”. In ogni caso i medici hanno assicurato che continueranno a svolgere la loro attività clinica.

20 GEN - Maxi protesta dei medici francesi contro i tagli agli ospedali pubblici. Dopo aver minacciato di dimettersi lo scorso dicembre, più di 1.000 medici, tra cui 600 responsabili dei dipartimenti ospedalieri hanno inviato una lettera di ‘dimissioni collettive’ al Ministro della Salute Agnès Buzyn.
 “L’ospedale pubblico - denunciano i medici - è malato, e ha bisogno di una terapia d’urto”. E per il personale, le proposte del governo presentate nell'ultimo "piano di emergenza" dal Governo francese sono tutt'altro che sufficienti. I medici in ogni caso continueranno a fornire assistenza ma intendono dimettersi dalle loro funzioni di supervisione che includono molti compiti amministrativi.
 
La richiesta dei medici è chiara e prevede “una significativa rivalutazione degli stipendi, oltre ai vari bonus annunciati” e un finanziamento aggiuntivo di 600 milioni di euro per gli ospedali nel 2020 e ‘una revisione importante’ delle loro modalità di finanziamento.
 
Il Ministro della Salute Agnès Buzyn ha dichiarato di essere a conoscenza dello "scoraggiamento degli operatori" che "sono vecchi" e ha ricordato le misure già annunciate per consentire in particolare "ospedali che hanno bisogno di aumentare i posti letti o assumere personale". Tuttavia l’incontro con le associazioni non ha dato i suoi frutti e per questo è prevista una grande manifestazione nazionale il 14 febbraio.

 
Le ragioni della protesta. "L'ospedale deve essere riformato, ma non c'è grande riforma possibile senza mezzi", scrivono nella loro lettera i firmatari che sottolineano come “il deterioramento delle condizioni di lavoro dei professionisti è tale da mettere in discussione la qualità delle cure e minacciare la sicurezza dei pazienti”
 
Il professor Olivier Brissaud è un rianimatore pediatrico presso l'ospedale universitario di Bordeaux ed evidenzia sui media transalpini come “siamo arrivati ​​alla fine di questo sistema. Dobbiamo trovare un altro modo per finanziare l'ospedale”.
 
André Grimaldi, Professore emerito di Diabetologia presso il CHU de la Pitié-Salpêtrière, uno dei primi firmatari del forum per il collettivo Inter-Urgence evidenzia: “Siamo in condizioni assolutamente terribili. Viviamo dei drammi. Per la prima volta, a novembre, 25 bambini che dovevano essere sottoposti a assistenza respiratoria hanno dovuto essere trasferiti a 200 chilometri da Parigi. Abbiamo perso tutta l'etica della nostra professione. Nell'ultima classifica OCSE sugli stipendi degli infermieri, siamo al 28° posto posizione su 32. Se ci riferiamo a questo stesso rapporto, il nostro ospedale pubblico ci costa il 3,6% del nostro PIL contro il 4,1% in media nell'Unione europea. Mentre ci vantiamo costantemente di essere il paese che spende di più per la sua cura e salute. Ciò che ci costa di più in Francia sono le commissioni di gestione. Stiamo spendendo troppo. Quasi 16 miliardi: 7,4 miliardi per la sicurezza sociale, organizzazioni sanitarie complementari, 7,5 miliardi e la gestione di agenzie statali, 2 miliardi. È colossale”.
 
Grimaldi evidenzia poi cosa bisognerebbe smettere di fare: “Chiedere risparmi all'ospedale pubblico. Nel 2018, ci è stato chiesto di risparmiare 960 milioni per compensare l'aumento della spesa. Nello stesso anno, per la prima volta, abbiamo assistito a un calo delle attività e abbiamo colto l'occasione per ridurre il prezzo delle procedure mediche dello 0,5% quando, già nel 2017, avevamo abbassato questo prezzo di 0, 9%. Questa logica è contraddittoria. Da un lato, il Ministero della salute sta organizzando un calo dei prezzi di rimborso giustificandolo, dall'altro, promettendo un aumento della medicina ambulatoriale (ad es. trattamento medico di un paziente senza ricovero o per alcune ore, nota). Alla fine, hai prezzi che continuano a calare e, dall'altro, volumi di cure che si stanno sgretolando. Quindi la seconda cosa importante è cambiare la modalità di governance economica. Smettiamola di considerare l'ospedale come un affare. Smettiamo di governare con i numeri. Facciamo in modo che le 35 ore non influenzino più lo stipendio del personale ospedaliero e i loro programmi in questa misura. Infine, ci deve essere una vera politica territoriale. Includi gli ospedali nel problema dei deserti medici e ferma questa follia della chirurgia ambulatoriale. Non è adatto a tutti i trattamenti e non corrisponde ai pazienti che necessitano di un supporto reale”.
 
Bocciata anche la ministra della Salute: “Avevamo riposto molta speranza. È andata al governo presentandosi non come un politico, ma come un medico. Le sue prime dichiarazioni furono persino incoraggianti. Un discorso che chiede la fine dell'impresa ospedaliera. Un discorso che richiede una migliore considerazione da parte del personale medico. Da allora, è stata una delusione. Durante il Grande dibattito, non è stata organizzata alcuna discussione in materia di salute. È stato dalla nostra parte e indipendentemente che lo abbiamo realizzato. Soprattutto, abbiamo visto la sua mancanza di potere nel governo. Lei non è ascoltata. Lei non è influente. Non si pone le domande che dovrebbe porsi se avesse ancora una mente medica.  È diventata un politico. Solo che non è né Robert Debré né Smone Veil”

20 gennaio 2020
© Riproduzione riservata


Altri articoli in Cronache

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
iPiùLetti [7 giorni] [30 giorni]
1  
2  
3  
4  
5  
6  
7  
8  
9  
10  
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Via Boncompagni, 16
00187 - Roma

Via Vittore Carpaccio, 18
00147 Roma (RM)


Direttore responsabile
Cesare Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Presidente e AD
Vincenzo Coluccia

Direttore generale
Ernesto Rodriquez

Redazione
Tel (+39) 06.59.44.62.23
Tel (+39) 06.59.44.62.26
Fax (+39) 06.59.44.62.28
redazione@qsedizioni.it

Pubblicità
Tel. (+39) 06.89.27.28.41
commerciale@qsedizioni.it

Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy