Quotidiano on line
di informazione sanitaria
11 DICEMBRE 2016
Governo e Parlamento
segui quotidianosanita.it

Def 2015. Renzi: “In sanità è ora di applicare i costi standard. Sia ai prezzi che a poltrone Asl”. TUTTI I DOCUMENTI APPROVATI

Arrivato nella notte il sì senza sorprese al Documento di economia e finanza. Il premier ha rassicurato che "non ci saranno nuove tasse". Ma in sanità "ci sono troppe poltrone. Non è normale che ci siano regioni con 7 province e 22 Asl. E poi è ora che una siringa costi veramente uguale dalla Calabria alla Lombardia". Con Chiamparino "stiamo già lavorando tramite il Mef e la Salute". Confermata la presenza di un margine nei conti pubblici di 1,6 miliardi, "ma non è il Def la cornice per decidere come spenderli"

11 APR - “Il Def verrà trasmesso a Camera, Senato e presidenza della Repubblica sulla base delle cifre che già conoscete”. Ha esordito così il premier, Matteo Renzi, nella conferenza stampa al termine del Consiglio dei ministri che ha approvato il documento. “Non ci sono nuove imposte – ha sottolineato – anzi è finito il tempo delle tasse da aumentare. I sacrifici non dovranno più farli i cittadini, ma qualche politico o amministratore a vari livelli”.

Troppe poltrone nella sanità. Rispondendo a una domanda sulla richiesta di incontro da parte del presidente delle Regioni Sergio Chiamparino, Renzi ha prima ricordato che le Regioni si stanno già confrontando soprattutto sulla sanità con il Mef e con il Ministero della Salute. E in proposito il premier si è chiesto se possa essere considerato normale "Che ci siano regioni con 7 province e 22 Asl". "E’ davvero un’esagerazione", ha detto Renzi, è ora di applicare veramente i costi standard, alle poltrone, riducendo il numero di manager e ai prezzi dei beni sanitari". "La famosa siringa, che deve veramente costare uguale dalla Calabria alla Lombardia”. Ma tutto questo, ha detto Renzi, è il "Patto per la Salute sul quale siamo appunto impegnati con le Regioni". 

In ogni caso, tornando alla richiesta di incontro di Chiamparino, Renzi ha comunque ricordato che “nei prossimi giorni sono previsti tavoli tecnici con le Regioni e, successivamente, se ci sarà bisogno incontreremo nuovamente Chiamparino che è un amico e una persona seria”. Nel complesso il premier ha garantito che “non è previsto alcun aumento di tasse per le Regioni e con esse non esiste alcun problema se non quella di scremare il numero di poltrone per migliorare le performance ospedaliere”.
 
Il "tesoretto". "Non c'è nessun tesoretto - scherza Renzi con i giornalisti, ricordando il tormentone della giornata - semplicemente il quadro generale ci consegna margini per 1,6 miliardi di euro. Non è tuttavia il Def la cornice adatta a stabilire come spenderli. Nel corso delle prossime settimane decideremo dove indirizzare questa cifra in base agli spazi che ci sono”. Risorse che, secondo le ultime indiscrezioni, dovrebbe essere convogliate a sostegno del welfare.
 
Gennaro Barbieri

11 aprile 2015
© Riproduzione riservata


Altri articoli in Governo e Parlamento

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Via Boncompagni, 16
00187 - Roma

Via Vittore Carpaccio, 18
00147 Roma (RM)


Direttore responsabile
Cesare Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Direttore generale
Ernesto Rodriquez

In redazione
Lucia Conti
Luciano Fassari
Ester Maragò
Giovanni Rodriquez

Collaboratori
Eva Antoniotti (Ordini e professioni)
Gennaro Barbieri (Regioni)
Ivan Cavicchi (Editorialista)
Fabrizio Gianfrate (Editorialista)
Ettore Mautone (Campania)
Maria Rita Montebelli (Scienza)
Claudio Risso (Piemonte)
Edoardo Stucchi (Lombardia)
Vincino (Vignette)

Contatti
info@qsedizioni.it


Pubblicità
Tel. (+39) 02.28.17.26.15
(numero unico nazionale)
commerciale@qsedizioni.it

Redazione
Tel (+39) 06.59.44.62.23
Tel (+39) 06.59.44.62.26
Fax (+39) 06.59.44.62.28
redazione@qsedizioni.it

Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy