Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Lunedì 18 GENNNAIO 2021
Governo e Parlamento
segui quotidianosanita.it

Medici e infermieri. Perché si è persa la volontà del confronto

di Annalisa Silvestro

L’ultimo scontro si sta consumando sul servizio di See&Treat di Roma. Da una parte azienda sanitaria e Ipasvi e dall’altra Ordine e sindacati medici. Ma il disseminare sospetti e aumentare la sfiducia nelle istituzioni è pericoloso e rischia di contribuire a segare il ramo dell'albero su cui siamo seduti insieme ai cittadini e alle loro aspettative

15 APR - Stiamo assistendo in questi giorni all’ennesimo e improduttivo scontro tra professioni: da una parte gli infermieri che assistono in base ai loro contenuti professionali e coerentemente con il quadro giuridico del nostro Paese; dall’altra i medici che contestano con forza scelte di programmazione e organizzazione sanitaria che valorizzano le capacità, l'esperienza e l'upgrading formativo e gestionale degli infermieri stessi. 
Pare proprio non esserci alcuna volontà di un confronto costruttivo.
 
Alzare il tono della polemica non giova a nessuno; i toni alti favoriscono unicamente le frange oltranziste delle due famiglie professionali. Frange che non vogliono confrontarsi sui problemi quotidiani, sulla necessità ineludibile del sistema di innovarsi ed evolvere e di dare risposte appropriate, rapide e razionali agli assistiti e ai cittadini che accedono ai servizi sanitari.  
 
E di nuovo (perché alle volte ritornano...) l'oggetto del contendere è il modello organizzativo "See&Treat" che, in questo caso, è sceso in Lazio ed è stato fatto proprio dall'ASL Roma C.  L'obiettivo del "See&Treat" è quello di snellire i flussi dei cittadini nei Pronto soccorso e di garantire una presa in carico rapida, perita ed adeguata a coloro a cui sono stati attribuiti dall'infermiere "triagista" codici di medio alta gravità e superare le lunghe attese per tutti gli altri.

Protocolli elaborati e condivisi da medici e da infermieri con una formazione ad hoc per questi ultimi al fine di strutturare e rafforzare ulteriormente la loro specifica esperienza, sono la base del "See&Treat" che ha garantito buoni risultati e soddisfazione a cittadini e professionisti lì dove è utilizzato
 
Ma il Presidente dell'Ordine dei medici di Roma - insieme a numerose sigle sindacali di tutte le origini - contesta l'idea “di attrarre pazienti in una struttura e in un contesto operativo senza i requisiti necessari a prendere in carico quelle presunte ‘urgenze minori’ che all'atto pratico non dovessero rivelarsi tali, sia sul momento della valutazione sia dopo l’avvenuta dimissione”. 
 
E ritornano - dai remoti tempi del profilo professionale, anno domini 1994 - le preoccupazioni che gli infermieri nuocciano ai pazienti, che siano incapaci, irresponsabili e operativi in una specie di deserto dei Tartari. 
 
Bene ha fatto la Presidente del Collegio Ipasvi della capitale ad invitare tutti ad abbassare i toni, a non diffondere ingiustificati allarmi e a non seminare sfiducia tra i cittadini, ma soprattutto bene ha fatto a ribadire la piena disponibilità a un confronto aperto e propositivo a cui, io, aggiungo l'invito a che il confronto sia scevro da posizioni ideologiche.
 
Le grida manzoniane non hanno salvato nessuno dalla peste. I professionisti della sanità si siedano a un tavolo e decidano e propongano assieme le vie migliori per garantire ai pazienti la migliore assistenza.  Il disseminare sospetti e aumentare la sfiducia nelle istituzioni è pericoloso e rischia di contribuire a segare il ramo dell'albero su cui siamo seduti insieme ai cittadini e alle loro aspettative.
 
Deve essere impegno di tutti evitare di  rendere tesi i rapporti inter professionali e i rapporti tra i cittadini e le strutture sanitarie nelle quali dovrebbero trovare serenità e le risposte migliori e più tempestive ed appropriate ai loro bisogni di salute.  
 
Annalisa Silvestro
Senatrice Pd e membro del Comitato centrale della Federazione Ipasvi

15 aprile 2015
© Riproduzione riservata


Altri articoli in Governo e Parlamento

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Via Boncompagni, 16
00187 - Roma

Via Vittore Carpaccio, 18
00147 Roma (RM)


Direttore responsabile
Cesare Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Presidente e AD
Vincenzo Coluccia

Direttore generale
Ernesto Rodriquez

Redazione
Tel (+39) 06.59.44.62.23
Tel (+39) 06.59.44.62.26
Fax (+39) 06.59.44.62.28
redazione@qsedizioni.it

Pubblicità
Tel. (+39) 06.89.27.28.41
commerciale@qsedizioni.it

Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy