Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Martedì 04 AGOSTO 2020
Governo e Parlamento
segui quotidianosanita.it

Leopolda. Renzi vuole subito il biotestamento: “Ci sono i numeri”. E non esclude il ricorso alla fiducia: “Sono favorevole a metterla, ma la scelta spetta a Gentiloni”

di G.R.

"Dobbiamo approvarlo perché è giusto, senza trasformarlo in un terreno di scontro tra i partiti", spiega Renzi. Il via libera al provvedimento viene sollecitato non solo da Pisapia e Bonino come viatico per una futura alleanza elettorale, ma anche da una parte del fronte dell'opposizione, in particolare dal M5S. È dunque possibile un'allenza trasversale in Aula. Ma il vero scoglio resta il fattore tempo, dal momento che il segretario PD non rinuncia all'idea di andare alle elezioni a marzo.

25 NOV - "Credo che sul fine vita ci siano i numeri in Parlamento e che la maggioranza del mondo cattolico sia d'accordo". Così Matteo Renzi, nel discorso inaugurale alla Leopolda, tenta lo sblocco del provvedimento approvato alla Camera lo scorso aprile e fermo ormai da mesi al Senato.
 
"Dobbiamo approvarlo perché è giusto, senza trasformarlo in un terreno di scontro tra i partiti", spiega Renzi. Il via libera al provvedimento viene sollecitato non solo da Pisapia e Bonino come viatico per una futura alleanza elettorale, ma anche da una parte del fronte dell'opposizione, in particolare dal M5S. Per questo la sua approvazione è tutt'altro che inverosimile, vista la possibile maggioranza trasversale in Aula.
 
Ma il segretario Pd va oltre e non esclude il possibile ricorso alla fiducia. "Si può vincere con la fiducia. Io l'ho messa sulle unioni civili, quindi sono favorevole a metterla. Ma la scelta è di Gentiloni e noi lo appoggeremo qualsiasi cosa decida di fare". Il vero grande scoglio da superare resta però il fattore tempo, dal momento che Renzi non rinuncia all'idea di andare alle elezioni a marzo. Non a caso, il decreto Milleproroghe solitamente presentato a fine anno, questa volta è stato anticipato da un emendamento del Governo e confluirà direttamente in legge di Bilancio. Come già preannunciavamo ieri, l'ennesimo segnale inequivocabile della volontà di sciogliere le Camere già a dicembre. 

 
In questo caso, l'unica strada da percorrere per tradurre in legge il testamento biologico è quella di una rapida approvazione in Aula del testo già licenziato dalla Camera. I tempi, seppur molto stretti, ci sono. Vedremo se ci sarà anche la volontà politica di farlo.
 
Giovanni Rodriquez

25 novembre 2017
© Riproduzione riservata


Altri articoli in Governo e Parlamento

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Via Boncompagni, 16
00187 - Roma

Via Vittore Carpaccio, 18
00147 Roma (RM)


Direttore responsabile
Cesare Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Presidente e AD
Vincenzo Coluccia

Direttore generale
Ernesto Rodriquez

Redazione
Tel (+39) 06.59.44.62.23
Tel (+39) 06.59.44.62.26
Fax (+39) 06.59.44.62.28
redazione@qsedizioni.it

Pubblicità
Tel. (+39) 06.89.27.28.41
commerciale@qsedizioni.it

Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy