Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Martedì 23 APRILE 2019
Governo e Parlamento
segui quotidianosanita.it

Deroga iscrizione Ordine. Simfer e Sirn a Conte: “Si riconosce e legalizza chi ha esercitato abusivamente una professione”

Così il Presidente della Società italiana di medicina fisica e riabilitativa, Pietro Fiore e del Presidente della Società italiana di riabilitazione neurologica, Carlo Cisari, in una lettera indirizzata al premier Conte. "Il rischio di 'sanare' attività abusive è elevatissimo e non coerente con il dovere dello Stato che è quello di garantire la salute dei cittadini attraverso la formazione e la valutazione degli operatori autorizzati". LA LETTERA

28 DIC - "Questo emendamento, volto a evitare che 'professionisti di riconosciuta competenza perdano il posto di lavoro' (come dichiarato dallo stesso Ministro dr.ssa Grillo) di fatto riconosce e legalizza chi ha esercitato abusivamente una professione. Ora, a quanto si può evincere dalla semplice lettura del capitolo specifico del cosiddetto maxi emendamento in corso di valutazione in Parlamento, il rischio di 'sanare' attività abusive (cioè di continuare a esercitare senza idoneo titolo di studio) è elevatissimo e non coerente con il dovere dello Stato che è quello di garantire la salute dei cittadini attraverso la formazione e la valutazione degli operatori autorizzati".
 
Così il Presidente della Società italiana di medicina fisica e riabilitativa, Pietro Fiore e del Presidente della Società italiana di riabilitazione neurologica, Carlo Cisari, in una lettera indirizzata al presidente del Consiglio, Giuseppe Conte.
 
"Le chiediamo pertanto, sig Presidente, di valutare i pericoli per la salute dei cittadini e per l’intero sistema sanitario nell’approvare una simile deroga al principio del possesso delle competenze necessarie e quindi del titolo di studio specifico per esercitare una professione sanitaria qual essa sia, e non può certo essere una certificazione di una vera e propria 'attività abusiva' (e pertanto illegale) a sostituirsi a quanto richiesto dalla nostra stessa Costituzione quando all’articolo 32 afferma che 'La Repubblica tutela la salute come fondamentale diritto dell'individuo e interesse della collettiità'", conclude la lettera.

28 dicembre 2018
© Riproduzione riservata


Altri articoli in Governo e Parlamento

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Via Boncompagni, 16
00187 - Roma

Via Vittore Carpaccio, 18
00147 Roma (RM)


Direttore responsabile
Cesare Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Direttore generale
Ernesto Rodriquez

Redazione
Tel (+39) 06.59.44.62.23
Tel (+39) 06.59.44.62.26
Fax (+39) 06.59.44.62.28
redazione@qsedizioni.it

Pubblicità
Tel. (+39) 06.89.27.28.41
commerciale@qsedizioni.it

Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy