Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Giovedì 08 DICEMBRE 2016
Lavoro e Professioni
segui quotidianosanita.it

Se il “podologo” fa il medico. Un parere del Css che fa discutere 

Nell’ottobre 2011 il Consiglio superiore di sanità diceva sì alla prescrizione di ortesi per il piede da parte del podologo. Una decisone che suscita molte perplessità tra gli addetti. Ma il mistero della Salute liquida la questione: "Nulla da aggiungere rispetto a quanto scritto nel parere del Css".

20 LUG - La polemica è rimasta fin'ora sotto traccia. Circoscritta a un carteggio voluminoso tra addetti ai lavori e ministero della Salute. Ma la possibilità di fare prescrizioni mediche affidata anche ai podologi da un parere del Consiglio superiore di sanità è di quelle destinata a esplodere.

I fatti. Il caso nasce nel 2011, quando al ministero della Salute viene chiesto di pronunciarsi sulla presunta sovrapposizione di competenze tra tecnici ortopedici e podologi in relazione all’esecuzione di calchi e alla realizzazione di ortesi, cioè quei dispositivi di uso esterno utilizzati per modificare le caratteristiche strutturali o funzionali dell’apparato neuro-muscolo-scheletrico che, nel caso specifico, si traducono in plantari e rialzi per il trattamento dei disturbi del piede.

Sulla questione si era già pronunciato, nel 2004 il Tar del Lazio. Con la sentenza n. 11517 in materia di competenze del tecnico ortopedico e del podologo, i giudici avevano ribadito come la metodologia censurata nel caso (il baropodometro) fosse “un pezzo complementare a un iter che passa attraverso una diagnosi e una prescrizione del medico specialista per ogni tipologia di menomazione”.


Chiesto il parere al Consiglio superiore di sanità, quest’ultimo si pronuncia il 18 ottobre 2011, chiarendo che “l’ortesi del piede è fabbricata sulla base della prescrizione di un medico debitamente qualificato o da un podologo”. Si autorizza così il podologo a prescrivere il dispositivo medico.
La decisione non piace ai tecnici ortopedici che sollecitano ulteriori chiarimenti al ministero, sottolineando anche alcune perplessità sulla corretta interpretazione del parere del Css. L’organo di consulenza del ministero della Salute, infatti, in un altro passaggio del parere, sembrerebbe smentire la possibilità dei podologi di effettuare prescrizioni o almeno di volerne limitare lo spettro di applicazione.

Riferendosi ai disturbi del piede il Css afferma che questo disturbo “può dipendere sia da cause intrinseche (patologie interne al piede, di natura congenita o acquisita) che da cause estrinseche (patologie strutturali e/o funzionali del rachide lombare, dell’anca e del ginocchi ecc.). Nel secondo caso la competenza è affidata al “medico specialista, con eventuale coinvolgimento di figure sanitarie di area tecnico-assistenziale e/o area tecnico riabilitativa”. Nel primo caso, invece, quello per “cause intrinseche, il Ccs ritiene che la competenza, “se il trattamento è incruento”, debba essere del podologo, che “lo stesso possa prescrivere e trattare il piede doloroso per cause intrinseche con ortesi finalizzate alla soluzione del problema e che il tecnico ortopedico possa realizzare tali ortesi su prescrizione medica”.

Se dunque appare chiaro che la fabbricazione del dispositivo spetti al tecnico ortopedico, meno chiaro è se il tecnico ortopedico debba agire solo sulla base della prescrizione rilasciata dal medico o anche della prescrizione a firma del podologo, che comunque viene autorizzato a prescrivere l’ortesi. In ciascuno dei casi citati resta inoltre da capire a quale professionista sia affidata la diagnosi.

Insomma una querelle tutta da chiarire sulla quale il sipario è tutt’altro che calato, anche se da parte del ministero la questione si vorrebbe chiudere. “Rispetto al parere del Css non abbiamo nulla da aggiungere”, avrebbe infatti risposto la direzione generale competente del ministero alle numerose sollecitazioni dei tecnici ortopedici.
 

20 luglio 2012
© Riproduzione riservata


Altri articoli in Lavoro e Professioni

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Via Boncompagni, 16
00187 - Roma

Via Vittore Carpaccio, 18
00147 Roma (RM)


Direttore responsabile
Cesare Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Direttore generale
Ernesto Rodriquez

In redazione
Lucia Conti
Luciano Fassari
Ester Maragò
Giovanni Rodriquez

Collaboratori
Eva Antoniotti (Ordini e professioni)
Gennaro Barbieri (Regioni)
Ivan Cavicchi (Editorialista)
Fabrizio Gianfrate (Editorialista)
Ettore Mautone (Campania)
Maria Rita Montebelli (Scienza)
Claudio Risso (Piemonte)
Edoardo Stucchi (Lombardia)
Vincino (Vignette)

Contatti
info@qsedizioni.it


Pubblicità
Tel. (+39) 02.28.17.26.15
(numero unico nazionale)
commerciale@qsedizioni.it

Redazione
Tel (+39) 06.59.44.62.23
Tel (+39) 06.59.44.62.26
Fax (+39) 06.59.44.62.28
redazione@qsedizioni.it

Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy