Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Mercoledì 18 SETTEMBRE 2019
Lavoro e Professioni
segui quotidianosanita.it

Le donne in sanità e la questione “relazione”

La relazione non è quello che pensano gli umanizzatori della domenica cioè amabilità deontologica ma  è il mezzo  attraverso il quale  è possibile  ripensare conoscenza/prassi e clinica. E non è un “vezzo” delle donne medico

31 LUG - La questione che dal convegno di Cagliari sul cancro della mammella è presente come  “basso continuo” in tutti gli interventi della discussione (Orrù, Sarobba, Calvisi, Nonnis, Mazzei, Ferrari) è senz'altro la relazione. Titti Mazzei cita una letteratura che dimostrerebbe come un numero significativo di donne medico siano denotabili proprio dalla relazione. Perché questo? Sino ad ora le spiegazioni correnti si sono rifatte all'indole, a qualità innate, e in qualche caso al “lavoro di cura” come se la relazione  fosse una “specialità” di genere. Certe componenti antropologiche predisponenti,in certe donne medico, non possono a priori essere escluse  ma nello stesso tempo è difficile dimostrare che basta il genere in se a fare relazioni.

 
Dire che tutte le donne sono “relate” è una induzione rischiosa. Possibile mai che al mondo non vi sia neanche una donna medico  irrelata e neanche un maschio medico relato?  Ma evitare le fallacie  dell'induttivismo di genere  non significa che non possiamo dedurre da una caratteristica tendenzialmente dominante, come quella di costruire relazioni, donne medico in carne ed ossa, come quelle che su questo giornale sono intervenute, per le quali il loro genere sia implicato strettamente con la relazione. E né possiamo escludere che vi siano maschi medici a loro volta sensibili alle relazioni. Personalmente penso, prima di tutto, che la relazione sia soprattutto un mezzo  per praticare una certa medicina e non un fine deontologico  come sento dire continuamente nei convegni.
 
Per chi vuole conoscere e curare “qualcosa e qualcuno in un contesto”  quindi il “superoggetto”, come si è detto a Cagliari, la relazione  è di fatto obbligatoria.  Concordo con  Titti Mazzei, che  la relazione è uno strumento  usato più dalle donne che dagli uomini perché certe  donne hanno una idea “complessa” di medicina. Le ontologie complesse  non si possono conoscere se non attraverso delle relazioni. E i sistemi di cura tarati su quelle ontologie  a loro volta non possono che  essere  sistemi relazionali.
 
La relazione quindi non è quello che pensano gli umanizzatori della domenica cioè amabilità deontologica ma  è il mezzo  attraverso il quale  è possibile  ripensare conoscenza/prassi e clinica. Rammento che  la conoscenza clinica è una “conoscenza irrelata” che si basa sul ri-conoscimento della malattia di un organo attraverso i  sintomi, quindi sull'osservazione e gioco forza sulla giustapposizione  tra il medico che osserva e l'organo osservato.Organizzare relazioni in luogo delle giustapposizioni, come fanno molte donne medico, è un atto di riforma importante  che cambia l'organizzazione delle prassi. Per non farla tanto lunga, avendo affrontato  la questione  altrove (La clinica e la relazione  Bollati Boringhieri 2004), mi limito a delle sottolineature: 
• la relazione è ciò che inter-corre tra il medico  e il malato, essa  ha una forma binaria interdipendente nella quale colui che osserva e colui che è osservato sono reciprocamente implicati;
• in una relazione di cura  il  malato è relativo al medico “come a sua causa” e viceversa cioè  sono correlabili quindi  la conoscenza del malato dipende  anche da chi e da come si conosce il malato;
• una relazione di cura  è eccentrica (senza un centro) nel senso che in essa non esistono più criteri assoluti, unici o prioritari di riferimento come in genere sono le evidenze scientifiche ma una molteplicità di altri generi di evidenze. Oltre ai significati clinici esiste anche l'opinione del malato,il senso che lui attribuisce alla propria malattia, la personalità della persona, il suo contesto di vita. Cioè oltre a “qualcosa” c'è sempre “qualcuno”. Le relazioni sono “eccentriche” perché esse sono come gli snodi  autostradali…interconnettono tante strade cioè tutte  le possibilità di un viaggio. Eccentricità quindi non centralità;
• nella relazione  i modelli e le procedure  vanno reinterpretati perchè inevitabilmente si pone una questione di personalizzazione della cura;
• nella relazione è importante tanto la  conoscenza scientifica che  la sensibilità ontologica. Si tratta dicapire cosa esiste in un malato e chi è e quindi quali conoscenze scientifiche  sono ammissibili, cosa è meglio  fare e cosa è meglio non fare;
• la relazione risolve il paradosso di una informazione e di una comunicazione senza linguaggio, tipico di certa manualistica che riduce tutto a tecniche comunicative, a messaggi da trasmettere, a informazioni da dare, senza comprendere il valore conoscitivo del linguaggio. In una relazione il linguaggio è parte  della cura .
 
La relazione quindi non è un vezzo culturale delle donne medico,  ma qualcosa che proprio come qualsiasi mezzo va organizzato. Ripensare le ontologie  dell'organo  significa, come si è detto a Cagliari, definire  “il miglior percorso per la cura integrata della neoplasia della mammella” cioè:
• se vogliamo  cambiare l'ontologia del malato,dobbiamo avere relazioni con il malato;
• per avere relazioni con il malato dobbiamo avere con lui relazioni di cura inter-professionali.
 
In sintesi:
• senza relazioni  non si cambia  un fico secco;
• le relazioni rappresentano un pensiero riformatore  eccentrico cioè complesso.
 
Molte sono le donne che praticano nonostante tutto  una “medicina eccentrica” sempre più sono le donne  che entrano in  Parlamento, nel governo, nelle regioni, nelle aziende, ma che non sono per niente “eccentriche”. In futuro credo che  questa sia la contraddizione da rimuovere.
 
Ivan Cavicchi
 
Vedi articolo precedente di Ivan Cavicchi sullo stesso tema

31 luglio 2013
© Riproduzione riservata


Altri articoli in Lavoro e Professioni

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Via Boncompagni, 16
00187 - Roma

Via Vittore Carpaccio, 18
00147 Roma (RM)


Direttore responsabile
Cesare Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Direttore generale
Ernesto Rodriquez

Redazione
Tel (+39) 06.59.44.62.23
Tel (+39) 06.59.44.62.26
Fax (+39) 06.59.44.62.28
redazione@qsedizioni.it

Pubblicità
Tel. (+39) 06.89.27.28.41
commerciale@qsedizioni.it

Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy