Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Lunedì 27 GIUGNO 2016
Lavoro e Professioni
segui quotidianosanita.it

I “demoni” di Barbara Mangiacavalli

Sono gli errori che sono stati commessi fino ad ora e dei quali certamente chi l'ha preceduta alla guida dell'Ipasvi (Silvestro), se non altro per motivi di ruolo, è la prima responsabile e che Mangiacavalli, anche con una certa compiacenza, eredita (altrimenti non sarebbe potuta diventare presidente)

12 OTT - Deve essersi sentita tradita, Barbara Mangiacavalli, quando Lorenzin, per  arruffianarsi  ai medici di medicina generale, non ha esitato a rimangiarsi  il comma 566. Ma forse per lei  e per i suoi sodali, cioè le confederazioni sindacali,  è arrivato il momento di farsi due conti e di prendere atto che, proprio la politica che tanto li ha  illusi e ingannati  ormai ha voltato loro le spalle.
 
Ora, che i medici si stanno riconquistando  legittimamente  tutto lo spazio politico disponibile proponendosi come unici interlocutori del governo, all’insegna della ricostruzione della loro centralità perduta, la partita del comma 566 da tempo finita su un binario morto è definitivamente chiusa.
 
La mia battuta sull’ausiliarietà politica degli infermieri (QS  28 settembre 2015) voleva  segnalare a Mangiacavalli due rischi:

· quello per la professione  di restare fuori dalla festa, cioè di essere esclusi dalla mobilitazione per difendere la sanità pubblica  e quindi dal  confronto con il governo,
· quello di una regressione  professionale  cioè il passaggio de facto da una post ausiliarietà (l’infermiere dopo la L 42) ad una neoausiliarietà(l’infermiere come era prima della  L42 e dopo il fallimento del comma 566) cioè da una possibilità ad una impossibilità.
Per me:
· è un errore che l’Ipasvi  non scenda in campo per proporre a sua volta uno sciopero della sanità, con lo scopo di configurarsi  a sua volta come un soggetto negoziale  contro le politiche contro riformatrici del governo,
· è un errore non aver messo mano da subito  dopo il cambio di presidenza alla convocazione  degli stati generali  degli infermieri per ridefinire la propria strategia (una proposta che come è noto è stata avanzata lasciamo perdere da chi in tempi non sospetti),
· è un errore che l’Ipasvi  impegni quelle poche energie che le sono rimaste in una causa persa come è il comma 566.
 
A queste obiezioni regolarmente mi viene risposto che Mangiacavalli ha il problema di Silvestro, cioè non ha le mani libere, che addirittura rischia la testa, che è ostaggio dei rapporti di forza a lei sfavorevoli,  ecc. Anzi l’altro giorno uno dell’ambiente con  sarcasmo mi ha detto: “Mangiacavalli ogni giorno deve andare dall’osteopata  a farsi curare la spalla perché sopra c’ha un gattone di almeno  50 chili che non la lascia mai”. In quel momento  mi sono ricordato  un detto latino “daemonium vendit, qui daemonium prius emit” (chi compra un demonio può solo vendere  quel demonio).
 
Ma caspita può Silvestro essere definita come un demonio? Suvvia  non esageriamo! Da parte mia  l’ho definita (quando discutevamo di 566) un santo in paradiso  che prometteva miracoli senza farli, ma un demonio mai. E non ho cambiato idea oltre tutto effettivamente la presunta santa  non  solo non ha fatto miracoli  ma rispetto alla sua professione  ha fatto solo casini e pasticci.  
 
Ma allora chi è il demonio con il quale Mangiacavalli deve fare i conti? Per me questo demonio sono gli errori che sono stati commessi fino ad ora e dei quali certamente Silvestro, se non altro per motivi  di ruolo, è la prima responsabile e che Mangiacavalli, anche con una certa compiacenza, eredita (altrimenti non sarebbe potuta diventare presidente).  Ma un momento... gli errori semmai sono la conseguenza del demonio e allora se il demonio non è Silvestro … e gli errori sono  solo delle conseguenze chi è il demonio?
 
E’ l’arroganza, la presunzione, l’egoismo, il narcisismo, l’incapacità, una concezione padronale del  potere, il dispotismo da quattro soldi, cioè è tutto quanto una fallimentare classe dirigente ha fatto trasformando  la politica per gli infermieri  in una terrificante rappresentazione dell’assurdo.
 
Vediamoli questi errori politici …se non tutti almeno quelli più importanti:
· a monte di tutto il non essere riusciti a rimuovere con il progetto e una accorta politica di alleanze, l’attuazione della riforma della professione (L 42) fino a celebrarne  proprio con il comma 566  il funerale  mettendola tra parentesi  condannando gli infermieri  a vivere nella post ausiliarietà e nel demansionamento strutturale,
· l’assurda pretesa di sostituire un processo di riforma come è la  42, con la logica del contentino (competenze avanzate),la politica con la furbizia dell’accattonaggio, le alleanze con le spallate e le cordate di partito (tutto il comma 566 è  marcato PD) convinti che bastasse “l’aumme aumme” tra senatori, sottosegretari, ministri, assessori, funzionari , per togliere ai medici un po’ di competenze....quindi la più crassa ignoranza circa le complessità in gioco...e una fraintesa quanto miserabile concezione della politica,
· l’ngenuità di credere che basti scrivere da qualche parte una norma per cambiare il mondo, cioè la  sprovvedutezza di chi pensa  che  la norma sia in quanto tale  autoesplicativa cioè produca nuovi modelli di servizi, nuove organizzazioni del lavoro, nuove relazioni tra professioni quasi per magia ignorando che un modo per barare con il cambiamento è quello di concedere norme senza futuro proprio come il comma 566,
· la stupidità di scrivere un testo come il comma 566 con i piedi  pensando di essere astuti  combinando  frasi e parole senza rendersi conto di aver creato  di fatto un comma autoimmune cioè con dentro le condizioni per essere neutralizzato o comunque per creare confusione, conflitto, problemi seri di interpretazione ecc.,
· l’arroganza di chi  per rigidità e intransigenza non sa valutare le circostanze favorevoli o le mediazioni possibili, come quando  le competenze avanzate ,prima del comma 566, erano state approvate dal ministro e inviate alle istituzioni competenti in un momento in cui i sindacati medici  erano persino disposti a tollerarle o quelle più recenti quando il ministero ha tentato una mediazione sul testo....
· l’errore politico  grave di aver trasferito le competenze avanzate nella legge di stabilità creando il mostro del comma 566 pensando così di mettere tutti in riga....senza rendersi conto che se  il mostro viene sbattuto in prima pagina ,è impossibile non indurre la riprovazione di coloro che da  quel mostro sono minacciati,
· e infine la pratica  oscurantista  di perseguitare il pensiero, le idee, la diversità politica, la critica, la capacità di mobilitazione (Nursind), per mantenere gli infermieri in un enclave di arretratezza  intellettuale e continuare ad opprimerli con i piccoli poteri dei piccoli potentati che come piccole  cozze restano attaccati ai loro piccoli scogli  per non rinunciare alle loro piccole guarentigie.
 
Tutto questo è il demonio con il quale Barbara Mangiacavalli deve fare i conti. Lei, oltre ad ereditare pesanti errori dei quali incredibilmente nessuno risponde (oggi visto che le cose si sono messe male,  nessuno è disposto a rivendicare la paternità o la maternità del comma 566), eredita odi, risentimenti, rancori che non le appartengono, e che rischiano di vanificare la novità ma anche la speranza  che lei come presidente per questa tormentata professione rappresenta.
Il comma 566 è morto, ucciso da coloro che lo hanno creato e voluto. Gli infermieri   sono stati ingannati, a mani vuote oggi la professione non ha nessuna strategia  e in un momento in cui Dio solo sa quanto ne avrebbero bisogno.Daemonium vendit, qui daemonium prius emit.
 
Ivan Cavicchi

12 ottobre 2015
© Riproduzione riservata


Altri articoli in Lavoro e Professioni

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Via Boncompagni, 16
00187 - Roma

Via Vittore Carpaccio, 18
00147 Roma (RM)


Direttore responsabile
Cesare Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Direttore generale
Ernesto Rodriquez

In redazione
Lucia Conti
Luciano Fassari
Ester Maragò
Giovanni Rodriquez

Collaboratori
Eva Antoniotti (Ordini e professioni)
Gennaro Barbieri (Regioni)
Ivan Cavicchi (Editorialista)
Fabrizio Gianfrate (Editorialista)
Ettore Mautone (Campania)
Maria Rita Montebelli (Scienza)
Claudio Risso (Piemonte)
Viola Rita (Scienza)
Edoardo Stucchi (Lombardia)
Vincino (Vignette)

Contatti
info@qsedizioni.it


Pubblicità
Tel. (+39) 02.28.17.26.15
(numero unico nazionale)
commerciale@qsedizioni.it

Redazione
Tel (+39) 06.59.44.62.23
Tel (+39) 06.59.44.62.26
Fax (+39) 06.59.44.62.28
redazione@qsedizioni.it

Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy