Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Mercoledì 30 NOVEMBRE 2022
Lavoro e Professioni
segui quotidianosanita.it

Violenza sulle donne. Ostetriche: “In gravidanza mina anche la salute del feto”


Figli a rischio anche dopo la nascita: "Il partner che abusa della madre ha tra il 40 e il 60% di probabilità di avere comportamenti violenti con i figli”, spiega la Società italiana di Scienze ostetrico-ginecologico-neonatali. Che sottolinea il ruolo fondamentale delle ostetriche per intercettare e prevenire situazioni di maltrattamenti".

26 NOV - Violenza fisica, sessuale, psicologica, verbale, materiale, imposizione di relazioni deprivanti, umilianti e/o destrutturanti, isolamento, screditamento ecc. Sono fenomeni “non così infrequenti anche nelle donne in gravidanza”, ed assumono “un particolare rilievo in quanto le persone offese sono due: la gestante ed il feto”. A lanciare l’allarme sulla violenza in gravidanza è la Syrio, Società italiana di Scienze ostetrico-ginecologico-neonatali, che sottolinea come esista, peraltro, una relazione tra violenza in gravidanza e rischio di abuso sui figli: “Il partner che abusa della madre ha probabilità di avere un comportamento violento con i figli in una percentuale che oscilla tra il 40% ed il 60%”. “Le ostetriche nel mondo si trovano in prima linea nell’affrontare secondo un approccio olistico, i bisogni di salute di donne maltrattare e abusate”.

Per la presidente di Syrio, Miriam Guana, le ostetriche giocano infatti “un ruolo fondamentale nella prevenzione degli abusi, intercettando situazioni di maltrattamenti o violenze, in particolare da parte di coloro che lavorano nei consultori o presso il domicilio delle gravide e delle puerpere. L’impegno delle ostetriche è anche quello di valorizzare, sostenere l’autodeterminazione delle donne, la loro consapevolezza, la loro dignità, valori fondamentali per rafforzare la presa di decisione di denunciare i soprusi subiti in famiglia, o dai loro partner.Le ostetriche sia ospedaliere e sia territoriali si trovano a dover accogliere ed assistere donne che hanno subito violenza, di ogni età, adulte e bambine. In particolare le ostetriche – conclude Guana - entrano in relazione anche con le donne straniere, popolazione femminile ancora più fragile in cui la gestione del problema è più delicato e complesso. Si ricorda che tra le donne straniere il rischio di abuso è ancora più elevato laddove la provenienza da culture in cui la libertà, l’autonomia e la possibilità di autodeterminazione della popolazione femminile risulta decisamente limitata, quando non assente”.
 

26 novembre 2015
© Riproduzione riservata

Altri articoli in Lavoro e Professioni

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Via Giacomo Peroni, 400
00131 - Roma

Via Vittore Carpaccio, 18
00147 Roma (RM)


Direttore responsabile
Cesare Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Presidente
Ernesto Rodriquez

Redazione
Tel (+39) 06.59.44.62.23
Tel (+39) 06.59.44.62.26
Fax (+39) 06.59.44.62.28
redazione@qsedizioni.it

Pubblicità
Tel. (+39) 06.89.27.28.41
commerciale@qsedizioni.it

Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy