Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Martedì 18 GIUGNO 2019
Lavoro e Professioni
segui quotidianosanita.it

Al via il X Congresso Nazionale Fimp. Attenzione per i primi 1000 giorni

"1000 Giorni (Più)" è il titolo del Congresso Nazionale della Fimp, ospitato al Centro Congressi di Pisa fino al 1 ottobre. I fattori che possono influenzare l'andamento dei primi 1000 giorni sono diversi. Oltre a quelli genetici, grande importanza rivestono quelli ambientali, come i cattivi stili di vita alimentari, l'esposizione al fumo di sigaretta e all'alcol oppure l'inquinamento

29 SET - "Le basi per una vita sana - comunicano in una nota dalla Fimp - vanno gettate già prima della nascita e nei primi anni del bambino. I cosiddetti "primi 1000 giorni", finestra temporale che va dal concepimento ai primi 24 mesi, offrono un’opportunità unica per prevenire malattie croniche. Le condizioni di vita in utero e nei primi due anni sono ampiamente correlate con l’epidemia di malattie croniche non infettive che colpisce tutto il mondo. Parliamo in particolare di obesità, diabete, ipertensione, malattie del cuore. Ma il periodo perinatale influenza anche il rischio di allergie, i disturbi dello spettro autistico, patologie neurologiche ed endocrine".

"1000 Giorni (Più)" è il titolo del Congresso Nazionale della Fimp, ospitato al Centro Congressi di Pisa fino al 1 ottobre. "In questa ristretta finestra temporale - spiega Giampietro Chiamenti, Presidente della Fimp - si potrebbero realizzare una serie di interventi in grado di influenzare la qualità della salute futura intervenendo sullo sviluppo e sul potenziale cognitivo. Ciò che accade durante la gravidanza e durante questi primi anni sensibili avrà effetti a breve e lungo termine".


Fimp ha deciso di dedicare particolare attenzione a questi temi. "Sappiamo che lo sviluppo del bambino - ricorda Giuseppe Di Mauro, Segretario alle Attività scientifiche di Fimp -  non è determinato solo dal suo DNA, ma anche da una complessa interazione del patrimonio genetico con l’ambiente. I pediatri della Fimp sono parte integrante della Human Early life Prevention, la Consensus HELP su prevenzione precoce delle malattie non trasmissibili e promozione di un corretto sviluppo neurocognitivo, promossa dalla Sipps in collaborazione con la Fimp".

"I fattori che possono influenzare l'andamento dei primi 1000 giorni - fanno sapere dalla Fimp -, con effetti a lungo termine sulla salute, sono diversi. Oltre a quelli genetici, grande importanza rivestono quelli ambientali, indotti da nostri comportamenti, come i cattivi stili di vita alimentari, l'esposizione al fumo di sigaretta e all'alcol; o derivanti dai luoghi in cui viviamo, come nel caso delle sostanze inquinanti (diossine, pesticidi o interferenti endocrini, sostanze che interferiscono con il sistema endocrino). È qui che si colloca l’epigenetica, la scienza che studia i meccanismi che regolano l’attivazione dei nostri geni e le modificazioni ereditabili che variano l’espressione genica pur non alterando la sequenza del nostro DNA".

“Con transizione epidemiologica’- spiega Ernesto Burgio, pediatra componente di Fimp Ambiente, dell'ECERI-European cancer and Environment Research Institute - intendiamo riferirci non soltanto all’aumento drammatico, ma anche l’anticipazione dell’età di esordio di moltissime malattie cronico-degenerative, infiammatorie, tumorali. Appare evidente che una simile, rapidissima trasformazione epidemiologica, che ha colpito negli ultimi decenni il Nord del mondo e che sta dilagando, adesso, anche nel Sud del pianeta, non può avere origini puramente genetiche: nel senso, quantomeno, che la sequenza-base del DNA non muta così rapidamente”. Da qui il secondo concetto di "rivoluzione epigenetic". Nel genoma umano è contenuto soltanto un programma potenziale e le informazioni provenienti dall’ambiente (fin qui enormemente sottovalutato: basti pensare che nella formazione del medico, incredibilmente, l’ambiente e, in particolare l’inquinamento non sono praticamente considerati!) sono fondamentali nel "marcare" il software del DNA, cioè l’epigenoma, modificandone l’espressione e, nella prima fase della vita (nell’embrione e nel feto) persino la programmazione. In questo senso è possibile dire che ogni modifica del nostro fenotipo, tanto fisiologica che patologica, è indotta dall’ambiente, modulata dall’epigenoma, condizionata dal genoma: una vera rivoluzione scientifica, insomma, che ha spostato l’attenzione dei ricercatori dal DNA al suo software epigenetico".

"“In armonia con queste problematiche la Fimp ha dato il via a un progetto di formazione sui temi dell'ambiente - precisa Graziella Sapia, Responsabile dell'Ambiente di Fimp - per i Pediatri di Famiglia Italiani in modo da sensibilizzarli e stimolarli ad un ruolo sempre più attivo a tutela dell'infanzia e adolescenza con interventi mirati sui bambini e sui genitori di educazione e prevenzione”.
 
Lorenzo Proia

29 settembre 2016
© Riproduzione riservata


Altri articoli in Lavoro e Professioni

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Via Boncompagni, 16
00187 - Roma

Via Vittore Carpaccio, 18
00147 Roma (RM)


Direttore responsabile
Cesare Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Direttore generale
Ernesto Rodriquez

Redazione
Tel (+39) 06.59.44.62.23
Tel (+39) 06.59.44.62.26
Fax (+39) 06.59.44.62.28
redazione@qsedizioni.it

Pubblicità
Tel. (+39) 06.89.27.28.41
commerciale@qsedizioni.it

Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy