Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Sabato 18 SETTEMBRE 2021
Lavoro e Professioni
segui quotidianosanita.it

“La sanità non si tocca!”. Sanità pubblica e privata in rivolta. Troise (Anaao): “Il sistema vicino al collasso”. Medici davanti alla Camera: “Governo malato, non va rianimato!”


Si è chiusa la prima parte della giornata di mobilitazione della sanità che si è svolta all'interno di un cinema romano. Centinaia di dirigenti della sanità pubblica e privata si spostano davanti a Montecitorio con le casse dove hanno raccolte oltre 10 mila firme contro le manovre. Segui la diretta.

13 OTT - “Pur consapevoli del difficile quadro internazionale in cui anche l’ultima manovra è stata varata, non possiamo accettare in silenzio inique e pesanti penalizzazioni che, sommate a quelle del 2010 e 2011, fanno dei medici, veterinari e dirigenti del Servizio sanitario nazionale le categorie chiamate a pagare il prezzo più alto, in termini retributivi, previdenziali, normativi e professionali”.
Per questa ragione, ma anche per reclamare l’attenzione che il settore merita a difesa di un sistema salute che garantisca in maniera adeguata la tutela dei cittadini e la dignità professionale degli operatori, le organizzazioni sindacali dei medici, veterinari, dirigenti sanitari, amministrativi, tecnici e professionali che operano nel Servizio sanitario nazionale daranno oggi vita a una manifestazione a Roma che partirà con un confronto a cui parteciperà anche la stampa presso il Cinema Capranica, per poi culminare con un sit in a Montecitorio, dove la delegazione intersindacale porterà con sé le oltre 10.000 firme raccolte attraverso il sito di protesta “Cambiamo la manovra!”.

“Non possiamo che confermare le ragioni di una protesta”, si legge sul manifesto che accompagna l’iniziativa, che continua:


A cominciare dal rivolgimento delle regole Irpef per cui il contributo di solidarietà è chiesto ai soli dipendenti pubblici, in spregio di ogni principio costituzionale di eguaglianza dei cittadini davanti al fisco ed al carattere progressivo della imposizione.
A cui aggiungere punizioni specifiche quali:





Ecco tutti gli interventi della giornata:
 
L'intersindacale scrive a Governo, Parlamento e Regioni: "La sanità è entrata in fase recessiva. Sempre più povera e solo per i poveri".

Cercelletta (Aaroi-Emac): "I pazienti hanno paura come noi"

Masucci (Uil medici): "Bisogna cambiare rotta"

Milillo (Fimmg): “Trattati come manodopera da tagliare”

Cassi (Cimo-Asmd): “Più ruolo e carriere senza politica”

Filippi (medici precari Cgil): "In Italia 10 mila medici sono precari"

Campanozzi (Cimop): “Nella sanità privata medici sottopagati”

Sellini (Aupi): “Brunetta se ne deve andare a casa”

Fini (Smi): “L’emergenza sanitaria territoriale è a rischio”

Di Silverio (Federspecializzandi): "Siamo indignati"

Troise (Anaao): "Ecco perché la sanità sta affossando"



 
 

13 ottobre 2011
© Riproduzione riservata


Gallerie fotografiche:

spacer Immagini dalla manifestazione

Altri articoli in Lavoro e Professioni

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Via Boncompagni, 16
00187 - Roma

Via Vittore Carpaccio, 18
00147 Roma (RM)


Direttore responsabile
Cesare Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Presidente e AD
Vincenzo Coluccia

Direttore generale
Ernesto Rodriquez

Redazione
Tel (+39) 06.59.44.62.23
Tel (+39) 06.59.44.62.26
Fax (+39) 06.59.44.62.28
redazione@qsedizioni.it

Pubblicità
Tel. (+39) 06.89.27.28.41
commerciale@qsedizioni.it

Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy