Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Martedì 29 SETTEMBRE 2020
Lavoro e Professioni
segui quotidianosanita.it

Aggressioni contro medici e insegnanti. Anelli (Fnomceo): “Occorre rispetto, una società che li aggredisce aggredisce se stessa”


Il presidente della Federazione Nazionale degli Ordini dei Medici Chirurghi e degli Odontoiatri  parla di un vero e proprio 'bollettino di guerra', commentando gli ultimi episodi di cronaca registratisi lo scorso fine settimana. "I medici, i docenti sono, come e prima ancora dei cittadini, vittime dei tagli, delle disorganizzazioni, dei malfunzionamenti del sistema e sono dalla loro stessa parte. Perché medici e insegnanti possano esercitare il loro dovere occorre rispetto".

10 APR - Palermo, Napoli, Cerignola (Foggia): è un vero e proprio ‘bollettino di guerra’ la cronaca delle aggressioni contro medici e altri operatori sanitari registrate lo scorso fine settimana. “Stiamo assistendo a un imbarbarimento culturale, legato anche alla perdita di prestigio e del ruolo sociale di alcune figure tradizionalmente considerate autorevoli – osserva Filippo Anelli, presidente della Federazione Nazionale degli Ordini dei Medici Chirurghi e degli Odontoiatri (Fnomceo) -. E, ad essere colpiti, non siamo solo noi medici, noi professionisti della sanità. Vedo un parallelo tra quanto accade a noi e le aggressioni ai docenti e al personale delle scuole: penso ai professori picchiati a Torino e a Palermo, per rimanere alla cronaca di questi ultimi giorni”.
 
“Questi episodi sono frutto di una cultura generalizzata secondo la quale la sanità, la scuola, sono visti alla stregua di supermarket: prendo quello che mi piace, secondo i miei desideri – continua Anelli -. Se qualcosa va storto, se non ottengo quello che voglio, il risultato immaginato, devo trovare un capro espiatorio. Che sarà la persona più vicina a me in quel momento: il medico, se non mi fornisce la prestazione pretesa o se non può garantirmi la sua riuscita, perché la medicina ha comunque dei limiti, la vita stessa, la salute hanno dei limiti; il docente, se mio figlio va male a scuola o se riceve un giusto rimprovero. È una visione consumistica della salute - ma anche dell’istruzione e dei valori in genere - che ha le sue radici in molteplici fattori: la concezione aziendalistica della sanità, per cui i medici sono visti come parte della ‘catena di montaggio’ per erogare prestazioni, e come fattori di costo, anziché come un investimento; l’illusione - ‘passata’ in questi ultimi anni anche come messaggio mediatico - che, visti gli indubbi progressi scientifici, clinici, tecnologici, la medicina sia ormai in grado di curare tutto, di spingersi oltre i limiti biologici; la pretesa di potersi costruire una ‘medicina fai da te’, rimuovendo concetti come la fallibilità, la malattia, la morte. Parlo ovviamente per la medicina, ma è facile fare il parallelo con l’istruzione”.

 
“La salute e l’istruzione, però, sono due diritti fondamentali dell’uomo e due pilastri della società, protetti anche dalla nostra Costituzione: se vengono banalizzati, se sono erosi alle fondamenta perché aggrediamo, per prossimità, chi li rappresenta, crolla tutto il tessuto sociale. Una società che aggredisce i suoi medici, i suoi insegnanti aggredisce se stessa, rinnegando il passato e negandosi il presente e il futuro – conclude Anelli – I medici, i docenti sono, come e prima ancora dei cittadini, vittime dei tagli, delle disorganizzazioni, dei malfunzionamenti del sistema e sono dalla loro stessa parte, nel volere e nell’agire per cambiare le cose. Il presupposto di ogni diritto è il dovere etico, deontologico, giuridico, sociale di chi è chiamato, per ruolo, a garantirlo. Ma perché medici e insegnanti possano esercitare appieno il loro dovere occorre un punto di partenza indispensabile in ogni relazione: occorre rispetto”.

10 aprile 2018
© Riproduzione riservata


Altri articoli in Lavoro e Professioni

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Via Boncompagni, 16
00187 - Roma

Via Vittore Carpaccio, 18
00147 Roma (RM)


Direttore responsabile
Cesare Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Presidente e AD
Vincenzo Coluccia

Direttore generale
Ernesto Rodriquez

Redazione
Tel (+39) 06.59.44.62.23
Tel (+39) 06.59.44.62.26
Fax (+39) 06.59.44.62.28
redazione@qsedizioni.it

Pubblicità
Tel. (+39) 06.89.27.28.41
commerciale@qsedizioni.it

Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy