Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Martedì 06 DICEMBRE 2022
Lettere al direttore
segui quotidianosanita.it

L’evidente incostituzionalità del Decreto appropriatezza

di Antonio Ciofani

02 OTT - Gentile Direttore,
con riferimento al Decreto appropriatezza vorrei chiedere sia ai politici che hanno deciso, sembra la Conferenza Stato-Regioni, che ai suoi estensori del Ministero della Salute, se hanno tenuto presente i pronunciamenti della Corte Costituzionale in materia.
 
La Corte (il giudice delle leggi) le cui sentenze come è noto, ancorché emesse in occasione di casi specifici, fissano principi generali decontestualizzati, ha più volte ribadito l'autonomia del medico rispetto allo stesso legislatore.
    
Con le sentenze 282/ 2002 e 338/2003 ha sancito l'illegittimità costituzionale di norme regionali che dettavano limiti all'espletamento di determinati trattamenti terapeutici:  ..."non è di norma il legislatore a poter stabilire direttamente o specificamente quali siano le pratiche ammesse, con quali limiti e a quali condizioni. Poiché la pratica dell'arte medica si fonda sulle acquisizioni scientifiche e sperimentali, che sono in continua evoluzione, la regola di fondo in questa materia è costituita dall'autonomia e dalla responsabilità del medico che, sempre con il consenso del paziente, opera le scelte professionali basandosi sullo stato delle conoscenze a sua disposizione".   
 
Successivamente, con la sentenza 151/2009, la Corte ha inequivocabilmente ribadito, anche con riferimento alle sentenze sopra citate, riconoscimento e protezione costituzionale al principio dell'autonomia terapeutica del medico ..."in materia di pratica terapeutica, la regola di fondo deve essere l'autonomia e la responsabilità del medico che, con il consenso del paziente, opera le necessarie scelte professionali ".
 
Dunque limitazioni all'autonomia decisionale del medico, alle prerogative del singolo caso clinico ed alla specificità del rapporto medico-paziente, fondamentali garanzie a tutela del malato, trovano in quanto sancito dalla Consulta un evidente ostacolo giuridico. Non sono un giurista ma quanto stabilito dal decreto potrebbe essere incostituzionale e sarà oggetto di contenziosi e conflitti, a scapito di pazienti e cittadini.
 
Dr. Antonio Ciofani
Dir. resp. Struttura Complessa di Nefrologia e Dialisi - Ospedale Spirito Santo, Pescara
Consigliere nazionale Anaao-Assomed

02 ottobre 2015
© Riproduzione riservata

Altri articoli in Lettere al direttore

lettere al direttore
ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Via Giacomo Peroni, 400
00131 - Roma

Via Vittore Carpaccio, 18
00147 Roma (RM)


Direttore responsabile
Cesare Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Presidente
Ernesto Rodriquez

Redazione
Tel (+39) 06.59.44.62.23
Tel (+39) 06.59.44.62.26
Fax (+39) 06.59.44.62.28
redazione@qsedizioni.it

Pubblicità
Tel. (+39) 06.89.27.28.41
commerciale@qsedizioni.it

Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy