Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Lunedì 17 DICEMBRE 2018
Lettere al direttore
segui quotidianosanita.it

Osteopatia. Riconoscimento o sanatoria?

11 APR - Gentile Direttore,
mercoledì prossimo proseguirà, in sede referente, la discussione sul DDL 1324 (Lorenzin) in XII Commissione del Senato. Mi corre l’obbligo di manifestare la grande ammirazione nutrita nel merito dell’abilità politica della Relatrice Sen. De Biasi, la quale ha riformulato gli emendamenti, insistendo già il parere contrario, in sede consultiva, della V Commissione Bilancio del Senato. La Senatrice ha introdotto nel testo dell’emendamento all’art. 3-bis, comma 3,  la frase  “È istituito senza nuovi o maggiori oneri per la finanza pubblica, presso l'Ordine dei Tecnici sanitari di radiologia medica e delle professioni sanitarie tecniche, della riabilitazione e della prevenzione, l'albo per la professione sanitaria di osteopata”.

Il tenore del testo non elide assolutamente il vincolo imposto, con il parere contrario della V Commissione, di possibili maggiori e nuovi oneri per la Finanza Pubblica. Infatti, lo stesso parere contrario,  espresso  ai sensi dell’art 81 della Costituzione, costituisce la consapevolezza che l’attivazione di nuovi Corsi di Laurea, inciderebbe sul bilancio dello Stato,  con la consapevolezza che le Università,  per ottemperare, andrebbero a batter “cassa” presso i Ministeri competenti, anche per il semplice fatto che nell’ultimo decennio soffrono il taglio delle risorse economiche  a loro destinate, che risulta essere  pari, se non maggiore  del 30%.


Tale riformulazione degli emendamenti rientra nella “grande Scienza politica” di alcuni Parlamentari, senza fare alcuna  distinzione di appartenenza. Sicuramente  l’istituzione di un ulteriore Albo non costa nulla, ma l’attivazione di un nuovo CdL sicuramente sì.

Un'ulteriore perplessità nasce per l’evidente e palese “disparità di trattamento” per le nuove professioni. Viene istituito l’Albo degli Osteopati ed invece  per i Chiropratici, il Registro presso il Ministero della Salute. Risulta  chiara e manifesta  la disparità tra le Professioni Sanitarie di nuova istituzione. Ricordo a lei e a tutti i lettori che il DDL 1324 è stato pensato e proposto  anche per dirimere tale aspetto per le 19 Professioni Sanitarie in atto sprovviste di Albo.

Entriamo nella specifica procedura legislativa. La norma che verrebbe introdotta viola in maniera manifesta la  precedente, ovvero la L. 43/06. La seguente asserzione trova corroborazione del parere di esperti Giuristi. Non solo infrangerebbe  le regole, ma addirittura potrebbe risultare incostituzionale per manifesta violazione dell’art.5, comma 3, che qui si riporta integralmente: “L'individuazione è subordinata ad un parere tecnico-scientifico, espresso da apposite commissioni, operanti nell'ambito del Consiglio superiore di sanità, di volta in volta nominate dal Ministero della salute, alle quali partecipano esperti designati dal Ministero della salute e dalla Conferenza permanente per i rapporti tra lo Stato, le regioni e le province autonome di Trento e di Bolzano e i rappresentanti degli ordini delle professioni di cui all'articolo 1, comma 1, senza oneri a carico della finanza pubblica. A tal fine, la partecipazione alle suddette commissioni non comporta la corresponsione di alcuna indennità o compenso né rimborso spese”,  dove il Legislatore ha voluto definire gli Organismi competenti  per individuare nuove professioni sanitarie attraverso un percorso che coinvolge il mondo scientifico e professionale, non lasciando alla sola Politica l’esclusività di decisione.

Tra l’altro già, in assenza di coinvolgimento previsto dalla norma superiormente citata  si è espresso il Mondo scientifico attraverso la Conferenza permanente della Classi di Laurea delle Professioni Sanitarie, esprimendo contrarietà alla creazione di nuovi CdL ed addirittura definendo l’Osteopatia una Tecnica ed attraverso il Mondo delle Professioni Sanitarie con in capo AIFI.

Infine c’è da aggiungere che l’Organizzazione Mondiale della Sanità colloca osteopatia e chiropratica nell’ambito delle medicine non convenzionali. Il Ministero della Salute ne autorizza la pratica unicamente quali competenze esclusive dei professionisti sanitari (ovvero coloro che hanno già formazione e abilitazione in ambito sanitario).

Appare evidente che la norma che vorrebbe introdursi  assume piena, chiara e manifesta volontà di “sanare gli abusivi” comprese tutte le Scuole esistenti e che in atto non hanno alcun riconoscimento né tantomeno Autorizzazioni Statali.

Nulla contro l’Osteopatia, che rimane, a mio avviso, esclusivamente una pratica terapeutica alla stregua della Terapia Manuale, della Riabilitazione Neurocognitiva, della Riabilitazione Cardiorespiratoria, ecc.

Auspico che i nostri Politici della XII Commissione, in sede referente, ottemperino nella  discussione e  valutazione con grande responsabilità nella fase  finale, ossia se approvare o respingere gli emendamenti riformulati  al “DDL Lorenzin 1324” in cui si trovano a rendere possibile ora, quanto asserito dal Ministro quasi due anni fa circa l’Osteopatia.

Inoltre un invito  al mondo accademico e scientifico,  ovvero  l’onere di definire  se  l’approccio osteopatico rientri nell’agire riabilitativo o rimanga medicina non convenzionale. Non solo sfogo, ma anche denuncia/proposta.

Roberto Ferrara
Segretario nazionale Sindacato professionale italiano fisioterapisti e area riabilitativa
(SPIF AR)

11 aprile 2016
© Riproduzione riservata


Altri articoli in Lettere al direttore

lettere al direttore
ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
iPiùLetti [7 giorni] [30 giorni]
1  
2  
3  
4  
5  
6  
7  
8  
9  
10  
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Via Boncompagni, 16
00187 - Roma

Via Vittore Carpaccio, 18
00147 Roma (RM)


Direttore responsabile
Cesare Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Direttore generale
Ernesto Rodriquez

Redazione
Tel (+39) 06.59.44.62.23
Tel (+39) 06.59.44.62.26
Fax (+39) 06.59.44.62.28
redazione@qsedizioni.it

Pubblicità
Tel. (+39) 06.89.27.28.41
commerciale@qsedizioni.it

Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy