Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Lunedì 24 LUGLIO 2017
Piemonte
segui quotidianosanita.it

Piemonte. Record europeo all'Ospedale Molinette. Effettuati 3mila trapianti di fegato

Il Centro trapianti di fegato della Città della Salute di Torino non solo è primo nell’Unione Europea, ma anche tra i primi al mondo per numero di trapianti effettuati e per sopravvivenza. In 27 anni la sopravvivenza dei pazienti è stata pari al 91% ad 1 anno, 81% a 5 anni e 73% a 10 anni. Ora sono in attesa di trapianto ottanta pazienti con un tempo medio di attesa di pochi mesi

17 LUG - La Città della Salute di Torino sul tetto d’Europa: è stato effettuato oggi il trapianto di fegato numero 3mila. Un traguardo storico raggiunto dal Centro trapianti di fegato universitario dell’ospedale Molinette, diretto da Mauro Salizzoni professore di Chirurgia alla Scuola di Medicina dell’Università di Torino, che ora si colloca primo nell’Unione Europea e tra i primi al mondo per numero di trapianti effettuati e per sopravvivenza: secondo il registro mondiale dei trapianti dell’Università di Heidelberg: condivide questa posizione prestigiosa con i centri di Cambridge, Dallas, Birmingham e del London Kings College.
 
In numeri. Il trapianto effettuato su un uomo di 55 anni della provincia di Alessandria, affetto da cirrosi è l’ultimo di una storia ricca di successi, innovazioni, sperimentazioni, cambiamenti importanti per il Centro Trapianti di Fegato di Torino. Un record che si è consolidato in poco più di 25 anni: era il 10 ottobre 1990 quando avveniva il primo trapianto di fegato su un uomo di 44 anni, durato 13 anni; ed ancora era il 10 gennaio 1993 quando si è dato avvio al trapianto pediatrico ed il 14 ottobre 1999 quando il trapianto è divenuto di routine anche su pazienti molto piccoli con patologie congenite.

 
Da allora questo programma ha avuto uno sviluppo sempre più complesso: 5% sono stati i trapianti di solo una parte del fegato, di cui 14 da donatore vivente; 2% quelli in cui oltre al fegato si è trapiantato in contemporanea un altro organo, 7 sono i trapianti cosiddetti domino (il fegato nativo di un primo ricevente è stato poi trapiantato ad un secondo ricevente); 8% sono i ritrapianti.
 
Non va dimenticato che il 5% dei trapianti sono stati effettuati su pazienti in condizioni di emergenza nazionale: sull’esito di questi pazienti non incide solo la difficoltà clinica e chirurgica, ma anche la variabile tempo, ovvero la capacità di reperire un donatore compatibile ed effettuare il trapianto in poche ore. Dal 1993 ad oggi sono stati trapiantati 166 pazienti in età pediatrica (6% dell’attività torale), con fegato intero o split.
 
Salizzoni e la sua equipe hanno incassato il plauso del presidente della Regione Sergio Chiamparino: “Desidero congratularmi con il professor Mauro Salizzoni e con tutta la sua equipe per il risultato raggiunto oggi. È un traguardo storico – ha dichiarato Chiamparino – che pone il centro trapianti delle Molinette al vertice della classifica europea e ai primi posti di quella mondiale, e che conferma il livello e la qualità dell'offerta sanitaria piemontese. La nostra amministrazione è costantemente impegnata su questo fronte, e il risultato oggi raggiunto da Salizzoni non può che stimolarci a continuare a lavorare per supportare le nostre eccellenze”.
“Un traguardo storico. Un fiore all'occhiello per la Città della Salute. Un'eccellenza a livello italiano ed europeo che diventa un ponte verso il futuro Parco della Salute – ha commentato Il Commissario dell’Azienda Ospedaliero Universitaria Città della Salute di Torino Gian Paolo Zanetta – i complimenti ed i ringraziamenti al professor Salizzoni ed a tutta la sua équipe per la professionalità ed il lavoro svolto in questi anni”.

 
Non è soltanto una questione di numero di trapianti, ma anche di qualità dei risultati ottenuti. In questi 27 anni, la sopravvivenza dei pazienti che hanno ricevuto il trapianto è stata pari al 91% ad 1 anno, 81% a 5 anni e 73% a 10 anni. Questo vuol dire che a distanza di 10 anni dal trapianto 73 pazienti su 100 continuavano ad essere vivi: un traguardo insperato per chi ha malattie che lasciano, senza trapianto, un’attesa di vita da pochi giorni ad alcuni mesi. Si tratta di malattie gravi che portano ad un danno irreversibile del fegato (la cirrosi): il più delle volte a seguito di una infezione virale (31% a causa del virus C dell’epatite, 18% del virus B), ed ancora per cirrosi alcolica (12%), cirrosi di altra origine (14%), malattie metaboliche o malformative, ed altre ancora.
Ma le continue innovazioni nelle tecniche chirurgiche, nelle terapie contro il rigetto, o quelle per arginare eventuali infezioni, o, ancora, il monitoraggio immunologico stanno dimostrando che la riuscita del trapianto epatico possa essere ancora migliorata: se si confrontano gli esiti dei quasi mille trapianti eseguiti nel periodo 2010-2016 con quelli eseguiti nei periodi precedenti, si nota che la probabilità di successo è migliorata di un ulteriore 10%. e se si esaminano i pazienti pediatrici, quasi il 90% dei  trapianti continua a funzionare dopo 5 anni, rendendo il centro di Torino un riferimento anche per il trapianto nel bambino.
 
Lista di attesa. Al luglio 2017 sono in lista di attesa per il trapianto di fegato presso il Centro di Torino una ottantina di pazienti: il tempo medio di attesa è pari a pochi mesi. È interessante notare che sono in riduzione le patologie legate all’infezione da Virus C dell’epatite (HCV), poiché sono state recentemente introdotte terapie specifiche, così come le insufficienze d’organo da HBV, risultato della vaccinazione obbligatoria per epatite B.
 
La lista di attesa si compone anche di numerosi riceventi che hanno superato i 60 anni e che nel 40% circa proviene da regioni diverse dal Piemonte. Parallelamente si assiste all’utilizzo di donatori con età sempre più elevata.
 
I fegati trapiantati a Torino provengono in larga misura da donatori dal territorio piemontese (73%), ma a questo successo hanno contribuito anche le altre regioni italiane (26%) ed in 29 casi Centri esteri (1%).
 

17 luglio 2017
© Riproduzione riservata


Altri articoli in QS Piemonte

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Via Boncompagni, 16
00187 - Roma

Via Vittore Carpaccio, 18
00147 Roma (RM)


Direttore responsabile
Cesare Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Direttore generale
Ernesto Rodriquez

In redazione
Lucia Conti
Ester Maragò
Giovanni Rodriquez

Collaboratori
Eva Antoniotti (Ordini e professioni)
Gennaro Barbieri (Regioni)
Ivan Cavicchi (Editorialista)
Fabrizio Gianfrate (Editorialista)
Ettore Mautone (Campania)
Maria Rita Montebelli (Scienza)
Claudio Risso (Piemonte)
Edoardo Stucchi (Lombardia)
Vincino (Vignette)

Contatti
info@qsedizioni.it


Pubblicità
Tel. (+39) 06.89.27.28.41
commerciale@qsedizioni.it

Redazione
Tel (+39) 06.59.44.62.23
Tel (+39) 06.59.44.62.26
Fax (+39) 06.59.44.62.28
redazione@qsedizioni.it

Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy