Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Mercoledì 08 FEBBRAIO 2023
Regioni e Asl
segui quotidianosanita.it

Fials: martedì 9 aprile sit-in di protesta dei lavoratori Asm davanti alla Prefettura di Matera


“Nonostante i proclami del direttore generale Polimeni, la Asm ha rinviato ancora una volta l’incontro con la delegazione trattante previsto ieri. Questo è solo uno dei tantissimi problemi che affliggono la Sanità materana e che si ripercuotono negativamente sui lavoratori e sui cittadini”, affermano i rappresentanti Fials.

05 APR - Il segretario aziendale della Fials, Marco Bigherati e il segretario provinciale Fials Matera, Gianni Sciannarella, in una nota comunicano lo stato di agitazione con sit-in davanti alla Prefettura di Matera dei lavoratori Asm per la giornata di martedì 9 aprile 2019.
"La Segreteria Fials Matera comunica che oggi ha inoltrato tutta la documentazione alla Questura e alla Prefettura per organizzare un sit-in dei lavoratori Asm in stato di agitazione a causa della grave situazione che li vede coinvolti nella vertenza delle progressioni orizzontali sospese unilateralmente dalla dirigenza Asm e che, come previsto da delibera aziendale entro 60 giorni, se non sarà raggiunto un accordo inizieranno i recuperi delle somme".
 
"Nonostante i proclami del direttore generale Polimeni - aggiunge la nota - la Asm ha rinviato ancora una volta l’incontro con la delegazione trattante previsto giovedì 4 aprile. Questo però è solo uno dei tantissimi problemi che affliggono la Sanità materana e che si ripercuotono negativamente sui lavoratori e sui cittadini. Uno su tutti è sicuramente la carenza cronica di personale Oss che viene spremuto come un limone. Ci sono infatti aree integrate dove sette lavoratori devono coprire tre reparti. Una situazione determinata da una errata organizzazione e gestione del personale nonostante la Asm possa attingere da ben due graduatorie di idonei".
 
"Stesso discorso vale per gli infermieri - prosegue la Fials -: basti pensare che è passato quasi un anno dal bando di avviso pubblico per infermieri a cui hanno risposto 1000 persone. Il grave problema di organico dell’Ospedale di Stigliano per tutto il periodo invernale è stato tamponato grazie alla abnegazione degli infermieri della lungodegenza di Tricarico ma si spera di non fare i conti con questo stato di urgenza anche nel periodo estivo".
 
"Queste solo alcune delle gravi difficoltà in cui ogni giorno devono lavorare i dipendenti della Asm, segnalate con diverse note sindacali sia agli organismi regionali sia al Prefetto di Matera che non ha mai né risposto e né ha ricevuto le parti per la procedura di raffreddamento e conciliazione ai sensi della legge nazionale numero 146/1990 e legge nazionale 83/2000", ha aggiunto il sindacato.
 
"Questi i motivi che ci hanno indotto ad organizzare il sit-in presso la Prefettura di Matera. Si chiede un intervento delle istituzioni che in questa vicenda sembra abbiano abbandonato i lavoratori della Asm. Altro argomento molto grave è la mancata concessione da parte della Asm di nulla osta per i lavoratori che hanno partecipato ad Avvisi di Mobilità. L’Asm - conclude la nota - ha prima rilasciato un nulla osta preventivo ma fino ad oggi non ha risposto alle richieste dei lavoratori causando disagi perché gli stessi perdono la possibilità di ritornare a casa".

05 aprile 2019
© Riproduzione riservata

Altri articoli in Regioni e Asl

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Sede legale:
Via Giacomo Peroni, 400
00131 - Roma

Sede operativa:
Via della Stelletta, 23
00186 - Roma
Direttore responsabile
Luciano Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Presidente
Ernesto Rodriquez

Tel. (+39) 06.89.27.28.41

info@qsedizioni.it

redazione@qsedizioni.it

Coordinamento Pubblicità
commerciale@qsedizioni.it
    Joint Venture
  • SICS srl
  • Edizioni
    Health Communication
    srl
Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy