Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Martedì 24 MAGGIO 2016
Scienza e Farmaci
segui quotidianosanita.it

Allarme fertilità giovanile. In pochi anni scesa del 20%. Fumo, alcol e droghe le prime cause

Il 14% dei 18enni soffre di ipotrofia testicolare bilaterale e il 27% ha il varicocele (il 19% in forma grave). Diffusi i problemi di eiaculazione precoce. Sono i dati della campagna “Amico andrologo”, che denuncia come la salute riproduttiva degli adolescente sia una materia sottostimati da pediatri e da medici di base

10 NOV - E' allarme infertilità tra i giovani. E le prima cause sono da riscontrare nell’alto consumo di fumo, alcol e droghe. Beve infatti l’80% dei diciottenni  italiani, il 56% fuma in modo occasionale, il 30% più di dieci sigarette al giorno, il 50% ha provato droghe. E così un terzo dei giovani ha alterazioni genitali, il 14% ha misure testicolari inferiori alla norma, correlate con una minore salute riproduttiva. Senza dimenticare, in tema di salute riproduttiva, che il 60,3% dei diciottenni ha avuto rapporti sessuali “ mordi e fuggi”, il 59% senza alcuna protezione. Sono questi alcuni dei dati della ricerca condotta su 10.000 ragazzi tra i 18-22 anni effettuata nell’ambito del progetto nazionale “ Amico andrologo” e presentata a Roma in occasione dell’incontro educativo-formativo organizzato dal dipartimento di medicina sperimentale dell’Università di Roma La Sapienza-Accademia della Fertilità- in collaborazione con il Ministero della Salute.

L’indagine alla sua seconda edizione ,ha analizzato il triennio 2010/2013 e dimostra il preoccupante aumento del consumo di alcolici , in particolare dell’abuso (30%) nettamente superiore agli Stati Uniti (fonte YRBS, indagine simile e simultanea). Alta la prevalenza dei forti fumatori, il 23% ha iniziato prima dei 13 anni e le droghe sembrano essere una abitudine consolidata ( il 50% le ha provate almeno  una volta).


L’indagine oltre ad aver  evidenziato, ancora una volta, i comportamenti a rischio ha avuto il merito di rilevare importanti aspetti clinici. Dei 10.000 giovani che frequentano l’ultimo anno delle scuole superiori, 4.000 sono stati anche sottoposti ad una visita andrologica volontaria. I dati indicano che il 14% dei giovani ha ipotrofia testicolare bilaterale, il 27% ha il varicocele (il 19% in forma grave), il 31% è sottopeso,. Tra i giovani sessualmente attivi, il disturbo più frequente è risultato essere l’eiaculazione precoce.

Dalle analisi è emerso che proprio i comportamenti a rischio in questa fascia di età sono determinanti  per la salute sessuale e riproduttiva, in particolare il volume testicolare (considerato il miglior indicatore della salute andrologica), il basso peso, l’abuso di droghe e alcol.

“La fertilità - dice Andrea Lenzi Professore Ordinario di Endocrinologia Università di Roma La Sapienza -è una malattia sociale perché coinvolge la salute riproduttiva e sessuale delle giovani generazioni e il futuro del Pese. Noi stimiamo che negli ultimi anni vi sia stato nei giovani maschi, un 20% in meno di fertilità, simile a quello riscontrato nelle coppie . I costi sociali e sanitari sono altissimi perché  lunghe, dolorose e  molto onerose  sono le terapie per la cura della fertilità. Bisogna investire nella prevenzione- prosegue Lenzi - a partire dalla adolescenza. Per questo vorremmo maggiore sensibilità e attenzione da parte dei pediatri e medici di base alla salute andrologica dei giovani maschi e auspicheremo una sorta di visita medica ‘di leva’ che oggi non esiste più ma che potrebbe essere riformulata in altro modo per i ragazzi delle scuole superiori o all’Università”.

Focus dell’indagine sulla Regione Lazio. Dai dati presentati dal Prof  Andrea M. Isidori ricercatore in Endocrinologia presso la Sapienza, è emerso i ragazzi che vivono in un contesto suburbano sono più obesi e in sovrappeso rispetto ai loro coetanei che vivono in città, questi ultimi soffrono maggiormente, di varicocele e malattie a trasmissione sessuale e infezioni locali. Globalmente i giovani maschi Laziali dimostrano una attività sessuale maggiore rispetto i coetanei su scala nazionale: il 67% ha avuto rapporti sessuali completi contro il 60% della media nazionale, e una età lievemente più precoce .
 
Emanuela Medi

10 novembre 2013
© Riproduzione riservata


Altri articoli in Scienza e Farmaci

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Via Boncompagni, 16
00187 - Roma

Via Vittore Carpaccio, 18
00147 Roma (RM)


Direttore responsabile
Cesare Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Direttore generale
Ernesto Rodriquez

In redazione
Lucia Conti
Luciano Fassari
Ester Maragò
Giovanni Rodriquez

Collaboratori
Eva Antoniotti (Ordini e professioni)
Gennaro Barbieri (Regioni)
Ivan Cavicchi (Editorialista)
Fabrizio Gianfrate (Editorialista)
Ettore Mautone (Campania)
Maria Rita Montebelli (Scienza)
Claudio Risso (Piemonte)
Viola Rita (Scienza)
Edoardo Stucchi (Lombardia)
Vincino (Vignette)

Contatti
info@qsedizioni.it


Pubblicità
Tel. (+39) 02.28.17.26.15
(numero unico nazionale)
commerciale@qsedizioni.it

Redazione
Tel (+39) 06.59.44.62.23
Tel (+39) 06.59.44.62.26
Fax (+39) 06.59.44.62.28
redazione@qsedizioni.it

Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy