Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Venerdì 20 OTTOBRE 2017
Scienza e Farmaci
segui quotidianosanita.it

Antibiotici, è allarme mondiale. Tra pochi anni non ne avremo più di efficaci. Colpa della resistenza antimicrobica. Il rapporto Oms

La maggior parte dei farmaci attualmente in sperimentazione clinica sono modifiche delle classi esistenti di antibiotici e sono solo soluzioni a breve termine e ci sono ben pochi potenziali opzioni di trattamento per quelle infezioni antibiotico-resistenti individuate dall'Oms come la più grande minaccia per la salute. Inclusa la tubercolosi resistente ai farmaci che uccide circa 250.000 persone ogni anno. Tra tutti i farmaci in sperimentazione solo 8 sono classificati dall'Oms come trattamenti innovativi che aggiungeranno valore all'attuale panel degli antibiotici. IL RAPPORTO OMS. ELENCO OMS DELLE PRIORITA' PER LO SVILUPPO DI NUOVI ANTIBIOTICI.

20 SET - Un rapporto sugli agenti antibatterici nello sviluppo clinico, un'analisi della sperimentazione per lo sviluppo clinico antibatterico, inclusa la tubercolosi, lanciata oggi dall'Oms mostra una grave mancanza di nuovi antibiotici in fase di sviluppo per combattere la crescente minaccia della resistenza antimicrobica. La maggior parte dei farmaci attualmente in sperimentazione clinica sono modifiche delle classi esistenti di antibiotici e sono solo soluzioni a breve termine.

Il rapporto ha trovato ben pochi potenziali opzioni di trattamento per quelle infezioni antibiotico-resistenti individuate dall'Oms come la più grande minaccia per la salute, inclusa la tubercolosi resistente ai farmaci che uccide circa 250.000 persone ogni anno.

La relazione - "Agenti antibatterici nello sviluppo clinico - un'analisi della sperimentazione di sviluppo clinico antibatterico, tra cui Mycobacterium tuberculosis" - mostra una grave mancanza di nuovi antibiotici in fase di sviluppo per combattere la crescente minaccia della resistenza antimicrobica.

"La resistenza antimicrobica è un'emergenza sanitaria globale che seriamente pregiudicherà i progressi della medicina moderna", afferma Tedros Adhanom Ghebreyesus, direttore generale dell'Oms. "C'è urgente bisogno di maggiori investimenti in ricerca e sviluppo per le infezioni resistenti agli antibiotici, inclusa la tubercolosi, altrimenti saremo costretti a ritornare a un momento in cui le persone temevano infezioni comuni e rischiavano la vita anche per interventi di chirurgia minore".


Oltre alla tubercolosi resistente, l'Oms ha individuato 12 classi di patogeni prioritari, alcuni dei quali causano infezioni comuni come la polmonite o le infezioni delle vie urinarie, sempre più resistenti agli antibiotici esistenti e che necessitano urgentemente di nuovi trattamenti.
La relazione identifica 51 nuovi antibiotici e farmaci biologici nello sviluppo clinico per trattare gli agenti patogeni a base di antibiotici prioritari, la tubercolosi e l'infezione  mortale da Clostridium difficile.

Tra tutti questi farmaci, tuttavia, solo 8 sono classificati dall'Oms come trattamenti innovativi che aggiungeranno valore all'attuale panel degli antibiotici.

L'Organizzazione mondiale della sanità è stata invitata dagli Stati membri a sviluppare un elenco globale di patogeni a livello globale (PPL globale) di batteri resistenti agli antibiotici per aiutare a dare priorità alla ricerca e allo sviluppo di nuovi e efficaci trattamenti antibiotici. A oggi, la selezione di agenti patogeni per attività di ricerca e sviluppo è stata guidata da piccole e grandi aziende farmaceutiche in base a una serie di parametri, quali la necessità medica percepita/non soddisfatta, la pressione degli investitori, la dimensione del mercato, il potenziale di scoperta scientifica e la disponibilità di specifici tecnologie.

Esiste una grave mancanza di opzioni di trattamento per i tubercolosi multiforme e ad ampio spettro di farmaco e gli agenti patogeni gram-negativi, tra cui Acinetobacter e Enterobacteriaceae (come Klebsiella e E.coli ) che possono causare infezioni gravi e spesso mortali e sono una particolare minaccia negli ospedali e nelle case di cura.

Ci sono anche pochissimi antibiotici orali in esame e sono formulazioni essenziali per il trattamento di infezioni extra ospedaliere o in strutture limitate.
"Le aziende farmaceutiche e i ricercatori devono concentrarsi urgentemente sui nuovi antibiotici contro alcuni tipi di infezioni estremamente gravi che possono uccidere i pazienti in pochi giorni perché non c’è alcuna linea di difesa", afferma Suzanne Hill, direttore del Dipartimento di medicinali essenziali presso l'Oms .

Per contrastare questa minaccia, l'Oms e l la DNDi (Drugs for Neglected Diseases Initiative)  hanno istituito il Global Partnership per la ricerca e lo sviluppo di antibiotici (noto come GARDP). Il 4 settembre 2017, Germania, Lussemburgo, Paesi Bassi, Sudafrica, Svizzera, Regno Unito, Irlanda del Nord e il Wellcome Trust (centro di ricerca con sede a Londra) hanno impegnato più di 56 milioni di euro per questo lavoro.

"La ricerca sulla tubercolosi è seriamente insufficiente, con solo due nuovi antibiotici per il trattamento di quella resistente ai farmaci che hanno raggiunto il mercato in oltre 70 anni", afferma Mario Raviglione, direttore del programma globale di tubercolosi dell'Oms. "Se dobbiamo sconfiggere la tubercolosi, occorrono urgentemente più di 800 milioni di dollari l'anno per finanziare la ricerca di nuovi farmaci antitubercolici".

I nuovi trattamenti da soli, tuttavia, non saranno sufficienti per combattere la minaccia della resistenza antimicrobica. L'Oms lavora con paesi e partner per migliorare la prevenzione e il controllo delle infezioni e promuovere l'uso appropriato degli antibiotici esistenti e futuri e sta inoltre sviluppando orientamenti per l'uso responsabile degli antibiotici nei settori umano, animale e agricolo.

20 settembre 2017
© Riproduzione riservata


Altri articoli in Scienza e Farmaci

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Via Boncompagni, 16
00187 - Roma

Via Vittore Carpaccio, 18
00147 Roma (RM)


Direttore responsabile
Cesare Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Direttore generale
Ernesto Rodriquez

In redazione
Lucia Conti
Ester Maragò
Giovanni Rodriquez

Collaboratori
Eva Antoniotti (Ordini e professioni)
Ivan Cavicchi (Editorialista)
Fabrizio Gianfrate (Editorialista)
Ettore Mautone (Campania)
Maria Rita Montebelli (Scienza)
Claudio Risso (Piemonte)
Edoardo Stucchi (Lombardia)
Vincino (Vignette)

Contatti
info@qsedizioni.it


Pubblicità
Tel. (+39) 06.89.27.28.41
commerciale@qsedizioni.it

Redazione
Tel (+39) 06.59.44.62.23
Tel (+39) 06.59.44.62.26
Fax (+39) 06.59.44.62.28
redazione@qsedizioni.it

Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy