Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Venerdì 15 NOVEMBRE 2019
Scienza e Farmaci
segui quotidianosanita.it

Sperimentazioni cliniche e trasparenza. Quasi tutte le università europee violano le norme Ue. Flop per le italiane: nessuna le rispetta

Lo rivela un rapporto congiunto pubblicato da TranspariMED, BUKO Pharma-Kampagne, Test Aankoop e Health Action International che ha evidenziato come l’83% degli studi clinici (778) condotti dalle 30 migliori università europee di ricerca medica non rispettano le norme europee sulla trasparenza. Le italiane tra le peggiori. IL RAPPORTO

04 MAG - La trasparenza nelle sperimentazioni cliniche condotte dalle principali università europee è una chimera. A rivelarlo è un rapporto congiunto pubblicato da TranspariMED, BUKO Pharma-Kampagne, Test Aankoop e Health Action International che ha evidenziato come l’83% degli studi clinici (778) condotti dalle 30 migliori università europee di ricerca medica violano le norme europee sulla trasparenza.
 
Dal 2014, infatti, le università europee devono rendere pubblici i risultati di tutte le loro sperimentazioni cliniche al fine di salvaguardare gli interessi dei pazienti e dei contribuenti.
 
I risultati principali della ricerca.
Complessivamente, su 778 studi clinici condotti da 30 università europee (83% delle prove previste) i risultati non sono presenti sul registro di prova europeo, in violazione delle regole di trasparenza dell'UE. Escludendo le università del Regno Unito, i tassi di segnalazione sono solo del 7%. Anche se probabilmente la cifra reale è molto più alta.

- Solo tre università funzionano bene: University of Oxford, University College London, e King's College London. Queste università hanno già pubblicato oltre l'80% dei loro risultati di prova.
- Quattordici università non hanno pubblicato un singolo risultato clinico. Questo include tutti valutati università in Francia, Italia, Norvegia e Svezia.
- Anche le restanti 13 università presentano un rendimento debolissimo, con tassi di rendicontazione compresi tra il 2 e il 33%.
 
“Il fatto che le università del Regno Unito raggiungano risultati migliori – evidenzia il rapporto – rispetto alle loro omologhe europee è dovuto alla combinazione delle pressioni del parlamento, dei finanziatori della ricerca e dell’opinione pubblica”.
 
Le raccomandazioni
- Le Università dovrebbero pubblicare i risultati riassuntivi di tutte le loro sperimentazioni cliniche: passate, presenti e future - su tutti i registri in cui sono elencate queste prove.
 
- Le Agenzie regolatorie del farmaco dovrebbero rivedere tutti gli studi elencati come "in corso" e aggiornare il loro stato a "completato" se applicabile.
 
- I fondi nazionali per la ricerca devono sottoscrivere la dichiarazione congiunta dell'OMS per proteggere i pazienti e impedire che la ricerca medica finanziata dai contribuenti vada sprecata.
 
- I Governi dovrebbero mettere in atto sistemi per monitorare se le sperimentazioni cliniche condotte all'interno della loro giurisdizione stanno postando i loro risultati riassuntivi sui registri pubblici entro 12 mesi, secondo le migliori pratiche dell'OMS, e imporre sanzioni agli sponsor dei test che falliscono nel rendere pubblici i risultati entro tale termine. (
 
“La mancata trasmissione completa e rapida dei risultati delle sperimentazioni cliniche non è un crimine senza vittime. Quando le università violano le regole di trasparenza, i pazienti e i contribuenti pagano un prezzo molto alto. Alcune università hanno già pubblicato oltre il 90% dei loro risultati di prova, dimostrando che laddove esiste una volontà, c'è un modo. Perché le università che infrangono le regole continuano a ricevere fondi pubblici per eseguire ulteriori prove?”, ha dichiarato Till Bruckner, fondatore di TranspariMED.
 
“I recenti miglioramenti che alcune università britanniche hanno apportato nel pubblicare i risultati delle sperimentazioni cliniche dimostrano che la cosa è possibile. Ma le università britanniche hanno ancora molta strada da fare. E le cifre per le università europee rimangono vergognose. I recenti miglioramenti nel Regno Unito sono senza dubbio legati alle rinnovate pressioni da parte dei parlamentari e della società civile, ma dimostrano anche che, laddove vengono fatti sforzi per migliorare la trasparenza, i progressi possono essere rapidi. I pazienti devono essere in grado di credere che i prodotti medici che prendono riflettono la storia di tutte le ricerche e lo sviluppo rilevanti e che il denaro pubblico attenua gli sprechi di ricerca e offre pieno valore in denaro”, ha affermato Rachel Cooper, Direttore di Transparency International Health Initiative.
 
“Trascurare di pubblicare i risultati degli studi clinici non è un reato minore, ha conseguenze dirette per i pazienti, che a causa di lacune nelle evidenze potrebbero non ricevere un trattamento ottimale”, ha detto Jörg Schaaber del gruppo tedesco di integrità sanitaria BUKO Pharma-Kampagne.
 
L.F.

04 maggio 2019
© Riproduzione riservata


Allegati:

spacer Il Rapporto

Altri articoli in Scienza e Farmaci

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Via Boncompagni, 16
00187 - Roma

Via Vittore Carpaccio, 18
00147 Roma (RM)


Direttore responsabile
Cesare Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Direttore generale
Ernesto Rodriquez

Redazione
Tel (+39) 06.59.44.62.23
Tel (+39) 06.59.44.62.26
Fax (+39) 06.59.44.62.28
redazione@qsedizioni.it

Pubblicità
Tel. (+39) 06.89.27.28.41
commerciale@qsedizioni.it

Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy