Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Giovedì 15 APRILE 2021
Scienza e Farmaci
segui quotidianosanita.it

Sperimentazioni cliniche e trasparenza. Quasi tutte le università europee violano le norme Ue. Flop per le italiane: nessuna le rispetta

di L.F.

Lo rivela un rapporto congiunto pubblicato da TranspariMED, BUKO Pharma-Kampagne, Test Aankoop e Health Action International che ha evidenziato come l’83% degli studi clinici (778) condotti dalle 30 migliori università europee di ricerca medica non rispettano le norme europee sulla trasparenza. Le italiane tra le peggiori. IL RAPPORTO

04 MAG - La trasparenza nelle sperimentazioni cliniche condotte dalle principali università europee è una chimera. A rivelarlo è un rapporto congiunto pubblicato da TranspariMED, BUKO Pharma-Kampagne, Test Aankoop e Health Action International che ha evidenziato come l’83% degli studi clinici (778) condotti dalle 30 migliori università europee di ricerca medica violano le norme europee sulla trasparenza.
 
Dal 2014, infatti, le università europee devono rendere pubblici i risultati di tutte le loro sperimentazioni cliniche al fine di salvaguardare gli interessi dei pazienti e dei contribuenti.
 
I risultati principali della ricerca.
Complessivamente, su 778 studi clinici condotti da 30 università europee (83% delle prove previste) i risultati non sono presenti sul registro di prova europeo, in violazione delle regole di trasparenza dell'UE. Escludendo le università del Regno Unito, i tassi di segnalazione sono solo del 7%. Anche se probabilmente la cifra reale è molto più alta.

- Solo tre università funzionano bene: University of Oxford, University College London, e King's College London. Queste università hanno già pubblicato oltre l'80% dei loro risultati di prova.
- Quattordici università non hanno pubblicato un singolo risultato clinico. Questo include tutti valutati università in Francia, Italia, Norvegia e Svezia.
- Anche le restanti 13 università presentano un rendimento debolissimo, con tassi di rendicontazione compresi tra il 2 e il 33%.
 
“Il fatto che le università del Regno Unito raggiungano risultati migliori – evidenzia il rapporto – rispetto alle loro omologhe europee è dovuto alla combinazione delle pressioni del parlamento, dei finanziatori della ricerca e dell’opinione pubblica”.
 
Le raccomandazioni
- Le Università dovrebbero pubblicare i risultati riassuntivi di tutte le loro sperimentazioni cliniche: passate, presenti e future - su tutti i registri in cui sono elencate queste prove.
 
- Le Agenzie regolatorie del farmaco dovrebbero rivedere tutti gli studi elencati come "in corso" e aggiornare il loro stato a "completato" se applicabile.
 
- I fondi nazionali per la ricerca devono sottoscrivere la dichiarazione congiunta dell'OMS per proteggere i pazienti e impedire che la ricerca medica finanziata dai contribuenti vada sprecata.
 
- I Governi dovrebbero mettere in atto sistemi per monitorare se le sperimentazioni cliniche condotte all'interno della loro giurisdizione stanno postando i loro risultati riassuntivi sui registri pubblici entro 12 mesi, secondo le migliori pratiche dell'OMS, e imporre sanzioni agli sponsor dei test che falliscono nel rendere pubblici i risultati entro tale termine. (
 
“La mancata trasmissione completa e rapida dei risultati delle sperimentazioni cliniche non è un crimine senza vittime. Quando le università violano le regole di trasparenza, i pazienti e i contribuenti pagano un prezzo molto alto. Alcune università hanno già pubblicato oltre il 90% dei loro risultati di prova, dimostrando che laddove esiste una volontà, c'è un modo. Perché le università che infrangono le regole continuano a ricevere fondi pubblici per eseguire ulteriori prove?”, ha dichiarato Till Bruckner, fondatore di TranspariMED.
 
“I recenti miglioramenti che alcune università britanniche hanno apportato nel pubblicare i risultati delle sperimentazioni cliniche dimostrano che la cosa è possibile. Ma le università britanniche hanno ancora molta strada da fare. E le cifre per le università europee rimangono vergognose. I recenti miglioramenti nel Regno Unito sono senza dubbio legati alle rinnovate pressioni da parte dei parlamentari e della società civile, ma dimostrano anche che, laddove vengono fatti sforzi per migliorare la trasparenza, i progressi possono essere rapidi. I pazienti devono essere in grado di credere che i prodotti medici che prendono riflettono la storia di tutte le ricerche e lo sviluppo rilevanti e che il denaro pubblico attenua gli sprechi di ricerca e offre pieno valore in denaro”, ha affermato Rachel Cooper, Direttore di Transparency International Health Initiative.
 
“Trascurare di pubblicare i risultati degli studi clinici non è un reato minore, ha conseguenze dirette per i pazienti, che a causa di lacune nelle evidenze potrebbero non ricevere un trattamento ottimale”, ha detto Jörg Schaaber del gruppo tedesco di integrità sanitaria BUKO Pharma-Kampagne.
 
L.F.

04 maggio 2019
© Riproduzione riservata


Allegati:

spacer Il Rapporto

Altri articoli in Scienza e Farmaci

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
iPiùLetti [7 giorni] [30 giorni]
1  
2  
3  
4  
5  
6  
7  
8  
9  
10  
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Via Boncompagni, 16
00187 - Roma

Via Vittore Carpaccio, 18
00147 Roma (RM)


Direttore responsabile
Cesare Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Presidente e AD
Vincenzo Coluccia

Direttore generale
Ernesto Rodriquez

Redazione
Tel (+39) 06.59.44.62.23
Tel (+39) 06.59.44.62.26
Fax (+39) 06.59.44.62.28
redazione@qsedizioni.it

Pubblicità
Tel. (+39) 06.89.27.28.41
commerciale@qsedizioni.it

Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy