Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Lunedì 23 NOVEMBRE 2020
Scienza e Farmaci
segui quotidianosanita.it

Prevenzione dell’ictus cruciale nella Tavr per la stenosi aortica bicuspide

di David Douglas

Secondo un nuovo studio condotto negli USA, i pazienti sottoposti a sostituzione transcatetere della valvola aortica (Tavr) di valvole aortiche bicuspide (Bav) potrebbe essere a rischio considerevole di ictus anche se trattati in centri ad alto volume. La prevenzione, quindi, gioca un ruolo fondamentale. I ricercatori hanno esaminato i dati che andavano dal 2012 al 2017 relativi a circa la metà dei ricoveri negli Stati Uniti.

21 MAG - (Reuters Health) – Secondo un nuovo studio condotto negli USA, i pazienti sottoposti a sostituzione transcatetere della valvola aortica (Tavr) di valvole aortiche bicuspide (Bav) potrebbe essere a rischio considerevole di ictus anche se trattati in centri ad alto volume.”Sembra esserci un rischio significativo di ictus nei pazienti sottoposti a Tavr per stenosi bicuspide della valvola aortica, indipendentemente dal volume procedurale – dice Samir R. Kapadia della Cleveland Clinic Foundation, uno degli autori dello studio – Le strategie di prevenzione dell’ictus dovrebbero essere fortemente considerate in questi pazienti trattati con Tavr”.
 
Lo studio. I ricercatori hanno esaminato i dati che andavano dal 2012 al 2017 relativi a circa la metà dei ricoveri negli Stati Uniti. Gli ospedali con meno di 100 procedure Tavr all’anno, indipendentemente dal tipo di valvola, sono stati considerati centri a basso volume, mentre quelli con un numero maggiore sono stati considerati centri a volume elevato.

I pazienti con Bav rappresentavano lo 0,9% di tutte le procedure Tavr negli ospedali a basso volume e l’1% di tutte le procedure Tavr negli ospedali ad alto volume. Tra i 1.626 pazienti inclusi, il 53,1% è stato sottoposto a Tavr negli ospedali ad alto volume. Questi pazienti erano più anziani e avevano più comorbilità.
 
I risultati. I tassi di ictus in ospedale sono stati del 3,6% negli ospedali ad alto volume e dell’1,8% nei centri a basso volume. Le proporzioni corrispondenti per la morte in ospedale sono state rispettivamente del 2,3% e del 3,8%.
 

Dopo l’aggiustamento per età, sesso e altri fattori, il rischio di dimissione con disabilità a seguito di Tavr è stato significativamente più basso nei centri ad alto volume (odds ratio, 0,655) e la differenza basata sul volume nell’incidenza dell’ictus non è più stata significativa. “Questi tassi di ictus sono più alti di quelli precedentemente mostrati in una popolazione prevalentemente tricuspide”, hanno osservato i ricercatori.
 
“Ci sono diversi fattori tecnici che portano a tassi più elevati di complicanze acute e risultati procedurali meno adeguati in questi pazienti – osserva Jay Giri dell’Università della Pennsylvania, a Filadelfia, cardiologo interventista non coinvolto nello studio – Pertanto, questo è un gruppo importante che deve essere studiato più attentament”

Fonte: JACC: Cardiovascular Interventions

David Douglas

(Versione italiana Quotidiano Sanità/Popular Science)

21 maggio 2020
© Riproduzione riservata


Altri articoli in Scienza e Farmaci

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Via Boncompagni, 16
00187 - Roma

Via Vittore Carpaccio, 18
00147 Roma (RM)


Direttore responsabile
Cesare Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Presidente e AD
Vincenzo Coluccia

Direttore generale
Ernesto Rodriquez

Redazione
Tel (+39) 06.59.44.62.23
Tel (+39) 06.59.44.62.26
Fax (+39) 06.59.44.62.28
redazione@qsedizioni.it

Pubblicità
Tel. (+39) 06.89.27.28.41
commerciale@qsedizioni.it

Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy